VITELLO

 

  A RUSIDDA 'MPERTINENTI E A FAVUZZA TENERA 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A RUSIDDA 'MPIRTINENTI
E A FAVUZZA TENNIRA

Ni la campagna, spirduta e sulagna,
sutta l'occhiu d'un suli d'Abbiliri,
cu l'acquazzina ca luci e lu vagna,
un mennulu, cusuiteru, sintì 'stù diri:
"Nascivu ciura sarbaggia, mi fici po' 'nnistari
e rosa supraffina, mi fazzu taliari!
Sugnu rosa russa, virmiglia e villutata,
ciuri di l'Amuri sugnu 'nnuminata!
Pallita e sciluccusa è, ammeci, a to ciurìa,
resta vascia vascia, nuddu la talìa!
Affacciata a lu rusetu,
mi pitta di russu lu suli
e tu, sempri ammucciata,
sì fava malacculuri"!!"Carmati tanticchia, rusidda 'mpirtinenti,
ascunta li me palori e tenili 'bbeni a menti:
taliannu l'apparenza,
idda ti pò 'ngannari,
ha 'gghiri a la sustanza si u veru vo truvari!
Veru è ca 'stu fugliami
mi teni ammucciata,
ma, comu favuzza tennira,
sugnu, assà circata!
Pi 'ttia ca nun mi vidi,
iu sugnu misira cosa,
ma ognunu, ni la vita,
serbi a quarchi 'ccosa:
mentri, cu 'ttia,
d'Amuri parlanu li 'nnamurati,
cu 'mmia, li panzi s'inchinu
li poviri affamigliati,
pirchì si unn'hannu pani
e spinnanu pi mangiari,
cu favi cotti e maccu li fazzu arricriari!
Quannu, pi 'ttia, tracodda
a stajuni di lu ciuri
tu nun serbi a nenti,
nun parli 'cchiù d'Amuri
e mentri li to pitali vennu ittati o ventu,
iu restu, pi li famigli,
sustegnu e nutrimentu...
perciò, rusidda mia, prima di giudicari,
"scricchiami"! Ni lu cori, tu m'ha taliari"
                                      
LA ROSA IMPERTINENTE
E LA FAVETTA TENERA
Nella campagna sperduta e solitaria,
sotto l'occhio di un sole d'Aprile,
con la rugiada che luccica e lo bagna,
un albero, curioso, sentì questo dire:
"Sono nata fiore selvaggio, mi sono fatta,
poi, innestare e rosa sopraffina,
mi faccio, oggi, ammirare! Sono rosa rossa, vermiglia e vellutata,
fiore dell'Amore sono nominata.
Pallido e scolorito è, invece, il tuo fiorire,
resta basso, basso fino al suo sfiorire!
Affacciata al roseto,
mi pittura di rosso il sole
e tu, sempre nascosta,
sei fava senza colore"!"Calmati un pochino, rosetta impertinente,
ascolta le mie parole, tienile bene in mente:
se guardi l'apparenza,
questa ti può ingannare,
vai alla sostanza se il vero vuoi trovare.
Sì, da questo fogliame
la vista mi viene negata
ma, come favetta tenera,
sono gustosa e cercata! Per te che non mi vedi,
io sono misera cosa
ma, ognuno nella vita,
serve a qualche cosa:
mentre, con te, d'Amore
parlano gli innamorati,
con me le pance riempiono
i poveri affamati,
perché se non hanno pane
e bramano per mangiare,
con fave cotte e "maccu" (1) li faccio saziare!
Quando, poi, tramonta
la stagione del tuo fiore,
tu non servi a niente
e non parli più d'Amore!
E mentre i tuoi petali vengono buttati al vento,
io resto, per le famiglie,
sostegno e nutrimento!
Perciò, rosetta mia, prima di giudicare,
"aprimi"! Dentro il cuore,
mi devi, tu, guardare!
 
 

 
 
 
 
 
       

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

  MITU E FULKLURI NI LA VALLI 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
MITU E FULKLURI NI LA VALLI                       
Sintiti, sintiti, sintiti...
c'era 'na vota a Primavera
ca, picciuttedda, circannu l'Amuri
lu vinni a truvari
nu "Mennulu 'nciuuri",
e riturnannu,
annu pi annu,
pi rinnuvari
stu "Pattu d'amuri" siculari,
di tantu sintimentu stasiata,
arriva prima ni la Dorica Vallata.
Ni sta Valli
scurriva un sacru ciumi
"Akragas" 'nnuminatu
e lu focu di l'Amuri
'ccà viniva cunzacratu.
Cu u canduri di lulinu
'na vesta assà spiciali,
già sapiva di divinu
lu gran Ritu nuziali.
N'agnidduzza nova nata
po' 'ncinzava u sacru artari
e lu ciavuru e la fumata
fina 'ncelu avia arrivari
pi purtari gran dilizia
a Pronubia propizia.
Matri Dimetra,
senza 'cchiù affannu,
du Patri Giovi cunurtata,
propriu ni chissà stasciuni di l'annu,
va passiannu ni la Vallata.
Prima ca a spica d'oru addiventa
e lu papaviru di russu s'ammanta,
sutta li mennuli chini di ciuri
va arridennu cu la so Kuri.
E sti culonni arsi du suli,
du ventu da marina cunurtati,
di Mitu, di Mimoria e di Splinduri,
parino essiri tutti 'mpastati...
L'ecu du Tempu,
porta la vuci di tanti Genti
ca, cu li ditti e cu li fatti,
ficiru a storia di Giurgenti.
Ora, pi 'nnantri, è storia ricenti
"U mennulu 'nciuri di Giurgenti"
ci sunnu razzi di ogni manera
pi salutari a Primavera.
Vannu arridennu a li prisenti
e, d'essiri 'ccà, su tutti cuntenti.
Tra Gruppa naziunala e furastera
si va rumpennu ogni fruntera ...
lucichìì di custumi culurati,
danzi di fulkluri,
spilati di carretta,
battiti di mani,
miludii vicini e luntani
volanu nill'aria azzulata
e si disperdinu pi tutta la Vallata.
Ni sta festa di fulkluri
c'è u girmugliu di l'Amuri,
gran richiamu mundiali
ca nunn'avi nantru aguali.
E davanti a la "Cuncordia"
nun c'è postu pà Discordia,
ci sia Paci, gran Litizia
e la "ciaccula di l'Amicizia"!
MITO E FOLKLORE NELLA VALLE
Sentite, sentite, sentite…
C’era una volta la Primavera
che, giovinetta, cercando l’Amore,
lo venne a trovare
un “Mandorlo in fiore
e ritornando
anno per anno
per rinnovare
questo “Patto d’amore” secolare,
da tanto sentimento estasiata
arriva prima nella Dorica vallata (Agrigento)
In questa valle
scorreva un sacro fiume
“Akragas” chiamato
e il fuoco dell’Amore
che veniva consacrato.
Con il candore del lino
una vesta assai speciale
già sapeva di divino
il gran Rito nuziale.
Un’agnellina appena nata
poi incensava il sacro altare
e l’odore e il fumo
fino in cielo doveva arrivare
per portare gran delizia
a Pronubia propizia
Madre Demetra,
senza più affanno
dal padre Giove confortata
proprio in questa stagione dell’anno
va passeggiando per la Vallata
Prima che la spiga dìoro diventi
ed il papavero di rosso s’ammanta
Sotto i mandorli pieni di fiori
va sorridendo con il suo Kuri
E da queste colonne arse dal sole
dal vento della marina confortate,
da Mito, da Memoria e da Splendore
sembrano essere impastati…
L’eco del tempo
porta la voce di tanta Gente
che, con il parlare e con i fatti
fecero la storia dm Agrigento.
Ora per noi è storia recente
“Il mandorlo in fiore di Agrigento”
ci sono razze da ogni dove
per salutare la Primavera.
Vanno ridendo ai presenti
e d’essere in questa città sono contenti.
Tra gruppi nazionali e forestieri
si va rompendo ogni frontiera…
luccichii di costumi colorati,
danze di folcklori,
sfilate di carretti
battiti di mani,
melodie vicine e lontane
volano nell’aria azzurrina
e si disperdono nella Vallata.
In questa festa di folklore
c’è un germoglio dell’Amore,
gran richiamo mondiale
che non ha altro uguale.
E davanti alla “Concordia” (tempio)
non c’è posto per la Discordia,
ci sia Pace, gran Letizia
e la fiaccola dell’Amicizia

 


 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

  NI LA TERRA DI LI MENNULI AMARI 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NI LA TERRA DI LI MENNULI AMARI
Sbattuliatu
di la fridda tramuntana,
‘ddrà sutta,
‘mmezzu a la chlana,
un ciuri di mennula,
tuttu arriddrutu spampinà e,
ni lu virdi fugliami,
a so minnulicehia,
tinira e sula, arristà.
L’ ucchiuzzi
o Munnu grapì
e, na rama primurusa,
ci arridì.
“Ma chi ci fazzu ccà...
si u me giuccu era ‘ddrà,
u ventu m’annacava
e un ciuri.. m’accalurava?’

“Sta Terra ti chiamà
e tu nascistl ‘ccà
e lu nasciri d’un ciuri
l’aviri a tantu anuri.
Ma ora, pi campari,
suliddra tu a’ luttari,
pirchì lu pani,
ora pi ora,
si scutta cu li sudura!

Nicuzza, all’erta a stari:
‘ccà a vita sapi dari
vintati assà cuntrari
e, ‘ddritta ‘ddnitta, ‘nterra
ti fa scuppari”!
Ni la Terra...
Di li mennuli amari,
sutta un suli
di Frivaru,
affruntusu e matinaru.                                  
NELLA TERRA DELLE MANDORLE AMARE

Sbattutu
dalla fredda tramontana
la sotto
in mezzo alla piana,
un fiore di mandorlo,
tutto indirizzito perse le foglie e,
nel verde fogliame,
la sua mandorlina
tenera e sola, restò.
Gli occhietti
al Mondo aprì
ed un ramo premuroso
gli sorrise.
Ma che faccio qui…
se il mio letto era la,
il vento mi dondolava
e un fiore mi riscaldava

Questa terra ti chiamò
e tu nascesti qui
e il nascere d’un fiore
lo devi prendere come onore.
Ma ora per vivere
da sola tu devi lottare,
perché il pane,
ora per ora
si guadagna con i sudori.

Piccolina, all’erta devi stare.
perché la vita sa dare
ventate molto contrarie
e dritta, dritta a terra
ti fa andare…..
Nella terra
dei mandorli amari,
sotto un sole
di Febbraio
a disagio e mattiniero.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

  'NCANTU DI NATURA 

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'NCANTU DI NATURA E CORI                       
Francesca Vitello
Carmaria di fugliami allucintatu
di lustru di luna.
Trapuntìu di stiddi arraccamati.
Cuncertu di griddi
e lucichìi di cannileddì ncantati.
Taci la vita, taci la notti,
notti argintata
di silenziu ammantata.
Silenziu
Silenziu ca parla
cu turmenta di dulura,
cu suspira di luntananza,
cu noti di puisia.
Sì,
cu noti di puisia
ca, di l'arcata stiddiata,
vannu cadennu a una a una,
comu nisci arruvintati,
ni li cori 'nnamurati
e... cu magia di pitturi
si va scrivennu
na palora:
"AMURI".                                  
INCANTO DI NATURA E CUORE

 

Calma di fogliame lucente
alla luce della luna
Cielo trapuntato di stelle ricamate.
Concerto di grilli
e luccichio di lucciole incantate.

Tace la vita, tace la notte,

notte argentata
di silenzio ammantata.
Silenzio
Silenzio che parla
con tormenti di dolore
con sospiri di lontananza,
con note di poesia.
Si,
con note di poesia
che, dall'arcata stellata,
vanno cadendo ad una ad una
come faville arroventate,
nei cuori innamorati
e….con magia di pittori
si va scrivendo
una parola:
"AMORE".
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 NOTTI D'AGUSTU

poesia di Francesca Vitello

 

 

 

 

 

 

 

 

 


NOTTI D'AGUSTU
U gabbianu!
s'aggucca
ni lu scogliu.
U mari
s'assirena...
U suli
chiui
a finestra
di la luci...
cala lu scuru.
Faiddìa
lu stiddiatu.
S'adduma,
ni la notti,
u lumi
di lu Criatu.
Lucichìa
lu mari
o chiaru di luna.
S'inargenta
la Natura...
Sirena nuttata
d'agustu
ciaurusa
di fragranzi
saracini.
ca pizzica
li cordi di l'arma
e arrisbiglia
l'arcani sinfunii
di lu cori.  

                                               



NOTTE D'AGOSTO
II gabbiano
si acquatta
sullo scoglio.
Il mare
si rasserena...
Il sole
chiude
la finestra
della luce...
si fa buio.
Brillìo
di ciclo stellato.
Si accende,
nella notte,
il lume
del Creato.
Luccica
il mare
al chiaro di luna.
S'inargenta
la Natura...
Serena nottata
d'agosto
odorosa
di fragranze saracene.
che tocca
le corde dell'anima
e risveglia
le antiche sinfonie
del cuore.
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 41 visitatori e nessun utente online