BARONE NINO

 

 BARONE NINO

A LA ME TERRA

E FINALMENTI 'U SULI

LU SULI AFFACCIA

LU VERSU MEU CHIU' BEDDU

 

Nino Barone nasce ad Erice Casa Santa nel 1972 ma vive a Trapani con la moglie Rita e i figli Mario e Flavio. Impiegato presso la Fondazione Auxilium, svolge mansione di assistente-educatore.
Nutre particolare interesse per la storia, la letteratura e le tradizioni popolari. Non a caso è parte attiva nella celebre “ Processione dei Misteri “ che si svolge il Venerdì Santo a Trapani. Sin da bambino manifesta una spiccata sensibilità poetica che ha coltivato e maturato negli anni. Dal 2005 ha partecipato a svariati concorsi, anche fuori dalla Sicilia, ottenendo risultati soddisfacenti. Ha pubblicato nel 2006 una raccolta personale di poesia dialettale dal titolo " ‘A stratuzza "; nel 2009 è invece coautore di un'antologia di corrispondenza in versi dal titolo: "Mi trovu 'nto mezzu... chi fazzu?; nel 2011 è coautore del volume storico "Metallurgici" e nello stesso anno, con il poeta Giuseppe Gerbino, porta alle stampe il volume "Cenni di ortografia siciliana - Linea GeBa". Nel 2012, pubblica con la Edizioni Drepanum, casa editrice da lui fondata, "L'etimo della festa - La processione dei Misteri e il suo linguaggio e nel 2013 la sua seconda raccolta di poesia "Ciatu, musica e paroli". Le sue poesie sono presenti in numerossime antologie.

 



 

E FINALMENTI U SULI
Nino Barone

 

  

(voce Nicolò La Perna)

 

 

E FINALMENTI 'U SULI 

E finalmenti 'u suli stamatina
mi desi na gran vogghia di passiari
e sugnu cca, chiantatu a la marina,
a sentiri 'u rivugghiu di lu mari,

a vidiri 'i gabbiani a la banchina
chi pòsanu e poi tòrnanu a vulari
e godu pi diveru, caspitina,
lassànnumi, pi junta, traspurtari!

E' tutta na cantata, è tuttu un jocu
di musica liggera e sapurita
chi la natura spanni nta lu locu

e pari, quasi quasi, chi mi mmita,
chi m'accarizza e vasa, e a pocu a pocu,
mi duna lu so ciatu, la so vita.

E FINALMENTE IL SOLE

E finalmente il sole stamattina

mi diede una gran voglia di camminare
e sono qui, fermo alla marina,
a sentire il mormorio del mare,

a vedere i gabbiani alla banchina
che si posano e poi tornano a volare
e godo veramente, caspitina,
lasciandomi, per giunta, trasportare!

E tutta una cantata, è tutto un gioco
di musica leggera e saporita
che la natura spande in quel luogo

e sembra, quasi quasi, che mi invita,
che mi accarezza e bacia e a poco poco
mi da il suo afflato, la sua vita.

 

 

 

 

 

 

  

(voce Nicolò La Perna)

LU SULI AFFACCIA

Nino Barone

 

LU SULI AFFACCIA...

Lu suli affaccia e l'acidduzzi 'ncoru
nun fannu chi cantari a la matina...
la terra pigghia ciatu e si rimina
mentri lu munti si culura d'oru.
Un jaddu canta nsemi a la jaddina,
lu cani cu la jatta frati e soru
ed iu ncantatu quasi chi ci moru
davanzi sta natura c'hè divina.

Un frusciu d'acqua scurri a lentu a lentu
mentri n'apuzza 'ncapu lu so ciuri
godi sulidda l'urtima rugiata!

Godi sulidda finu a quanuu 'u ventu
nun jisa e vola libirannu amuri...
pirchì d'amuri fu ricumpisata!

IL SOLE AFFACCIA

Il sole affaccia e gli uccellini in coro
non fanno che cantare al mattino...
la terra prende fiato e si smuove
mentre il monte si colora d'oro.

Un gallo canta insieme alla gallina,
il cane con la gatta son come fretello e sorella
ed io incantato quasi muoio
davanti a questa natura che è divina.

Un fruscio d'acqua scorre lentamente
mentre un'ape sorta al suo fiore
gode soletta l'ultima rugiada;

Gode soletta fino a quando il vento
no si alza e vola librando amore...
perchè d'amore fu ricompensata !

 Questa poesia è tratta dal libro di Nino Barone "Spichi" Ed. Drepanum , per contatti col poeta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

  

(voce Nicolò La Perna)

LU VERSU MEU CHIU' BEDDU

Nino Barone

 

LU VERSU MEU CHIU' BEDDU

Lu versu meu
chiù beddu
me mugghieri

la me puisia
chiù nfuta
li me figghi

chistu è lu tiatru
e recitu cu iddi
la me vita

lu restu
è sulu spaziu
dunnu curtivu
stu ghiommaru
d'amuri

IL VERSO MIO PIU' BELLO

Il verso mio
più bello
mia moglie

la mia poesia
più folta
i miei figli

questo è il teatro
e recito con loro
la mia vita

il resto
è solo spazio
dove coltivo
questo gomitolo
d'amore

 Questa poesia è tratta dal libro di Nino Barone "Petri senza tempu" Ed. Drepanum , per contatti col poeta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

  


A LA ME TERRA

Nino Barone

 

A LA ME TERRA

Quantu beni ca ti vogghiu
terra mia, tu ricu ancora 
ti lu scrivu 'ncapu a un foggliu
ti lu cantu intra e fora, 
i biddizzi tò su rari
cu ci veni si nn'adduna
stinnicchiata 'nda lu mari
fai tuccari stiddi e luna. 
I ricchizzi chi pussedi
granni e nichi ci nni sunnu:
la Maronna, li Misteri
li canusci tuttu u munnu.
Quannu grai lu sopariu
quanti chiesi, monumenti
non c'è postu pi stu lariu
tu d'amuri si surgenti:
quannu u suli si n'acchiana 
si va specchia 'nda salina 
splenni a mari Favignana, 
splenni u portu e la marina.
L'acidduzzi fannu festa, 
li gabbiani 'nda scugghiera,
puru quannu c'è timpesta
pari sempri primavera.
Tu si sacra, si divina
terra mia di rosi e spini.
a stu munnu si rigina,
tu mi scurri 'nda li vini.
Lu me cori batti forti
'nda ddi strati, li vaneddi
poi quannu veni notti
luminati su chiù beddi. 
La campana in Cattidrali
sona all'ura stabilita 
stessu sonu tali e quali 
duna battitu a la vita.
Lu sipariu poi si chiudi
va lu suli a ripusari 
perdi tuttu lu culuri
mai i carizzi di lu mari.
Nun c'è cosa chiù prigiata
lu ripetu jorna e misi,
haiu 'npettu na vampata
chidda chi avi un trapanisi.
Quantu beni che ti vogghiu
ti lu dicu sulu e in coru,
pi stu ruppu nun lu sciogghiu
terra, mancu quannu moru.

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 195 visitatori e nessun utente online