GAGLIO SALVATORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CRISTU DI LA RISUSCITA
SALVATORE GAGLIO

 

  

 

CRISTU DI LA RISUSCITA                              

Cristu di la risùscita, la gloria 
ca vincisti la morti e lu piccatu,
mi porta a dìriti “ti sugnu gratu”; 
ma comu fazzu a dàriti vittoria,

s’iddru lu munnu è fattu di baldoria,
l’onestu mori, 'u débuli è ammazzatu,
stermina e vinci l’omu scelleratu
e 'u sangu inghi ogni pagina di storia?

Lu sagrifìciu to, la to vinuta,
pari ca foru mmàtula. La cruci
a chi sirbì, si l’Opera e falluta?

Ma sentu 'n-funnu, 'n-cori, la to vuci: 

lu me scunortu ni la spranza muta
e m’abbrazzu abbrazzatu a la to luci.

CRISTO RISUSCITATO

Cristo risuscitato, la gloria
che hai vinto la morte ed il peccato
mi porta a dirti: "ti sono grato";
ma come faccio a darti vittoria,

se il mondo è fatto di baldoria,
l'onesto muore, il debole è ammazzato,
stermina e vince l'uomo scellerato,
ed il sangue riempie ogni pagina di storia?

Il tuo sacrificio, la tua venuta,
sembra che è stato inutile. La croce
a cosa serve, se l'Opera è fallita?

Ma sento in fondo al cuore la tua voce;
il mio sconforto nella speranza muta
e m'abbraccio abbracciato alla tua luce.

 

 

 

 

 

 

 

 

SERENATA DI CANTISTA


SALVATORE GAGLIO

 

  

 

SERENATA DI CANTISTA

Addrivìgliati e senti 'u me parlari:
hàiu datu la vuci a chistu e chiddru;
ma è juntu lu mumentu di cantari
sulu pi mia e pi lu me disiddru.
Ti cantu 'sta canzuna a notti funna
pirchì di la to luci hàiu bisognu.
Lu cori è ni l’angoscia e ni iddra spunna,
si nun t’affacci, o fìmmina di sognu.
Si tu t’affacci, affàccianu li stiddri;
si tu mi spunti, la to facci è luna:
lu cori friddu m’inghi arrè di azziddri
e arduri senza fini po’ mi duna.
Chi fussi bellu vìditi affacciari
e l’occhi m’allustrari a la to vista.
Chi fussi bellu vìditi spuntari
pi 'stu poviru cori di cantista.
Affàcciati, ca volu a la conquista.
Spunta, ca vegnu l’alba ad affirrari.
O vita o vita, nun éssimi trista:
'ddra finistreddra, falla sbarracari!

 SERENATA DI CANTANTE

Risvegliati ed ascolta il mio parlare:
ho prestato la voce a questo e quello;
ma è giunto ora il momento di cantare
solo per me e per il mio desiderio.
Ti canto questo canto a notte fonda
perché della tua luce ho gran bisogno.
Il cuore è nell’angoscia vi sprofonda,
se non ti affacci, o femmina di sogno.
Se tu ti affacci, affacciano le stelle;
se tu mi spunti, la tua faccia è luna:
il cuore freddo mi riempie di brividi
e ardore senza fine poi mi dona.
Sarebbe bello vederti affacciare,
e gli occhi illuminarmi alla tua vista.
Sarebbe bello vederti spuntare
per questo umile cuore di cantante.
Affacciati, che volo alla conquista.
Spunta, che vengo l’alba ad afferrare.
O vita o vita, non essermi trista:
quella finestra, falla spalancare!

 

 

 

 

 

 

 

 

CANNILI


SALVATORE GAGLIO

 

  

 

CANNILI

Semu cannili ni la notti scura,
spersi tra lu passatu e l’avveniri.
Veni e n’astuta, 
d’iddra a lu vuliri,
lu tempu-ventu, figliu di Natura.

Vìnnimu e fomu ccà 
quannu fu l’ura,
gioia e donu di Diu senza sapiri.
Furtuna ni chiamaru a lu viniri;
ora mancamu, e resta la svintura.

Eppuru dicu grazii a cu mi fici 
pirchì fu’ lu so amuri 
e lu so vantu
e n’hàiu gioia si éranu felici.

Eppuru mi fa ténniru 'ddru chiantu, 
si cu mi perdi 
è un àttimu 'nfelici.
E cedu tra l’affetti, e mi ni 'ncantu.

CANDELE

Siamo candele nella notte oscura, 
dispersi tra il passato e l’avvenire. 
Passa e ci spegne, 
di essa al suo volere, 
il tempo-vento, figlio di Natura.

Venimmo e fummo qui 
quando fu l’ora, 
gioia e dono di Dio senza sapere. 
Fortuna ci chiamarono al venire; 
ora manchiamo, e resta la sventura.

Eppure dico grazie a chi mi fece, 
perché fui il loro amore 
e il loro vanto, 
e ne ho gioia se erano felici.

Eppure mi fa tenero quel pianto, 
se chi mi perde 
è un attimo infelice. 

E cedo tra gli affetti, e me ne incanto.

 

 

 

 

 

 

A MATRI TERRA


SALVATORE GAGLIO

 

  

 

A MATRI TERRA

Finisci di cantari la me vucca
pirchì nun hàiu cchiù
la luci 'n-cori.
Persi lu jornu e tutti li tesori
chi 'u tempu a la passata
piglia e abbucca.

Sentu a lu scuru
'u cantu di la cucca
chi chiama e chiama
senza cchiù palori.

Vasu l’ùrtima guccia di licori,
e già lu corpu
è 'n-terra chi s’aggiucca.

Terra ca mi sì Matri, amata Terra,
ni tia - cu tia -
m’abbrazzu e m’abbannunu,
stancu di tantu munnu
e tanta guerra.

Siddru sbagliavu,
dùnami pirdunu.
Vogliu ca la to Vita
la me afferra,
e ca turnamu pi l’eternu l’Unu.

E si ora Diu
si piglia i sentimenti
cu l’anima, lu spìritu e lu cori,
si tingi d’avveniri lu presenti
ed è dunci
'u mumentu
chi si mori.

A MADRE TERRA

Finisce di cantare la mia bocca
perché non ho più
la luce in cuore
Persi il giorno e tutti i tesori
che il tempo al suo passare
prende e versa.

Sento nel buio
il canto della civetta
che chiama e chiama
senza più parole.

Bacio l’ultima goccia di liquore,
e già il corpo
a terra si distende.

Terra che mi sei Madre, amata Terra,
in te - con te -
mi abbraccio e mi abbandono,
stanco di tanto mondo
e tanta guerra.

Se ho sbagliato,
dammi il tuo perdono.
Voglio che la tua Vita
la mia afferri,
e che torniamo per l’eterno l’Uno.

E se ora Dio
si prende i sentimenti
con l’anima, lo spirito ed il cuore,
si dipinge di avvenire il presente
ed è dolce
il momento
in cui si muore.

 Nota
Il poeta, ammalato di un male incurabile, è deceduto un mese dopo aver inviato questa poesia.
La poesia fa presagire il suo ritornare al Padre.

 

 

 

 

 

 

A LAPA

SALVATORE GAGLIO

(dalla Silloge "La Natura e la Sorti", vincitricedel Premio Martoglio - Grotte - 2007)

 

  

 

A LA LAPA

Si spunta un khiuri nicu, (e giru-giru
l’erba crisci e ci leva lu suspiru,
e l’ammuccia a lu celu e a la natura
ca nun sapi si è sira o si è matina),…
e si ddru khiuri cu vuciddra fina
ti chiama, a tia chi voli a la vintura,
e dici e dici «lapa, veni ccà;
cogli meli ni mia»,
Fèrmati, lapa!

Pùngilu! Lu pungisti.
Vidi chi cuntintizza?
Vidi comu s’arrizza?
Pùngilu arrè;
nun chiama cchiù;
arrifrisca,
lapa di vrisca.

Ti duna la so vita. Tu la cogli
e vulannu la porti pi lu chianu
unni di khiuri e khiuri c’è rigogli.

Iddru, fermu, luntanu
spingi la testa 'n capu troffi d’erba;
trema; pinìa; s’addruma ni la spranza.
Pari ca vola nzémmula cu tia…
T’abbrazza, e nun ci pari luntananza.

Tu posi la so spranza, e la fa vita.
Khiuri di vita, già si senti un diu
chi fa un adamu cu lu khiatu so,
mentri tanta simenta
(ora ca lu sunnari è cosa vera)
cunchiudi arcani di la primavera.
E frati e soru, sularini e a mazzi,
tutti chi fannu e fannu, e fannu razzi.
O lapa ruffiana, quantu sprazzi!

Lu chianu è un paradisu; un Diu chi fa:
Diu khiuri e Diu culuri, e lapa e volu.
C’è un Diu ni lu suspiru di lu ventu.
Chistu è lu Diu chi sentu!
Natura chi rinasci, e tantu Amuri
chi jìnghi l’aria, chi khiata, e veni e va,
è tuttu un parpaddrìu d’Eternità.

                                                                                         

ALL’APE

  

Se spunta un fiorellino, (e tutt'intorno
l’erba cresce e ne soffoca il respiro,
e lo nasconde al cielo e alla natura,
per cui non sa se è sera o se è il mattino),
e se quel fiore con il suo vocino,
ti chiama, te che voli alla ventura,
e dice e dice «ape, vieni qui;
cogli il succo da me»,
fermati, ape.

Pungilo! Lo hai già punto.
Vedi che contentezza?
Non vedi come freme?
Pungilo ancor;
non chiama più;
s’accheta,
ape del favo.

Ti dona la sua vita.
Tu la cogli, e volando la porti per il piano,
dove di fiori e fiori c’è rigoglio.

Egli, fermo, lontano,
solleva il capo sui cespugli d’erba;
trema, va in pena, s’accende di speranza.
Pare che voli unitamente a te…
T’abbraccia, e non gli pare lontananza.

Posi la sua speranza, e la fai vita.
Fiore di vita, già si sente un dio
che fa un adamo con il fiato suo,
mentre un polline tanto,
(oramai che il sognare è cosa vera),
conchiude arcani della primavera.
E maschi e femmine, soletti e a mazzi,
tutti che fanno e fanno, e fanno razze.
Oh! ape ruffiana, quanti sfarzi!

Il piano è un paradiso; un Dio che fa:
Dio fiore e Dio colore, ed ape e volo.
C’è certo un Dio nell'alito del vento.
È questo il Dio che sento!
Natura che rinasce e tanto Amore
che colma l’aria, che fiata, e viene e va,
è tutto un palpitar di Eternità

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 55 visitatori e nessun utente online