TANINO GAGLIO

 

 

CANZONI

USTICA

USTICA

Stamatina ca cielu e mari si toccanu,
stamatina ca cielu e mari si vasanu,
poi talianu versu di tia
e ti dicinu sti paroli:

Quantu si bedda, Ustica,
ma quantu è bedda st'isula.

Capiddi scuri comu a petra lavica tu ti nascisti
e occhi azzurri comu l'acqua du mari chi ti vagna
e arrifrisca la to peddi caura
mentri lu suli ti cauria.

Quantu si bedda Ustica,
ma quantu è bedda st'isula.

E la to genti è fiera di stari cu tia
e 'nnamurata, ti ama, è pazza di tia,
poi quannu arriva lu jornu du misi d'austu
si fa gran festa pi lu patruni San Bartulumeu
e in procissioni gli usticisi e turisti 'ncantati
tra bancareddi, turruni e picciliddi scappati,
è divina dda notti di gran devozioni
e alla fini i spari e lu jocu di focu.

Quantu si bedda Ustica,
ma quantu è bedda st'isula

USTICA

Stamattina, che cielo e mare si toccano,
stamattina, che cielo e mare si baciano,
poi guardano verso di te
e ti dicono queste parole:

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

Capelli scuri come la pietra lavica tu sei nata
e occhi azzurri come l'acqua del mare che ti bagna,
e rinfresca la tua pelle calda
mentre il sole ti riscalda.

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

E la tua gente è fiera di stare con te
è innamorata, ti ama, è pazza di te,
poi quando arriva il giorno del mese d'agosto
si fa gran festa per il patrono San Bartolomeo
e in processione gli usticesi e i turisti incantati
tra bancarelle, torrone, e bambini perduti,
è divina quella notte di gran devozione
e alla fne gli spari e i fuochi d'artificio.

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

                                

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online