A LICATA

Pino Giuliana

 

 

 

Poesie

A-LLICÀTA 
(CCU-LL'ESSENZA DI-RROSA O 'CJURÌRI)

Cci'abbitàvu, nna vanéddra da marina,
alitata di l'essenza, di-Rrosa, o scjurìri;
unni li nìchi, jucàvauu a rrìschju...
di vacilàti, di sapunàta, lavatura e-lliscìja 
(quànnu-jìva-bbona )!
Tànnu, cunnutti... ùnn'esistivanu
e l'acqua, ccu li vùtti... nni carretti,
si vinniva... a-llancèddri di zzìngu:
" una cìncu-sòrdi " vannijavànu li carusi,
purttannuli... scànzi... ncàpu li spaddruzzi... assammaràti!
Oh, si-jìva a-ppiggljàri a stazzjjòni: 
nni li carri 
o, na funtanèddra di ghìsa, a-ppumpijàri;
spèssu nggustijàta... e-ssempri affuddrata,
di catèrvij di: bbidùna, 
quarttari, pignàti, callarùna;...
misi nfìla, ùsu surddati, ppi lu-rrancju...
ca, nni ddr'abbilènti aspittari 
(pp'azzarddati... surppassi)...
tanti finìvanu sffracillati, 
ppi li scjàrri scatinàti...
Pjàghi... cumpinzàti... a jòsa, "hai vòglja"
di li tantissimi antri còsi-bbeddri...
ca, rricòrdu ccu ggiòja... 
e spàsimi! d'allammicu:
- u mari... so àrccanu: gginuinu e-ggjuvjàli: 
còmu a so-ggenti, sèmprici e-gginjali;
- ù pòrtu, cca màggica lantèrna, 
ca saluta spiranzùsa e-cchjàma anguscjàta;
- i scòggli, a-ppiggljàri grànchi, 
ccu stécchi di canni e-ppila di cavàddru;
-ù puntili, unni piscarècci e-pparànzi, pòrtanu: 
ddra gràzzja, spicjùsa vìva-vìva 
e-pp'addimùra, li fìmmini preganu gridànnu: 
Àncilu! Àncilul Torna! un mi lassari
- a rriva, unni si sàrccinu li rriti e àrmanu li lampàri, ppi-jìri a-ssardi e ancjòvi;
- a spjàggia, di Marjanèddru, Muddrarèddra, Farccunàra: ggjòja e arricrìju di l'està.

- u 'cjùmi, ca purtà a-Rrosa, a chitarra, di zzuccu-ggnirpu e-ccordi di ferruspìnu
- a cjàna, sèmpri vìrdi e-rricca di: pumadamùri, cacoccjùli. mulùna;
- u cjànu "Sètti-spati", ccu fistìnu a Màdunnuzza e li jòchi... nzìna a-nnotti;
- à funzijòni du Vennirèssantu, majstusamènti 
fatta, di li gulijàrdi:
- a fèsta du Prùtitturi "ù cincu di màju", cà prucissjòni am-màri e li viddrani
ca, cci gridànu: "Sànt'Ancjùzzu 
O cjòvi o còddri!" ( e-ccjóvi vèru );
- l'atrìju da Bbatìja, ca villa a scjàncu, nìdu da càlja... unni óra, ppi-llausu du
"Làjons", rrivìvi: " ddr'èssenza, màggica e àrccana,
di la mègglju Rrosa Siciljàna " ca, ccu-Llicàta e 'me cumpàgni... eternamènti... 
hàju: nni-ll'àrma, 
                   nni lu còri... e-nni... la ménti! 
 
1) a Licata; 2) Balistreri: 3) i recipienti pieni d'acqua
4) per mancanza di lubrificazione
5) chi parte: 6) chi ritorna: 7) pesci pescati
8) per il rientro delle barche;                                                                                                                                                                                                                     

A LICATA IMPREGNATA DI 
ROSA BALISTRERI (nella giovinezza)


Abitavo (1) nei vicoli della marina
impregnata dall'essenza della giovinezza 
di Rosa (2) dove i bambini… giocavano a rischio…
di bacinelle: di acqua saponata con soda caustica…
quando andava bene… 

In quel periodo le condotte idriche…
non esistevano e l'acqua, con le botti…
sopra i carretti, si vendeva… a recipienti di zinco:
"una cinque soldi" gridavano i ragazzi,
con sulle spalle, (3) nudi… e bagnati… 
Oppure si andava a prendere l'acqua
alla stazione: nei carri ferroviari, 
o alla fontanella di ghisa, pompandola ; 
lamentosa spesso (4) 
e con tanta folla, 
con in mano bidoni, brocche e pentole e grandi recipienti… 
messi in fila, come soldati, per il rancio…
ed in quell'avvilente aspettare 
(per sorpassi azzardati)
tanti finivano sfracellati,
per le liti scatenate…
Piaghe… compensate … a iosa "hai voglia" 
da tantissime altre cose belle
che ricordo con gioia…
spasimo e con desiderio
- il mare… arcano: genuino e allegro
come la gente di Licata, semplice e imprevedibile:
- il porto, con la magica lanterna, che saluta speranzosa (5) 
e chiama angosciata; (6)
- gli scogli, dove i ragazzi, prendevamo granchi
con stecche di canna e pelo di cavallo
- il pontile dove pescherecci e paranze portano:
quella grazia di Dio…(7) speciali, come fossero ancora vivi;
e per il ritardo (8) le donne pregano gridando:
"Angelo, Angelo torna non mi lasciare".
- la riva, dove i pescatori riparano le reti
e preparano le lampare, per andare a sarde e alici
- la spiaggia, di Marianello, Mollarella 
e Falconara: gioia e piacere dell'estate.
- il fiume, che portò a Rosa, la chitarra fatta
con legno e corde di ferrospianato.
- la piana, sempre verde e ricca di pomodori,
carciofi e meloni; - il piano "Settespade"
con la festa per la Madonna e i giochi fino a notte;
- la funzione del Venerdì Santo, compitamente 
organizzata dai soci del goliardico; (9)
- la festa del protettore (10) il cinque di maggio,
con la processione a mare e i contadini che gridano:
"Sant'Angelo o fai piovere o vai a fondo"; (11)
e piove veramente; - l'atrio della Badia,
con la villa di fianco, nido per la calura,
dove ora, per merito dei "Lions" risuona
"quella voce magica e meravigliosa della più bella Rosa (2)
siciliana, che insieme a Licata…
ed ai miei compagni eternamente… 
ho nell'anima, 
nel cuore e nella mente.

 9) circolo goliardico
10) Sant'Angelo; 11) esclamazione propiziatoria per la pioggia gridata dai portatori della vara di Sant'Angelo, mentre questa è portata dentro il mare alla Giummarella

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online