VENEZIANO PINO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PINO VENEZIANO

 

CANZONI CANTATE DA PINO VENEZIANO

A SANTU

ALLENDE

CINCU SCIURI RUSSI

LA FESTA DI LI PORCI

LA JATTA

LI SCARSI

LU PATRUNI È SUVERCHIU

LU SICILIANU

NIURI SU LI BUMMI

PATRI E FIGGHIU

PIAZZA DI LA LOGGIA

SOCCU VONNU

tratto da http://www.pinoveneziano.altervista.org/Bio.html
si consiglia di visitare il sito: http://www.pinoveneziano.altervista.org

Pino Veneziano nasce a Riesi il 2 luglio del 1933.
Durante la guerra il padre carabiniere, che ha prestato servizio prima a Castelvetrano e poi a Sciacca, abbandona la famiglia. Pino, interrompe la seconda elementare e comincia a lavorare come guardiano di capre e garzone di fornaio.
A 17 anni, con la madre e il fratello, si trasferisce a Castelvetrano, dove lavora come garzone nei bar. Agli inizi degli anni ’60 è cameriere a Selinunte e verso la fine del decennio, con due amici, apre il suo primo ristorante.
Impara a suonare la chitarra a circa 40 anni. Poco dopo scrive la sua prima canzone, Lu sicilianu.
Le altre vengono quasi una dopo l’altra: una trentina circa (il materiale è in fase di riordino).
Negli anni ’70 e fino alla metà degli anni ’80 il ristorante Miramare, e poi il Lido Azzurro, diventano un punto di riferimento per la borgata di Marinella di Selinunte. Pino serve ai tavoli e poi canta le sue canzoni. Tra i suoi clienti ci sono anche Lucio Dalla e Fabrizio De Andrè, che lo vuole come spalla nel suo primo concerto in Sicilia.
Pino regala le sue canzoni anche alle Feste dell’Unità. Nel 1975 incide il suo primo e unico disco, Lu patruni è suvecchiu (Il padrone è di troppo), edito dai Circoli di Ottobre; il poeta Ignazio Buttita nella nota di copertina lo definisce: Un cantastorie che fa politica e la sublima con la poesia.
Nell’estate del 1984 nel ristorante di Pino si ferma anche Borges, il quale si commuove ascoltando le sue canzoni che, per lui, non hanno bisogno di traduzione. Chiede anche di accarezzare il volto di Pino per “vederlo”.
Nel 1984 una compagnia di anziani di Riesi, in gita a Selinunte, casualmente fornisce a Pino informazioni su suo padre che si trova in un casa di riposo a Gela. Quando va a trovarlo scopre che anche il padre suona la chitarra e canta motivi popolari.
Il 1986 è l’ultimo anno in cui Pino lavora al ristorante; intristito dalla morte della moglie (avvenuta nel 1980) e provato da una vita di fatica, per arrotondare la pensione fa il posteggiatore al Parco Archeologico di Selinunte. Continua comunque a scrivere canzoni
Muore il 3 luglio 1994, il giorno dopo il suo compleanno.

 

PINO VENEZIANO

 

A SANTU

 

 

A SANTU

Ddi ‘sta vita cchi nn’haju
Nn’haju sulu stanchzzi,
E lu suli mai viju
E ‘un nn’haiu carizzi.
Sugnu sempri a lu scuru,
e la luci mai viju,
sentu sulu vuciari,
‘ntà ‘stu munnu di pazzi.
C’è l’amuri, e lu sacciu,
c’è l’amuri ppi tutti,
basta fallu capiri
a ccu ‘un ni lu voli.
Quannu ‘ncontru la genti,
c’ havi occhi e nun vidi,
c’ havi aricchi e nun senti,
e nun voli capiri,
l’accumpagnu ppì manu
ppi la strada chiù granni
e cci dicu rirennu
ca cci vjiu cchiù chiaru.
Tri cantara d’amuri,
centumila carizzi ,
iu vulissi dari
ma nuddu li voli.
No nun vogghiu ricchizzi,
di palazzi o dinari,
vogghiu stu munnu di pazzi
vidiri arraggiunari.
Sugnu un santu chi senti,
e nun sugnu di lignu
sugnu orvu di l’occhi
e la strata vi ‘nzignu.

 

 

 

PINO VENEZIANO

 

CINCU CIURI RUSSI

 

 

CINCU CIURI RUSSI

Cincu ciuri russi
comu lu focu,
foru pigghiati a muzzu
ddi ‘nta lu mazzu
eranu comu li spirdi
ppi lu nimicu,
chi pi lu scantu
addivintau pazzu.
Foru pigghiati
e turturati,
po’ cu disprezzu
foru ammazzati.
Cincu omini russi
di culuri
morsiru senza nuddu
a lu capizzu
morsiru cantannu
chistu è lu prezzu
chi paga cu
si voli libbirari.
Eranu patri
eranu figghi
di tutti chiddi
ca su sfruttati.
Morsiru senza jittari
mancu ‘na vuci,
comu careru
si misiru a vulari,
ppi diri a ccu ancora ‘un voli capiri,
chi lu fascismu ammazza li nimici.
Ma ‘un la sintiti,
la so vuci chi dici :
Pi la libirtàti muriri è dduci!

 

 

 

PINO VENEZIANO

 

ALLENDE

 

 

ALLENDE

Quannu detti li terri a li viddani,
e li minieri a li minatura,
li fabbrichi a li travagghiatura,
l’assassinaru comu traditura.
Allende, chi facisti?
Un nni l’aviv‘a fari,
schiavu di lu patruni aviat’ a ristari.
‘nta un jornu n’ammazzaru trentamila,
dintra li casi e nmezzu li strati,
ccu li fucila e cu li carri armati,
li massacraru comu cani arraggiati.
Li patruna l’hannu
Supra la coscienza,
trentamila operai,
tutti assassinati.
Allende, cchi facisti?
‘Un nni l’aviv’a fari !
A tutti l’operai
L’ aviat’ ad armari.

 

 

 

PINO VENEZIANO

 

LA FESTA DI LI PORCI

 

 

LA FESTA DI LI PORCI

Cantu la storia
Di una bella festa
Fatta di genti
Altolocata;
putìa tràsiri
sulu genti ‘n vista
china di grana,
o titolata.
E l’invitati ora
Vannu arrivannu,
tutti puliti
tutti apparati,
c’é tanti omini
ccu lu parrucchino,
tutti li fimmini
su’ ‘ngioiellati.
“Cara duchissa
Cci baciu li manu,
cci baciu li peri,
tuttu cci baciu.”
Chistu dicìa
Lu baruni Cucuzza
Quannu vidìa
La duchissa Ficazza.
C’èni ‘na veduva
sempri siddìata,
persi ‘u maritu
a Camporeali,
ora fa vita
assai ritirata,
si curca sulu
ccu dui cardinali.
Japri lu ballu
lu baruni Amalfi
ccu ‘a barunissa
di Donnalocata;
fimmini abballanu
comu li buffi
l’omini hannu
la panza parata.
C’è l’arciduca
di Salaparuta,
ccu lu frac misu
pari ‘na foca,
collettu biancu
finu a la nuca,
pinzati ch’ è beddu
quannu caca.
C’è la duchissa
di Roccafiorita
la facci l’havi
arrapacchiata,
ccu cremi e ciprii si
la fa liscia liscia,
pinzati ch’ è bedda
quannu piscia.
Chista è la vita
di la genti beni,
c ‘unn havi pinzeri,
e ‘unn havi peni,
penzanu sulu
a li so capricci,
manciari e biviri
comu li porci.

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online