PARISI AVOGARO GIOVANNI

 

POESIE

LU VASTUNI DI ME PATRI 

 

legge Nicolò La Perna

 

LU VASTUNI DI ME PATRI 

Me patri mi rissi prima di muriri
ppi mia nun c'è nenti cchiù ri fari
ma stu discursu ti lu vogghiu diri
natri uttant'anni nun l'aia passari;
ranni è statu lu me dispiaciri
haiu travagghiatu sulu ppi manciari
e ppi li figghi a statu n'suffriri
custritti puri iddi a piniari.

Mi lori lu cori a raccuntari
stu bruttu passatu tradituri.
Figghi! nenti haiu chi vi lassari
ma vi lassù la fidi e l'amuri
spirannu ca li cosi ana canciari
li tempi caini e trarituri
comu la pesti àna squagghiari
quantu stu scuru cancia di culuri.

La seggia e lu vastuni ddà ristànu
cumpagni di la so suffìrenza
l'urtimi anni ddà lu cunnannanu
a scuntari la so pinitenza
lu traguardu e lu nastru ddà tagghiau
ca fu lu jornu di la so spartenza
ppi ricordu lu vastuni mi ristau
chissà fu la rota e la sintenza

IL BASTONE DI MIO PADRE 

Mio padre mi disse prima di morire
per me non c'è più niente da fare
ma questo discorso te lo voglio dire
altri ottant'anni non li debbo vivere;
grande è stato il mio dispiacere
ho lavorato solo per mangiare
e per i figli è stato solo un soffrire
costretti pure loro a penare.

Mi duole il cuore a raccontare
questo brutto passato traditore.
Figli! niente ho da lasciarvi
ma vi lascio la fede e l'amore
sperando che le cose debbon cambiare
i tempi brutti e traditori
come la peste debbono dissolversi
in modo che questo buio cambi di colore.

La sedia ed il bastone là son rimasti
compagni della sua sofferenza
gli ultimi anni là lo han condannato
a scontare la sua penitenza
il traguardo ed il nastro là ha tagliato
quando fu il giorno della sua dipartita
per ricordo il bastone mi è rimasto
questo fu il destino e la sentenza.

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 59 visitatori e nessun utente online