NASO ALFIO

 

POESIE

QUANT'E' FRIDDU 'STU 'MMERNU

QUANT'E' FRIDDU 'STU 'MMERNU

Quant'è friddu rstu 'mmernu, quantu è friddu,
mi sentu cungilari lu me cori
e mi ricordu quannu, picciriddu,
me matri mi diceva 'sti palori:

" Sciatu di la me vita, figghiu miu,
tu si' l'amuri, si' la me ricchizza! "
Era filici, ringraziava Diu
e mi faceva duci 'na carizza.

Doppu tant'anni, ccu cori e sintimenti,
pensu a me matri, saggia e ginirusa,
pensu e rivivu tutti 'ddi mumenti
ca m'abbrazzava affabbili e amurusa.

E quannu, 'nta lu 'mmernu, m'accucciava,
misu assittatu 'nta la cunchicedda,
la sira tanti fatti mi cuntava,
sutta lu lustru di la lumiredda.

Me matri mi lassau 'nta jinnaru,
'n jornu friddusu di tant'anni arreri:
di tannu lu me cori è tristi e amaru
e ci haiu 'n chiovu fissu 'ntò pinseri.

La matri cu' la perdi non la trova,
ca è la fonti di lu grandi amuri,
'ntò 'mmernu 'sta fìrita si rinnova
e s'arristagna forti lu duluri.

Quantu è friddu 'stu 'mmernu, quantu è friddu,
e quantu soffri chistu cori miu;
ora ca chiù non sugnu picciriddu

                    

 

 

QUANTO E' FREDDO QUESTO INVERNO

 

Quant'è freddo quest'inverno, quanto è freddo,
sento congelare il mio cuore
e mi ricordo quando, piccolino;
mia madre mi diceva queste parole:

" Anima della mia anima , figlio mio,
tu sei l'amore e la mia ricchezza! "
Era felice, ringraziava Dio
e mi faceva una dolce carezza.

Dopo tanti anni. con cuore e sentimenti
penso a mia madre, saggia e generosa,
penso e rivivo tutti quei momenti
quando mi abbracciava affabile e amorosa.

E quando. durante l'inverno mi stringeva a se,
messo seduto vicino alla conca,
la sera tanti fatti mi raccontava,
sotto la luce di un lumicino.

Mia madre mi ha lasciato di gennaio,
un giorno freddoso di tanti anni orsono:
da allora il mio cuore è triste e amaro
ed ho un chiodo fisso nel pensiero.

La madre chi la perde non la trova,
perchè è la fonte del grande amore,
durante l'inverno questa ferita si rinnova
e si rinforza fortemente il dolore.

Quant'è freddo quest'inverno, quanto è freddo,
e quanto soffre questo mio cuore;
ora che non sono più bambinello

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online