NASO ALFIO

 

POESIE

PRIMA CA SCURA

PRIMA CA SCURA

Prima ca scura tornu di la chiana
e quannu m'avvicinu a la marina
vidu lu mari e lu cori si sana,
l'aria si fa duci e frizzantina,
sciuscia lu ventu di la tramuntana,
lu suli a lu tramuntu s'incamina,
sentu d"aceddi 'na canzuna arcana
e lu profumu di li gelsumina.

Pari 'na cartulina lu criatu,
mentri va scumparennu la chiaria,
lu Mungibeddu fuma 'mpinnacchiatu;
vidu a distanza la casuzza mia,
lu suli non c'è chiù, è tramuntatu,
lu jornu si ni va: è l'Avi Maria,
mentri la luna ccu li stiddi a latu
spunta 'ntó cielu comu ppi magia.

Prima ca trasu 'nté me' quattru mura
e dugnu 'n baciu a la muggheri mia,
'na cutra grigia copri la natura,
lu mari s'addurmisci e trimulia:
l'ultima scena prima ca mi scura,
'ntra tanta meravigghia ca ammalia,
mentri svanisci 'n quatru di pittura
'ncurniciatu d'amuri e puisia. 

                                                                                                                 

 

PRIMA CHE FA BUIO

Prima che fa buio torno dalla piana
e quando mi avvicino alla marina
vedo il mare ed il cuore si sana,
l'aria si fa dolce e frizzantina,
soffia il vento di tramontana,
il sole al tramonto si incammina,
sento di uccelli una canzuna arcana
e il profumo dei gelsomini.

Sembra una cartolina il creato,
mentre va scomparendo il chiarore,
il Mongibello (vulcano Etna) fuma con un pennacchio;
vedo a distanza la mia casetta,
il sole non c'è più, è tramontato,
il giorno se ne va: è l'Ave Maria,
mentre la luna con le stelle di lato
spunta nel cielo come per magia.

Prima che entro dentro le mie quattro mura
e do un bacio alla mia moglie,
una coltre grigia ricopre la natura (notte)
il mare s'addormenta e tremolia:
l'ultima scena prima che si fa buio,
in mezzo a tanta meraviglia che ammalia,
mentre svanisce un quadro di pittura
incorniciato d'amore e poesia.

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online