Stampa
Categoria: NASO ALFIIO
Visite: 2206

 

NASO ALFIO

 

POESIE

NUN CI PINSATI CHIUI

NUN CI PINSATI CHIUI

Non ci pinsati chiui figghiareddi
quannu 'stu patri, essennu picciutteddu,
jeva girannu stratuzzi e vaneddi
ppi 'n pezzu 'i pani ccu lu carritteddu.

Quannu turnava a casa, figghi beddi,
prima ca mi spaiava 'u sciccareddu,
abbrazzava a vuatri nicareddi
e vi davu, ccu cori, 'n vasuneddu.

'Nta chiddi tempi di fami e pidocchi
iù vi purtava nespuli e 'nzalori,
favi, buzzedda, lattuchi e finocchi.

E mi scippava macari lu cori;
ora campu cchi lacrimi 'nta l'occhi
ca m"i diciti amari li palori!

NON CI PENSATE PIU'

Non ci pensate più figlioletti
quando questo padre, essendo giovanotto,
andava girando strade e stradine
per un pezzo di pane con il carretto.

Quando tornava a casa, figlioli belli,
prima che levavo l'asino dal carretto,
abbracciavo a voi piccolini
e vi davo, con il cuore, un bacino.

In quei tempi di fame e pidocchi
io vi portavo, nespoli e verdure,
fave, piselli, lattuche e finocchi.

E mi strappavo anche il cuore;
ora campo con le lacrime negli occhi
giacchè mi dite parole amare!