NASO ALFIO

 

POESIE

LU TEMPU

LU TEMPU

Lu tempu carusiddu mi passau
'nta 'na casuzza ccu li ginituri;
me matri mi crisciu e m'ansignau
di caminari ccu rispettu e amuri;
me patri, quannu morsi, mi lassau
'n chiovu 'ntò cori e prufunnu duluri.
'Nta chiddi tempi di fami e di peni
li ginituri mi vosiru beni.

E l'anni ni passavunu sireni
quannu la sira, 'nta 'na buffittedda,
mangiavumu cibi senza vileni,
sutta lu lustru di 'na lumiredda;
'nta 'dda casuzza ccu l'ortu e tirreni
la vita ni passava duci e bedda.
'Ntra l'educazioni e la crianza
iù ci crisceva ccu fidi e spiranza.

Ccu la famuzza e ccu nenti 'nt"a panza
li ginituri mi davunu versu
e cunfurtaru la me carusanza.
Oggi lu munnu gira a lu riversu,
'nta la famigghia non c'è amurusanza
e zoccu si fa fa è tuttu persu.
E iù rimpiangiu lu tempu passatu,
anchi su' 'u pani l'aveva stintatu.

Mi fici granni e non mi l'ha' scurdatu
l'amuri ardenti di li ginituri,
la casa, lu curtigghiu profumatu
di menta, gelsuminu, rosi e ciuri,
la jistirnedda, la pila e lu quatu,
lu jaddu ca cantava a tutti l'uri,
li boni 'nsignamenti e la crianza
ca accumpagnaru la me carusanza

IL TEMPO

Il tempo da bambino trascorrevo
in una casetta con i genitori;
mia madre mi ha cresciuto e mi ha insegnato
di vivere con rispetto e amore;
mio padre, quando è morto, mi ha lasciato
un chiodo nel cuore e profondo dolore.
in quei tempi di fame e di pene,
i genitori mi vollero bene.

E gli anni passavano sereni
quando mla sera, in un cucinino,
mangiavamo cibi senza veleno,
sotto la luce di un lumicino;
nella casetta con l'orto e con i terreni
la vita trascorreva dolce e bella.
Con l'educazione e i buoni modi di fare
io crescevo con fede e speranza.

Con la fame e con niente nin pancia
i genitori mi davano le loro attenzioni
ed hanno confortato la mia fanciullezza.
Oggi il mondo gira all'incontrario,
nella famiglia non c'è più amore
e qualsiasi cosa si faccia è tempo perduto.
Ed io rimpiango il tempo passato,
anche se il pane l'avevo a malapena.

Mi son fatto grande e non mi sono dimenticato
l'amore ardente dei genitori,
la casa, il cortile profumato
di menta, gelsomino, rose fiori,
la piccolla cisterna, la pila e il secchio,
il gallo che cantava a tutte le ore,
i buoni insegnamenti e i modi di fare
che hanno accompagnato la mia fanciullezza

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online