NASO ALFIO

 

POESIE

LAMPIDUSA

LAMPIDUSA

C'è 'n paradisu d'oru, sicilianu,
ccu l'acqua di lu mari cristallina,
spiranza ppi cu' veni di luntanu
ppi calpistari 'sta terra divina.

Ma ppi qualcunu lu distinu è stranu,
ca mentri a Lampidusa s'avvicina
e la so riva ci stenni li manu,
s'affunna 'a barca, ppi la so ruvina.

E mori la spiranza a la strania,
sutta lu nostru suli e la biddizza,
mentri la morti cogghi e sintinzìa.

E Lampidusa, china di tristizza,
varda lu mari mentri trìmulia,
sì vesti a luttu e agghiutti amarizza.

E chiangi ppi li poviri emigrati
ca a li so' pedi morunu anniati.

LAMPEDUSA

C'è un paradiso d'oro siciliano,
con l'acqua del mare cristallina,
speranza per chi viene da lontanto
per calpestare questa terra divina.

Ma per qualcuno il destino è strano
che mentre a òlampedusa s'avvicina
e la sua riva gli stende una mano
affonda la barca, per la sua rovina.

E muore la speranza in terra straniera
sotto il nostro sole e la bellezza
mentre la morte raccoglie e sentenzia .

E Lampedusa, piena di tristezza
guarda il mare mentre tremola,
si veste a lutto e inghiotte amarizza.

E piange per i poveri emigrati
che ai suoi piedi muoino annegati.

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 96 visitatori e nessun utente online