NASO ALFIIO

 

NASO ALFIO

 

POESIE

LAMPIDUSA

LU TEMPU

NUN CI PINSATI CHIUI

PRIMA CA SCURA

QUANT'È FRIDDU 'STU 'MMERNU

QUANNU AVEVA LU CARRETTU video

 

Alfio Naso poeta, attore e cantore di Sicilia, è nato a Belpasso il 15 giugno 1938 e, fin da ragazzo, ha coltivato la passione per la poesia dialettale siciliana e per letradizioni della nostra terra.
Col tempo ha raggiunto una grande fama per le sue doti di spontaneità e le sue liriche sanno toccare le corde del cuore, sia per i temi trattati (che abbracciano valori universali come l'amore e l'attaccamento alla terra natia e argomenti di attualità quali problemi che ogni giorno l'uomo è costretto ad affrontare), sia per la musicalità e l'armonia dei suoi versi.
Fino ad oggi ha pubblicato tre volumi che raccolgono il fior fiore delle sue poesie, molte delle quali premiate nei più prestigiosi concorsi a livello regionale ed anche nazionale:

• SONNI E RICORDI DI LA VITA MIA-1989

• FOCUDIMUNGIBEDDUEPUISIA-1993

• LU PONTI ANTICU- 2006

Fra i suoi numerosi premi ricordiamo:

• premio "Omaggio a Dante Alighieri" - medaglia d'oro - Roma 1989

• premio "Omaggio a Pirandello" - medaglia d'oro - Roma 1989 2° premio "Giovanni Formisano" - Catania 1991

premio A.S.LA. - Palermo 1992

1° premio tra i poeti siciliani "Fantasy - La Torre" - 1992,1994,1995

• 1° premio "Natale in piazza" - Caltanissetta 1992,1998

• 2° premio "II Discobolo" - S. Giovanni La Punta - 1994

• 1° premio "Città di Pozzallo" - medaglia d'oro - Pozzallo 1994

• 2° premio "Helibel" - Giardini Naxos 1995

• 1° premio A.I.C.S. "Poeti verso il 2000" - Trapani 1995

• 1° premio "Contea di Modica" - titolo Cavaliere della Pace - Pozzallo 1996

• 3° premio "Colapesce" - Messina 1997

• 1° premio "Fiera Maia" - Vittoria 1997

• 1° premio "Associazione siracusana" - Siracusa 1997

• 1° premio "Rosario Piccolo" - poesia dei valori - Patti 2000

• 1° premio "Federico di Svevia" - Catania 2000

• Premio speciale Comune di Furnari - Tonnarella(ME) - 2001

• 1° premio "Carmunu Carusu" - Motta S.Anastasia - 2003,2006

• Premio alla carriera "Accadamia d'Arte Etnisca" - Belpasso 2005

• 1° premio "Madonna delle Grazie" - Belpasso 2010,2011

• 1° premio "San Giovanni Battista" - con declamazione sulla "vara" del santo - San Giovanni Galermo 2009

Ha partecipato a diversi recital di poesie ed è stato ospite onorario di numerosi spettacoli e manifestazioni nei maggiori teatri della provincia e in trasmissioni televisive, anche a livello nazionale (Palazzo della Cultura - Catania 2011, "Insieme" - estate belpassese 2008, 2009, 2010).

Ha fatto parte della compagnia teatrale "Gruppo Arte Teatro La Fenice" di Belpasso e tutt'oggi continua a riscuotere positivi consensi di critica, non ancora scemando la sua vena poetica che lo porta a dilettare amici e conoscenti con perle di autentica sicilianità.

 

NASO ALFIO

 

POESIE

LAMPIDUSA

LAMPIDUSA

C'è 'n paradisu d'oru, sicilianu,
ccu l'acqua di lu mari cristallina,
spiranza ppi cu' veni di luntanu
ppi calpistari 'sta terra divina.

Ma ppi qualcunu lu distinu è stranu,
ca mentri a Lampidusa s'avvicina
e la so riva ci stenni li manu,
s'affunna 'a barca, ppi la so ruvina.

E mori la spiranza a la strania,
sutta lu nostru suli e la biddizza,
mentri la morti cogghi e sintinzìa.

E Lampidusa, china di tristizza,
varda lu mari mentri trìmulia,
sì vesti a luttu e agghiutti amarizza.

E chiangi ppi li poviri emigrati
ca a li so' pedi morunu anniati.

LAMPEDUSA

C'è un paradiso d'oro siciliano,
con l'acqua del mare cristallina,
speranza per chi viene da lontanto
per calpestare questa terra divina.

Ma per qualcuno il destino è strano
che mentre a òlampedusa s'avvicina
e la sua riva gli stende una mano
affonda la barca, per la sua rovina.

E muore la speranza in terra straniera
sotto il nostro sole e la bellezza
mentre la morte raccoglie e sentenzia .

E Lampedusa, piena di tristezza
guarda il mare mentre tremola,
si veste a lutto e inghiotte amarizza.

E piange per i poveri emigrati
che ai suoi piedi muoino annegati.

 

 

 

NASO ALFIO

 

POESIE

NUN CI PINSATI CHIUI

NUN CI PINSATI CHIUI

Non ci pinsati chiui figghiareddi
quannu 'stu patri, essennu picciutteddu,
jeva girannu stratuzzi e vaneddi
ppi 'n pezzu 'i pani ccu lu carritteddu.

Quannu turnava a casa, figghi beddi,
prima ca mi spaiava 'u sciccareddu,
abbrazzava a vuatri nicareddi
e vi davu, ccu cori, 'n vasuneddu.

'Nta chiddi tempi di fami e pidocchi
iù vi purtava nespuli e 'nzalori,
favi, buzzedda, lattuchi e finocchi.

E mi scippava macari lu cori;
ora campu cchi lacrimi 'nta l'occhi
ca m"i diciti amari li palori!

NON CI PENSATE PIU'

Non ci pensate più figlioletti
quando questo padre, essendo giovanotto,
andava girando strade e stradine
per un pezzo di pane con il carretto.

Quando tornava a casa, figlioli belli,
prima che levavo l'asino dal carretto,
abbracciavo a voi piccolini
e vi davo, con il cuore, un bacino.

In quei tempi di fame e pidocchi
io vi portavo, nespoli e verdure,
fave, piselli, lattuche e finocchi.

E mi strappavo anche il cuore;
ora campo con le lacrime negli occhi
giacchè mi dite parole amare!

 

 

 

NASO ALFIO

 

POESIE

LU TEMPU

LU TEMPU

Lu tempu carusiddu mi passau
'nta 'na casuzza ccu li ginituri;
me matri mi crisciu e m'ansignau
di caminari ccu rispettu e amuri;
me patri, quannu morsi, mi lassau
'n chiovu 'ntò cori e prufunnu duluri.
'Nta chiddi tempi di fami e di peni
li ginituri mi vosiru beni.

E l'anni ni passavunu sireni
quannu la sira, 'nta 'na buffittedda,
mangiavumu cibi senza vileni,
sutta lu lustru di 'na lumiredda;
'nta 'dda casuzza ccu l'ortu e tirreni
la vita ni passava duci e bedda.
'Ntra l'educazioni e la crianza
iù ci crisceva ccu fidi e spiranza.

Ccu la famuzza e ccu nenti 'nt"a panza
li ginituri mi davunu versu
e cunfurtaru la me carusanza.
Oggi lu munnu gira a lu riversu,
'nta la famigghia non c'è amurusanza
e zoccu si fa fa è tuttu persu.
E iù rimpiangiu lu tempu passatu,
anchi su' 'u pani l'aveva stintatu.

Mi fici granni e non mi l'ha' scurdatu
l'amuri ardenti di li ginituri,
la casa, lu curtigghiu profumatu
di menta, gelsuminu, rosi e ciuri,
la jistirnedda, la pila e lu quatu,
lu jaddu ca cantava a tutti l'uri,
li boni 'nsignamenti e la crianza
ca accumpagnaru la me carusanza

IL TEMPO

Il tempo da bambino trascorrevo
in una casetta con i genitori;
mia madre mi ha cresciuto e mi ha insegnato
di vivere con rispetto e amore;
mio padre, quando è morto, mi ha lasciato
un chiodo nel cuore e profondo dolore.
in quei tempi di fame e di pene,
i genitori mi vollero bene.

E gli anni passavano sereni
quando mla sera, in un cucinino,
mangiavamo cibi senza veleno,
sotto la luce di un lumicino;
nella casetta con l'orto e con i terreni
la vita trascorreva dolce e bella.
Con l'educazione e i buoni modi di fare
io crescevo con fede e speranza.

Con la fame e con niente nin pancia
i genitori mi davano le loro attenzioni
ed hanno confortato la mia fanciullezza.
Oggi il mondo gira all'incontrario,
nella famiglia non c'è più amore
e qualsiasi cosa si faccia è tempo perduto.
Ed io rimpiango il tempo passato,
anche se il pane l'avevo a malapena.

Mi son fatto grande e non mi sono dimenticato
l'amore ardente dei genitori,
la casa, il cortile profumato
di menta, gelsomino, rose fiori,
la piccolla cisterna, la pila e il secchio,
il gallo che cantava a tutte le ore,
i buoni insegnamenti e i modi di fare
che hanno accompagnato la mia fanciullezza

 

 

 

NASO ALFIO

 

POESIE

PRIMA CA SCURA

PRIMA CA SCURA

Prima ca scura tornu di la chiana
e quannu m'avvicinu a la marina
vidu lu mari e lu cori si sana,
l'aria si fa duci e frizzantina,
sciuscia lu ventu di la tramuntana,
lu suli a lu tramuntu s'incamina,
sentu d"aceddi 'na canzuna arcana
e lu profumu di li gelsumina.

Pari 'na cartulina lu criatu,
mentri va scumparennu la chiaria,
lu Mungibeddu fuma 'mpinnacchiatu;
vidu a distanza la casuzza mia,
lu suli non c'è chiù, è tramuntatu,
lu jornu si ni va: è l'Avi Maria,
mentri la luna ccu li stiddi a latu
spunta 'ntó cielu comu ppi magia.

Prima ca trasu 'nté me' quattru mura
e dugnu 'n baciu a la muggheri mia,
'na cutra grigia copri la natura,
lu mari s'addurmisci e trimulia:
l'ultima scena prima ca mi scura,
'ntra tanta meravigghia ca ammalia,
mentri svanisci 'n quatru di pittura
'ncurniciatu d'amuri e puisia. 

                                                                                                                 

 

PRIMA CHE FA BUIO

Prima che fa buio torno dalla piana
e quando mi avvicino alla marina
vedo il mare ed il cuore si sana,
l'aria si fa dolce e frizzantina,
soffia il vento di tramontana,
il sole al tramonto si incammina,
sento di uccelli una canzuna arcana
e il profumo dei gelsomini.

Sembra una cartolina il creato,
mentre va scomparendo il chiarore,
il Mongibello (vulcano Etna) fuma con un pennacchio;
vedo a distanza la mia casetta,
il sole non c'è più, è tramontato,
il giorno se ne va: è l'Ave Maria,
mentre la luna con le stelle di lato
spunta nel cielo come per magia.

Prima che entro dentro le mie quattro mura
e do un bacio alla mia moglie,
una coltre grigia ricopre la natura (notte)
il mare s'addormenta e tremolia:
l'ultima scena prima che si fa buio,
in mezzo a tanta meraviglia che ammalia,
mentre svanisce un quadro di pittura
incorniciato d'amore e poesia.

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online