JOSE' RUSSOTTI

 

 

 

UCI SCHIGGHIENTI

Quannu ‘rrìunu, nun sunu mai suri,

di cosi chi cridivi motti pi sempri

e ora sunu ccà chi mùttunu a tenna.

Si ricogghiunu sempri a fumma d’un ciccu

o d’un pugnu di muschi sùciti e ffammicati;

si ricogghiunu, commu oggiu iccatu ntâ ll’occhi

o du’ mani ‘mpinnuti ô suri d’Aùstu.

Oh, lacrimi d’acquazzina e sari ntô criveddu!

Lacrimi di ferru e canceddi sempri ‘nfirrittati!

Jonna di terra ‘mpastata a tinta miseria!

Jonna chini d’infamia e cabbuni pi sira!

Si na ciaramita nun fa mai un canàri,

un canàri nun cummogghia na minzogna.

E commu na barata d’intagghiu subbra u pettu,

senti chi nun poi cchiù sdiniàriti.

E ntâ sta scurura larga quantu ‘u celu,

u chiantu diventa uci schigghienti

chi smòvi lamèri stucciuti di ‘nvennu.

“Ah firita, chi nun sana mai!”

STRIDO LANCINANTE

Quando arrivano, non sono mai sole,

di cose che credevi scomparse per sempre

e ora son qui che spingono la tenda.

Ritornano sempre a forma di un cerchio

o di un pugno di mosche sudice e affamate;

ritornano, come orzo scagliato negli occhi

o due mani appese al sole d’Agosto.

Oh, lacrime di rugiada e sale nel setaccio!

Lacrime di ferro e cancelli sempre chiusi!

Giorni di terra impastata alla nera miseria!

Giorni pieni di infamia e carbone per sera!

Se un frammento non farà mai una tegola,

una tegola non copre una bugia.

E come una lastra di basalto sul petto,

senti che non puoi più negarti.

E in questo buio, grande quanto il cielo,

il pianto diventa strido lancinante

che scuote lamiere divelte d’inverno.

“Ah ferita, che mai si lenisce!”

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online