GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

I PERCUSSONICI

 

GRUPPO MUSICALE: I PERCUSSONICI

 

 

 

CANZONI

CANTILUNA

C'È NA COSA

CINCU

NATA S'UN'ISOLA

I PISCATURI

QUANNU MORU

SICILY

VENTU DI MARI

 

tratto dal sito ufficiale dei Ipercussonici che consigliamo vibamente di visitare: http://www.mondodimusica.it/ipercussonici/?page_id=9

Ipercussonici: suoni antichi per musica futura

L’energia trasformativa del vulcano in eruzione pervade nel profondo l’incredibile suono della band nata nel 2002 a Catania, in cui strumenti antichi come marranzani, didjeridoo e tamburi si fondono a creare esplosive sonorità ultramoderne attraverso il sudore e l’emozione di 5 musicisti dalla formazione poliedrica.

Dopo centinaia di concerti in lungo e in largo per la Sicilia e per tutta l’Italia, Ipercussonici hanno portato in giro per il mondo ciò che al Womad è stato definito “The new adventurous sound of Sicily”, e si sono ormai assicurati un posto di rilievo tra le band di culto del pubblico siciliano ed internazionale partecipando ad importanti festival anche in Olanda, Francia, Ungheria, Portogallo, Inghilterra, Germania, Tunisia, Malta e perfino in Giappone.

Da sempre schierati a sostegno di importanti cause civili, sociali e ambientaliste, il loro singolo Mururoa viene usato nel 2011 da Greenpeace per contribuire alla campagna referendaria contro il ritorno del nucleare in Italia, mentre nel 2012, ospiti sul palco montato davanti al Palazzo di Giustizia di Catania per il ventennale della strage di Capaci, presentano una personalissima rivisitazione di Quannu Moru, Faciti ca nun Moru di Rosa Balestrieri, il cui video è dedicato a tutti quelli che continuano a vivere lottando contro le mafie.

Dopo i precedenti album “Liotro” (autopordotto, 2005) e “Tutti Pari” (Finisterre/Felmay, 2008), il loro terzo disco “Carapace”, recentemente uscito per Viceversa Records/Audioglobe, segna il passaggio ad atmosfere più elettriche che forzano i confini tra la world music e il rock indipendente, ed una maturazione della dimensione autoriale del gruppo evidenziata da una maggiore attenzione ai testi che ora sono più spesso in italiano, senza trascurare la sanguigna musicalità del dialetto siciliano e numerosi inserimenti in arabo, in inglese e in diverse lingue africane.



Ad ascoltare la musica de "Ipercussonici" si rimane sbalorditi per come il gruppo ha saputo integrare musica e parole siciliane con vecchi e nuovi strumenti, marranzano e didijeridoo.
La musica stereofonica (diverse le tracce per l'orecchio destro e l'orecchio sinistro) danno un senso di profondità, di suoni antichi e nello stesso tempo moderni, di pace e di movimento.
Imperdibili sono le loro canzoni misto di africano e siciliano.
Il loro impegno sociale si evince da ogni canzone, l'impegno per una Sicilia priva di mafia, di pizzo, di malaffare e si propone una Sicilia pulita, laboriosa, dal mare e dal cielo meraviglioso, dal suono grave e potente del vulcano, al suono dolce e ritmato del marranzano, strumento che nelle mani del gruppo assume a vertici paradisiaci, contapposto al suono grave e prolungato del didijeridoo, strumento usato in ogni loro canzone e difficilmente reperibile in altri gruppi musicali.

I dischi del gruppo non dovrebbero mancare nelle case dei siciliani. 
Nicolò La Perna 

Il gruppo e formato da: 
Luca Recupero - Marranzano
Carlo Condarelli - Tamburi
Marcello Ballardini - Didijeridoo
Michele Musarra - Basso
Alice Ferrara - Voce

 

GRUPPO MUSICALE: I PERCUSSONICI

 

 

 

CANZONI

 

CANTILUNA

 

 

 

 

CANTILUNA

Stasira na canzuna haiu a cantari 
pa luna ca èaccurdata ammenzu u mari
dda stissa luna ca fa annamurari
i beddi, i brutti e cu nun sapi amari. 
Ma a ronda a notti ca 'ncuntrai 
iu era prontulina e a luna bedda tu lu sai,
si stava taliannu e mi furriai 

e visti dd'occhi beddi e di iddi mi ni 'nnamurai
Notti di stiddi di ciauru e d'amuri
luna mia bedda fammilla un favuri 
fammi insunnarim u me veru amuri 
ca sulu iddu mi leva i duluri
fammi 'nsunnari o luna mia bedda
fammi 'nsunnari na so vasatedda 
fammi 'nsunnari o luna mia duci
fammi 'nsunnari la so bedda vuci

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: I PERCUSSONICI

 

 

 

CANZONI

 

 CINCU

 

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: I PERCUSSONICI

 

 

 

CANZONI

 

 C'E' NA COSA

 

 

 

 

C'E' NA COSA

 C'è na cosa che non so spiegare
parti dintra , veni di lu cori
c'èuna cosa che non la può fermare
una cosa di mille cristiani
che nun la pò spostari

e sta cosa ca mi fa campare
mi fa ghiri avanti 'ntra sta babilonia
ca nun mi voli aspittari 
e sta cosa mi fa 'nsunnare
ca stu sonnu si putissi fari acqua
e tuttu u munnu dissetari.

Ca mi piacissi ca tuttu u munnu 
sunassi e cantassi senza scantu
ca li noti comu li stiddi
facissiru lampi di luci d'incantu 
ca li sonni di milli culuri 
scancillassiru ogni chiantu
e sta cosa putissi avvulari
supra li noti di ogni cantu

E sta cosa ca mi fa campare
mi fa ghiri avanti 'ntra sta babilonia
ca nun mi voli aspittari
e sta cosa mi fa 'nsunnare
ca stu sonnu si putissi fari acqua
e tuttu u munnu dissetari.

Ca quannu giru 'nmenzu li stati 
e 'nmenzu a tutta chista genti 
ca nuddu s'adduna ......di stiddi cadenti 
na magia con pisa e non vota
che rendi li popoli tutti cuntenti 
e sta cosa mi gira 'nna testa
comu un tuppetitu mmantinenti.

E sta cosa ca mi fa campare
mi fa ghiri avanti 'ntra sta babilonia
ca nun mi voli aspittari
e sta cosa mi fa 'nsunnare
ca stu sonnu si putissi fari acqua
e tuttu u munnu dissetari.

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: I PERCUSSONICI

 

 

 

CANZONI

 

 NATA S'UN'ISOLA

 

 

 

 

NATA S'UN'ISOLA

Aha ah ah
I Percussonici nda un curtigliu stanu
che bello

Eh! Eh! Eh!
Nata s'un'isola dove il sole e il mare
son meraviglie che la gente può vantare 
arricurdamuni sta sicula cultura<
........
avemu u suli, avemu u mari 
ma avemu stu vulcanu eccezionale 
cultura musica, canzuni popolari 
scurdati e vurricati cu si voli emancipare 
però pinsari nun si pò sulu o suli,
però pinsari nun si pò sulu a lu mari,
picciotti sperti ca nun volunu chiù 'mbrugghiari
storie di violenze, mafia e pizzo da pagare.
Ma la mia terra non è così che la sognavo,
ma la mia terra non è così che la dipingevo,
dimmi dov'è la mia terra, 
dimmi dov'è la mia terra,
dimmi dov'è la mia terra.
I sordi fannu sordi e i pulici fanu pulici
....... u sai, u sai, u sai 
ci sunu cosi ca cangiunu 
e chiddi ca un cangiunu mai 
u saimacari tu 
ci sunu cosi ca pavunu 
e chiddi ca un pavunu chiù
ma dimmi tu chi s'avissi a fari
intra stu munnu aperi all'aria pi campari.
Ma la mia terra non è così che la sognavo,
ma la mia terra non è così che la dipingevo
dimmi dov'è la mia terra, 
dimmi dov'è la mia terra,
dimmi dov'è la mia terra.

E allora veni ca
sentila fitta ca se la cantava
cantanu pi li picciotti ca si volunu arrusbigghiari 
e tutti chiddi ca 'ndo cori 
ci hannu sta scintilla ca s'adduma
comu quannu vidunu na cosa.... 
avemu u suli, avemu u mari 
ma avemu stu vulcanu eccezionale 
cultura musica, canzuni popolari 
scurdati e vurricati cu si voli emancipare 
Ma la mia terra non è così che la sognavo,
ma la mia terra non è così che la dipingevo
dimmi dov'è la mia terra, 
dimmi dov'è la mia terra,
dimmi dov'è la mia terra.