GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 47 visitatori e nessun utente online

 

GRUPPO MUSICALE: ROY PACI

 

 

 

CANZONI

 

U MERCATU

BABBALUCI

CANTU SICILIANU live

CIURI CIURI

MALARAZZA

ROY PACI ALLA TROMBA

SICILIA BEDDA

 

Roy Paci:voce, tromba
Cico:voce, coro
Roberto Melone:basso
Emanuele Pagliara:chitarre, coro
Alessandro "Jah-Sazzah" Azzaro:batteria, percussioni, coro, programming
Marco "Skalabrino" Calabrese:tastiere, piano, coro
Giorgio Giovannini:trombone
Gaetano Santoro:sax tenore e baritono
Massimo Marcer:tromba
Anderson Souza:percussioni

 

Biografia da: http://www.nottidaleon.it/musica/artisti/roy_paci/

Dall’antico nome di Siracusa (Aretusa) nascono nel 1998, da un’idea di Roy Paci, gli Aretuska.
La formazione alle origini era molto diversa: oltre alla tromba di Roy "Il Padrino", c’erano il basso elettrico di Fred "Il Barone" Casadei, il trombone di Rosario "Tyson" Patania e le percussioni di Giuseppe Di Mauro.
Il repertorio, totalmente strumentale, era composto da cover di gruppi storici della scena ska e rocksteady (Specials, Skatalites) e standard jazz.
Qualche tempo dopo si aggiunsero la tromba di Salvo "Paco" Di Stefano, il sax di Gaetano "Svuotillo" Santoro, la chitarra di Giuseppe "1/2" Siracusa e la batteria di Giuseppe Ripullo.
A parte l’uscita dal gruppo di Di Mauro, la formazione rimane stabile fino al Maggio del 2000, mese in cui gli Aretuska entrano in studio per dare vita al loro primo album, "Baciamo Le Mani" (Viceversa/Extra-Labels). Poche settimane prima delle registrazioni il gruppo ha un nuovo batterista: Alessandro "Jah Sazzah" Azzaro.
Il repertorio live si arricchisce di nuove sonorità che scaturiscono dall’esigenza di rivitalizzare la tradizione musicale siciliana; altra grande novità è il debutto di Roy, il Padrino, come "crooner", un’innovazione che caratterizzerà il futuro della banda.
Dopo innumerevoli concerti in tutta la Sicilia arriva il momento di esportare il suono del Rocksteady siciliano fuori dai confini regionali.
Poco tempo dopo l’uscita del disco, un’altra uscita dalla formazione: il trombonista "Tyson" Patania viene sostituito da Tony " Mentina" Cattano.
Con questa formazione (oltre all’ultimissimo arrivo di Mirco "Il Latitante" Burgio alle tastiere), gli Aretuska di Roy Paci cominciano a farsi conoscere a livello nazionale ed europeo suonando in festival come il Lowland in Olanda, Sunsplash in Austria, Klinkers in Belgio, Pepsi Island di Budapest in Ungheria, Summerjam di Colonia in Germania, Gurten a Berna. Seguono diverse partecipazioni a programmi televisivi come "Stasera pago io" con Fiorello, Rai 1, Supersonic- MTV, Play It-ReteA-All Music, Rock TV e la realizzazione di due video-clip in onda sui maggiori network televisivi. L’ultimo cambio di formazione arriva subito dopo il primo tour. Dal Salento, alle tastiere Marco "Bella Sapora" Calabrese. Da quel momento non si sono più fermati: la registrazione del nuovo disco, "Tuttapposto", uscito a giugno 2003, è stata solo il preludio ad altri tour italiani e a un tour europeo - (partito a febbraio 2003) – che li ha portati a suonare in paesi come Francia, Danimarca, Olanda, Belgio, Germania, Svizzera, e Austria. Nel frattempo, “Cantu siciliano” prima, e “Yettaboom” poi, si fanno apprezzare come singoli. Nel 2003 arriva anche una cover, “Besame mucho”, registrata per il film di Leonardo Pieraccioni “Il paradiso all’improvviso”. Poi sono solo concerti, tanti e ovunque, fino a quando, alla fine del 2004 è arrivata puntuale la chiamata di Roy: si torna in sala, tutto è pronto per registrare il nuovo album. Nel frattempo Roy e gli Aretuska si esibiscono anche nel programma tv “Markette” di Piero Chiambretti, in onda su La7.
L’inizio del 2005 scorre al lavoro sul terzo album, “Parola d’onore”, in uscita a fine marzo e seguito, neanche a dirlo, da un nuovo tour europeo in partenza a metà aprile e conclusosi dopo oltre 100 fortunatissime date italiane ed estere (ad esempio il Chiemsee Reggae Festival a Monaco, il Womad Reading Festival a Londra, il primo maggio a Roma, il Goa Boa a Genova).
La band partecipa come ospite alla trasmissione “Quelli che...il calcio”,e a Dicembre riceve il premio Soundclash a Tilburg, in Olanda, di grande rilevanza a livello internazionale.
Il 2006 è iniziato con due eventi molto importanti: un prestigioso premio,Il Nastro D’Argento, ricevuto da Roy Paci per le musiche del film "La Febbre" di Alessandro D’Alatri con Fabio Volo, e l’entrata nel cast, come band ufficiale del programma, della trasmissione "Zelig Circus", che ha scelto come sigla "Viva La Vida" tratta dall'album "Parola d'onore" (sempre targato Etnagigante/v2).
L'inizio del mese di giugno segna l'uscita del quarto pargolo della famiglia Aretuska:"Suonoglobal", gioco di parole,che possono essere interpretate in mille modi diversi. Con l'uscita del nuovo album, inizia anche il tradizionale tour, ma con qualche piccola differenza: lo spettacolo che la band offre dura due ore (se non anche mezz'ora in più)..inutile dire due ore di pura energia,simpatia e bravura! L'estate 2007 li ha visti protagonisti delle classifiche, delle radio e delle televisioni musicali,con il brano "Toda joia toda beleza",definita da molti il tormentone di quell'anno.
Si notano anche due new entry nel gruppo: Max Jovine (fondatore storico dei 99 posse) al basso, e Itaiata de Sa alle percussioni (collaboratore anche dei Negrita).
In questi mesi Roy Paci & Aretuska saranno impegnati con "Zelig", che nuovamente li vede protagonisti per quanto riguarda la sigla, con "Toda joia toda beleza",nonché il palco del famoso programma comico,condotto da Claudio Bisio e Vanessa Incontrada. Durante le registrazioni del programma,Itaiata de Sa e Max Jovine hanno deciso di lasciare il gruppo,dedicandosi così ad altri progetti. Il loro posto è stato preso da Anderson Souza,alle percussioni,e da Roberto Melone al basso
Finita l'esperienza televisiva, Roy Paci & Aretuska sono ora impegnati con il tour invernale, che già dalla fine di novembre,li vedrà impegnati dal nord al sud, dalla Lombardia che li ha ospitati in questi mesi, alla Sicilia,per la gioia di molti che pensavano si fossero dimenticati delle loro origini... Il mese di Aprile ha visto come fatto protagonista il ritorno di Massimo Marcer alla tromba,per la gioia di molti ammiratori,e ammiratrici(ovviamente). Tour estivo passato tra Italia ed Europa,in continuo movimento,grazie allo Sleeping Bus,che ha scorrazzato i nostri ragazzi da una parte all'altra,con gran successo nelle piazze,nei club e nei festival europei che li ha visti protagonisti.
Tornati sul piccolo schermo,chiamati nuovamente a movimentare e dare quel tocco in più alla trasmissione comica "Zelig",l'esperienza sta nuovamente per terminare. Il 14 novembre è uscito "BESTiario Siciliano",un best of che racchiude,oltre alle creazioni più famose della band,anche tre inediti,assieme a "Suonoglobal",sigla finale dei live quando i picciotti mostrano la loro riverenza al pubblico:"Defendemos la Alegria","Slum Shock" e "Cambierò",il brano che Roy & Aretuska avrebbero dovuto portare al Festival di Sanremo 2008