Stampa
Categoria: PUPI DI SURFARO
Visite: 613

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

SUTTA TERRA

testo e musica: Salvatore Nocera

 

 

 

 

SUTTA TERRA


Me patri pi’ campari faciva ‘u surfararu
scavava suttaterra pi’ truvari pani,
non oru e né diamanti, 
né festa né duminica,
a stricari comu un vermi, a manciari terra,
a stari sutta, sutta ‘u patruni,
tutta la vita sutta, sutta ‘na grutta,
lu pani ca si scutta, la vita chi s’ammutta
sutta sta terra, terra di sutta.

Niura la terra
niura la fami,
niura la sorti, la vita cu’ la morti,
pi’ campari, pi’ stari a l’additta
simu cruvicati ca’ sutta,
sutta sta terra, terra di sutta...

Terra di bona genti, 
d’umini valenti, cu’ boni denti,
ma ‘u nustru pani si l’ammuccanu fitenti,
manciatari e priputenti,
si futtinu lu tuttu e n’accordanu cu’ nenti,
e sempri sutta, sutta ‘i favuri,
calamu a testa sutta a lu putiri,
la raggia ca ni spurpa, la dignità ni curca
sutta sta terra, terra di sutta.

Niura la terra,
niura la fami,
niura la sorti, la vita cu’ la morti,
pi’ campari, pi’ stari a l’additta
simu cruvicati ca’ sutta,
sutta sta terra, terra di sutta...
sutta sta terra, terra di sutta...

“Grande, placida,
come in un fresco luminoso oceano 
di silenzio gli stava, di faccia, la luna” (1)

L’ucchi mi fannu pupi pupi...
l’ucchi mi fannu pupi pupi...

Stu munnu gira e gira a la riversa,
la virità, la virità è tutta ‘na farsa,
l’omu cerca la paci cu’ la guerra,
cu’ li so’ manu si fa la fossa e si sutterra...

L’ucchi mi fannu pupi pupi...
l’ucchi mi fannu pupi pupi...




Testo e musica di Salvatore Nocera
(1) tratto da “Ciaula scopre la luna” 
di Luigi Pirandello

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

 

SUTTATERRA



Mio padre per campare la famiglia
andava a lavorare nelle miniere di zolfo
scavava sottoterra per cercare il pane,
non l’oro, né i diamanti,
senza feste e né domeniche;
strisciava come un verme e mangiava terra
per stare sotto, sotto i padroni, tutta la vita sotto, nelle grotte, per guadagnarsi un pezzo di pane, trascinava la sua vita
sottoterra, in questa “terra di sutta”.

Nera è la terra,
nera è la fame,
nera è questa sorte, la vita e la morte,
per sopravvivere, per tenersi in piedi
siamo sepolti qui sotto,
sotto sta terra, “terra di sutta”.

Terra di buona gente
di uomini valenti con buoni denti
ma il nostro pane lo divorano
fetenti, ingordi e prepotenti,
ci rubano tutto e ci accontentano con niente
e noi sempre sotto, sotto i favori,
sottomessi ai potenti, la rabbia ci consuma,
la dignità si piega
sotto sta terra, “terra di sutta”.

Nera è la terra,
nera è la fame,
nera è questa sorte, la vita e la morte,
per sopravvivere, per tenersi in piedi
siamo sepolti qui sotto,
sotto sta terra, “terra di sutta”...
sotto sta terra, “terra di sutta”...

“Grande, placida,
come in un fresco luminoso oceano di silenzio
gli stava, di faccia, la luna” (1)


Gli occhi mi fanno “pupi pupi”
(mi ballano gli occhi - sono confuso)


Il mondo gira, gira al contrario
la verità, la verità è tutta una farsa
l’uomo cerca la pace facendo la guerra
con le sue mani si scava la fossa
e si sotterra.

Gli occhi mi fanno “pupi pupi”
Gli occhi mi fanno “pupi pupi”