Stampa
Categoria: PUPI DI SURFARO
Visite: 622

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

LUSTRU DI LUNA

testo e musica: Salvatore Nocera

 

 

 

 

 

LUSTRU DI LUNA
testo e musica: Salvatore Nocera

E cu' stu vinu russu ca pari sangu di li me' vini
vogliu brindari a tutti l'amici farsi 
e i nemici sinceri,
a li patruni chi cu' li vastuni stoccanu li carini
e li cumpagni ca allegramenti futtinu di darreri.

Vivu a la facci d'i guvirnanti 
chi si manciaru stu paisi
e a nui pizzenti onorevolmenti 
ni lassaru li muddichi,
l'omini di liggi serranu li gaggi 
pi' l'aceddi sapuriti
cu' 'na manu ammuttanu 'a vilanza 
e si grattanu la panza.

Vogliu cantari e viviri cu' divozioni 
cumu a lu parrinu
che il giorno della festa al pulpito 
ci acchiana carricu di vinu,
ringraziannu assai a cu' mi voli beni 
e chi m'ha sempri offisu
fazzu acchianari e scinniri 
tutti li santi di lu paradisu.

Infin saluto l'oste, compagno sempre allerta,
a' un corpo si svacantò la vutti 
e s'ha ghinchiuto la sacchetta.
Or che s'è fatto sera m'aspetta me' muglieri
dritta alla cantunera cu' li vrazza aperti 
e in manu 'u sagnaturi.

Un passu di cà, un passu di dda,
nun passu e nun possu turna',
la testa mi fa, mi gira e mi fa,
tutti cosi girari mi fa...
camminannu la strata è latina,
ogni passu chi fazzu sbirria,
passavu di cà sta matina,
ma chistu palazzu nun c'era,
la statua chi teni 'a bannera
m'ammutta 'nta chista trazzera
cascari mi fa.

Mi stricu di cà, mi 'mpilu di dda,
a casa nun pozzu turna',
mi gira la testa, s'anneglia la vista,
nun canusciu la manca e la dritta...
ripigliannu la via chianu chianu
lu pedi miporta luntanu,
ci strinciu e ci vasu la manu
a un lampiuni chi mi fa l'inchinu,
mi fermu,
mi raspu li corna,
nun tornu e aspettu chi agghiorna
e cantu...

La la la la la la
cantu canzuni suttu 'u lustru di luna
e quannu cantu lu me' cori abballa
nun mi sentu chiù abbruscia',
li mali pinsera, la sorti buttuana...
mi sentu lu vinu ca acchiana,
mi piglia la testa, cumincia la festa
e mi mettu a canta'

la la la la
cantu canzuni sutta 'u lustru di luna,
chiù nun m'addannu, m'arzu di lu funnu,
nenti chianciri mi fa,
la testa e lu cori mi s'inchi d'amuri,
la vita m'azzanna e nun sentu duluri,
iu manciu, vivu, mi ni futtu e cantu
e tiru a campa'
la la la la...

Sulu ristannu, chinu sdegnu,
stancu e schifiatu di chistu assurdu munnu...
si chista è l via, chista la bella cumpagnia...
si chista è la bona genti, nun vali nenti,
omini pizzenti, sacchi vacanti, farsi e priputenti,
sciuri fitenti, tinti guvernanti,
razza senza amuri, amanti tradituri,
banneri di milli culuri...
si chista è vita...
a stu giru passu,
pagu lu cuntu e chiuiu la partita...

La la la la la la
cantu canzuni suttu 'u lustru di luna
e quannu cantu lu me' cori abballa
nun mi sentu chiù abbruscia',
li mali pinsera, la sorti buttuana...
mi sentu lu vinu ca acchiana,
mi piglia la testa, cumincia la festa
e mi mettu a canta'

la la la la
cantu canzuni sutta 'u lustru di luna,
chiù nun m'addannu, m'arzu di lu funnu,
nenti chianciri mi fa,
la testa e lu cori mi s'inchi d'amuri,
la vita m'azzanna e nun sentu duluri,
iu manciu, vivu, mi ni futtu e cantu
e tiru a campa'
la la la la...

                                                                                                                                                                         

 

LUCE DI LUNA

Con questo vino rosso come il sangue delle mie vene

voglio brindare a tutti i falsi amici 
e i nemici sinceri,
ai padroni che coi bastoni spezzano la schiena
ed ai compagni che allegramente ti fottono alle spalle.
Bevo alla faccia dei governanti 
che divorano il nostro paese
e a noi pezzenti onorevolmente 
lasciano le briciole,
gli uomini di legge serrano le gabbie 
per gli uccelli saporiti
con una mano truccano la bilancia 
e si grattano la pancia.

Voglio cantare e bere con devozione 
come il sacerdote
che il giorno della festa sale sul pulpito 
carico di vino,
ringraziando tanto chi mi vuole bene 
e chi mi ha sempre offeso
faccio salire e scendere 
tutti i santi del paradiso.

Infin saluto l'oste, compagno sempre allerta,
in un colpo s'è svuotato la botte 
e s'è riempito le tasche.
Or che s'è fatto sera, mi aspetta mia moglie
ferma sotto casa, con le braccia aperte e col mattarello in mano.

Un passo di qua, un passo di là,
non passo e non posso tornar,
la testa mi fa, mi gira e mi fa,
tutte cose girare mi fa...
camminando è dritta la strada
ad ogni passo si curva,
da qui son passato sta mattina,
ma questo palazzo non c'era,
la statua che tiene la bandiera
mi spinge in questa stradina
e mi fa cadere.

Mi struscio di qua, mi infilo di là,
a casa non posso tornar,
mi gira la testa, mi si annebbia la vista,
non distinguo la destra dalla sinistra...
ripigliando la via piano piano
il piede mi porta lontano,
stringo e bacio la mano
ad un lampione che mi fa l'inchino
mi fermo,
mi gratto le corna,
non torno e aspetto che faccia giorno
e canto...

La la la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
e quando canto il mio cuore balla
non sento più bruciare,
i brutti pensieri, la sorte buttana...
sento il vino che sale,
mi piglia la testa, comincia la festa
e mi metto a cantar

la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
non mi dispero più, risalgo dal fondo
niente mi fa più piangere,
la testa ed il cuore si riempie d'amore,
la vita mi azzanna e non sento dolore,
mangio, bevo, me ne fotto e canto
e tiro campar
la la la la...

Rimango da solo, pieno di sdegno
stanco e schifato da questo mondo assurdo...
se è questa la via, questa la bella compagnia...
se è questa la buona gente, non vale niente,
uomini pezzenti, sacchi vuoti, falsi e prepotenti,
fiori puzzolenti, cattivi governanti,
razza senza amore, amanti traditori,
bandiere di mille colori...
se questa è vita...
a questo giro passo,
pago il conto e chiudo la partita...

La la la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
e quando canto il mio cuore balla
non sento più bruciare,
i brutti pensieri, la sorte buttana...
sento il vino che sale,
mi piglia la testa, comincia la festa
e mi metto a cantar

la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
non mi dispero più, risalgo dal fondo
niente mi fa più piangere,
la testa ed il cuore si riempie d'amore,
la vita mi azzanna e non sento dolore,
mangio, bevo, me ne fotto e canto
e tiro campar
la la la la...