GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

LU CUMMATTIMENTU DI ORLANDU E RINALDU

 

 

 

 

 

LU CUMMATTIMENTU DI ORLANDU E RINALDU

Vidìti quantu po' 'n pilu di fimmina!
Dui palatini, ca su' du' pileri,
per causanza di la bella Angelica
su' addivintati du' nimici fêri.

Ecculi in campu, unu contra all'autru
ca cercanu mangiàrisi ppi lupi;
avi quasi tri jorna ca cummattunu...
– Oh, non è cosa d'òpira di pupi!
Chista ca vi raccuntu è vera storia
scritta sopra dei fatti naturali
da un cappuccinu ca campava all'epuca
e vitti unu di tuttu, tali e quali.

Orlando a 'n certu punto era stanchissimu,
mentri Rinardu ancora ci agguantava,
per la scacione ca sennu chiù sengulu
faceva menu sforzu e non sudava.
Ma chiddu, ccu 'dda lingua, era un santissimu
diavulu e circava d'avvilillu,
icennuci: «Com'è ca mi giustifichi
'ssi beni? D'unni vinniru? Dimmillu!...
«Ti pari ca non sacciu, mulu fausu,
ca si' lu pataternu dei spatazza?
Ca ci vinnisti a tutti li tò fimmini
anchi la stuppa di li matarazza?§
«Ti pari ca non sacciu, 'nta sittemmuru,
quannu passaru sutta li to' paesi,
he ci assurtasti, unu appressu all'autru,
chiù di setticentu maganzesi?
«Ti pari ca non sacciu che coi pìcciuli
che ci truvasti dintra il saccappano
ti fabbricasti il tanto sbrendidissimo
castello anticu to' di Montarbano?»

E 'ntantu furriò la spada all'aria
e desi un corpo d'accussì trementi,
che se Rinardo non faceva un sàvoto
era pirdutu irremissibilmenti.
Questo però si piglia la rivincita
e ci dici: «Va beni; ma, ora va,
i m'ha' saputu fari tanti pìcciuli
signu ca tegnu morta abilità.
Ma tu, ccu tuttu ca si' putintissimu,
parenti di lo stisso Imperaturi,
ecco ca si' arridduttu a peri scàusi,
comu si fussi un tinto muraturi.


«Talìiti allo specchio, gran riddicolo,
vìriti questo tuo nasoni storto
vi ragiuni la liggiatra Angelica 
ca non senti ppi tia nuddu trasporto.
«Aspetta, aspetta, ca m'abbasta l'animo
ccu 'n corpu sulu della mia fusberta
di apparaggiarti questa tua probosciti!...
Così dicendo si 'nquartò alla sverta
fici girari l'arma comu anìmmolo
e quannu s'addunò che il sulo vento
che procedeva arrifiscava l'aria,
fici calari lesto il suo fendento!...
Orlando arriniscìu a parallo subito,
chè
 avendo 'ntiso pria la friscanzana,
s'aveva quartiato e in modo energeco
aveva arzata la sua trullintana.

E quannu s'addunò che nello scìnneri
la spata di Rinardo avìa azziccato
dintra il tirrenu e non puteva nésciri
dissi: «putenti Dio sacramintato!
Ecco arriva l'ora tua prenobisi,
Rinaldo, ti po' fari il tuo tabuto!»
E con un corpo di spatancia in súpira
lo buttò al suolo, quasi tramortuto.
«Ah, vili» dissi quello, nel sosìrisi
comu si fòra un jattu suriano »
questa è la tua omirtá, che voi ferìrimi
mentre che sono senza spata a mano?
«Ah, sì, t'arricanuscio, arrifardissimo,
potenti vile e figlio di... bagiana,
non fusti tu ca ci facisti il traino
ad Adalmonti, sutta la funtana?
«Prènditi la distanza e se sei abeli
vénicci facci a facci e pugno a pugno,
che t'ariddúcio questa facci giàlina
e tappïata peggio d'un cutugno!»

«Sì sbavaldoso che tu sei» ci arrébrica,
Orlando paladino «eccomi quane, 
ti voglio far provare il mio terribeli
brando e la forza di codeste mane»
E nel contempo tutti e due s'arrassano,
pigliano ciato e con le quattro braccia
sollevano le spate sopra i cranii
e ognun si parti in atto di minaccia.

Succedi l'urto, i due spate s'incrociano,
sàtano l'elmi suoi ben presto rotti,
e cadono storditi ambo all'unisono,
per setti giorni intere e sette notti!

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 132 visitatori e nessun utente online