GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 167 visitatori e nessun utente online

PUPI DI SURFARO

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

CANTU D'AMURI video

LA NICUSIOTA video

LU CUMMATTIMENTU DI ORLANDU E RINALDU video

LUSTRU DI LUNA video

QUNATU BASILICÒ - CU TI LU DISSI -  video

SUTTA TERRA video

  

Nati nel 2006, dopo varie esperienze in diverse piazze siciliane, partecipano all' XI festival della nuova canzone siciliana raggiungendo le semifinali; nel 2010 auto producono il primo cd, e avviano la collaborazione con i Modena City Ramblers che li porterà a suonare sullo stesso palco anche negli anni seguenti.; si esibiscono prima di Mannarino al Forum Antimafia di Cinisi (PA) in onore di Peppino e Felicia Impastato. Tra il 2011 e il 2012 preparano lo spettacolo "Suttaterra". Nel 2013 tra gli altri, partecipano al Musicultura (Macerata), al Basula Fest (Catania), al Maggio Sermonetano (Latina), al Memoriale "Giuseppe Gatì" (Agrigento), al Taranta Sicily (Ragusa) e suonano con i Modena City Ramblers al concerto organizzato a Trapani da Libera per la Carovana Antimafia 2013. Stanno registrando il nuovo disco presso i DCave studios di Catania.

 

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

CANTU D'AMURI 

 

 

 

 

 

CANTU D'AMURI

Dintra un palazzu ci sta 'na signura
bedda chi cu la vidi si 'nnammura,
perdi lu sentimentu e la ragiuni
tostu so' patri la teni 'n prigiuni.
Bedda chi di li beddi si riggina,
di l'oru di la conca si patruna,
cori d'amanti e facci di bammina
vasariti e non s'ardiri è furtuna.
Passa li jorna arreri alla finestra
misa 'n prigiuni di sta gilusia
e comu un ciuri di campu ni la grasta,
comu 'n'amanti senza cumpagnia...
comu un ciuri di campu ni la grasta,
comu 'n'amanti senza cumpagnia.

Affaccia bedda a la finestra
sta notti passa 'u to' veru amuri,
armatu vegnu e fazzu festa
cu' vuci grossa e cu' tammuri,
ti scippu sciuri di la grasta
e ti riportu a lu to' canduri,
affaccia e grapi ssa finestra
senti 'u me' cantu d'amuri.

Libera l'amore libera
chi lo sa cantare
amala sta terra libera
sciuri di campu, sciauru d'amuri,
la me' raggia nun si sparda,
tuttu 'u duluri nun si scorda
veni cà spalamula
sta muntagna di merda.

Vogliu cantari e no pi' fari scrusciu
chiù nun s'abballa e non si fa baccanu
unni c'è scuru vogliu fari lustru
sulu cantannu mi sentu omu.
Contru sta tirannia chi t'ha riduttu
a dimannari comu 'na minnica
chi t'ha negatu ogni to' dirittu
'nveci d'amanti mi si' nimica.
E lu to' spusu di la to' biddizza
ni fu capaci di farni munnizza
e li to' carni tantu dilicati
li detti 'n mucca a li cani arraggiati.
Signura di quant'eri disiata
fusti jittata 'n mezzu a la strata,
ci avevi la curuna e lu mantellu
lu to' palazzu addivintò burdellu.

'N omu chi lotta sulu è sulu un foddi
e di sicuru ci lassa la peddi,
ma un cavaliri nun mori di fissa
s'è pi' l'amuri di la so' principissa...
ma un cavaliri nun mori di fissa
s'è pi' l'amuri di la so' principissa.

Libera l'amore libera
chi lo sa cantare
amala sta terra libera
sciuri di campu, sciauru d'amuri.

Libera l'amore libera
chi lo sa cantare
amala sta terra libera
petra chi spacca lu sciumi.

Libera l'amore libera
chi lo sa cantare
amala sta terra libera
sbampa li cordi e li catini.
La me' raggia nun si sparda,
tuttu 'u duluri nun si scorda
veni cà, spalamula 
sta muntagna di merda.

Affaccia bedda a la finestra
sta notti passa 'u to' veru amuri,
armatu vegnu e fazzu festa
cu' vuci grossa e cu' tammuri,
ti scippu sciuri di la grasta
e ti riportu a lu to' canduri,
affaccia e grapi ssa finestra
senti 'u me' cantu d'amuri.

Libera l'amore libera
chi lo sa cantare,
amala sta terra libera
sbampa li cordi e li catini,
la me' raggia nun si sparda,
tuttu 'u duluri nun si scorda
veni cà spalamula
sta muntagna di merda...
veni cà spalamula
sta muntagna di merda.

 

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

LU CUMMATTIMENTU DI ORLANDU E RINALDU

 

 

 

 

 

LU CUMMATTIMENTU DI ORLANDU E RINALDU

Vidìti quantu po' 'n pilu di fimmina!
Dui palatini, ca su' du' pileri,
per causanza di la bella Angelica
su' addivintati du' nimici fêri.

Ecculi in campu, unu contra all'autru
ca cercanu mangiàrisi ppi lupi;
avi quasi tri jorna ca cummattunu...
– Oh, non è cosa d'òpira di pupi!
Chista ca vi raccuntu è vera storia
scritta sopra dei fatti naturali
da un cappuccinu ca campava all'epuca
e vitti unu di tuttu, tali e quali.

Orlando a 'n certu punto era stanchissimu,
mentri Rinardu ancora ci agguantava,
per la scacione ca sennu chiù sengulu
faceva menu sforzu e non sudava.
Ma chiddu, ccu 'dda lingua, era un santissimu
diavulu e circava d'avvilillu,
icennuci: «Com'è ca mi giustifichi
'ssi beni? D'unni vinniru? Dimmillu!...
«Ti pari ca non sacciu, mulu fausu,
ca si' lu pataternu dei spatazza?
Ca ci vinnisti a tutti li tò fimmini
anchi la stuppa di li matarazza?§
«Ti pari ca non sacciu, 'nta sittemmuru,
quannu passaru sutta li to' paesi,
he ci assurtasti, unu appressu all'autru,
chiù di setticentu maganzesi?
«Ti pari ca non sacciu che coi pìcciuli
che ci truvasti dintra il saccappano
ti fabbricasti il tanto sbrendidissimo
castello anticu to' di Montarbano?»

E 'ntantu furriò la spada all'aria
e desi un corpo d'accussì trementi,
che se Rinardo non faceva un sàvoto
era pirdutu irremissibilmenti.
Questo però si piglia la rivincita
e ci dici: «Va beni; ma, ora va,
i m'ha' saputu fari tanti pìcciuli
signu ca tegnu morta abilità.
Ma tu, ccu tuttu ca si' putintissimu,
parenti di lo stisso Imperaturi,
ecco ca si' arridduttu a peri scàusi,
comu si fussi un tinto muraturi.


«Talìiti allo specchio, gran riddicolo,
vìriti questo tuo nasoni storto
vi ragiuni la liggiatra Angelica 
ca non senti ppi tia nuddu trasporto.
«Aspetta, aspetta, ca m'abbasta l'animo
ccu 'n corpu sulu della mia fusberta
di apparaggiarti questa tua probosciti!...
Così dicendo si 'nquartò alla sverta
fici girari l'arma comu anìmmolo
e quannu s'addunò che il sulo vento
che procedeva arrifiscava l'aria,
fici calari lesto il suo fendento!...
Orlando arriniscìu a parallo subito,
chè
 avendo 'ntiso pria la friscanzana,
s'aveva quartiato e in modo energeco
aveva arzata la sua trullintana.

E quannu s'addunò che nello scìnneri
la spata di Rinardo avìa azziccato
dintra il tirrenu e non puteva nésciri
dissi: «putenti Dio sacramintato!
Ecco arriva l'ora tua prenobisi,
Rinaldo, ti po' fari il tuo tabuto!»
E con un corpo di spatancia in súpira
lo buttò al suolo, quasi tramortuto.
«Ah, vili» dissi quello, nel sosìrisi
comu si fòra un jattu suriano »
questa è la tua omirtá, che voi ferìrimi
mentre che sono senza spata a mano?
«Ah, sì, t'arricanuscio, arrifardissimo,
potenti vile e figlio di... bagiana,
non fusti tu ca ci facisti il traino
ad Adalmonti, sutta la funtana?
«Prènditi la distanza e se sei abeli
vénicci facci a facci e pugno a pugno,
che t'ariddúcio questa facci giàlina
e tappïata peggio d'un cutugno!»

«Sì sbavaldoso che tu sei» ci arrébrica,
Orlando paladino «eccomi quane, 
ti voglio far provare il mio terribeli
brando e la forza di codeste mane»
E nel contempo tutti e due s'arrassano,
pigliano ciato e con le quattro braccia
sollevano le spate sopra i cranii
e ognun si parti in atto di minaccia.

Succedi l'urto, i due spate s'incrociano,
sàtano l'elmi suoi ben presto rotti,
e cadono storditi ambo all'unisono,
per setti giorni intere e sette notti!

 

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARO

 

 

 

CANZONI

 

LA NICUSIOTA

 

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: PUPI DI SURFARU

 

 

 

CANZONI

 

LUSTRU DI LUNA

testo e musica: Salvatore Nocera

 

 

 

 

 

LUSTRU DI LUNA
testo e musica: Salvatore Nocera

E cu' stu vinu russu ca pari sangu di li me' vini
vogliu brindari a tutti l'amici farsi 
e i nemici sinceri,
a li patruni chi cu' li vastuni stoccanu li carini
e li cumpagni ca allegramenti futtinu di darreri.

Vivu a la facci d'i guvirnanti 
chi si manciaru stu paisi
e a nui pizzenti onorevolmenti 
ni lassaru li muddichi,
l'omini di liggi serranu li gaggi 
pi' l'aceddi sapuriti
cu' 'na manu ammuttanu 'a vilanza 
e si grattanu la panza.

Vogliu cantari e viviri cu' divozioni 
cumu a lu parrinu
che il giorno della festa al pulpito 
ci acchiana carricu di vinu,
ringraziannu assai a cu' mi voli beni 
e chi m'ha sempri offisu
fazzu acchianari e scinniri 
tutti li santi di lu paradisu.

Infin saluto l'oste, compagno sempre allerta,
a' un corpo si svacantò la vutti 
e s'ha ghinchiuto la sacchetta.
Or che s'è fatto sera m'aspetta me' muglieri
dritta alla cantunera cu' li vrazza aperti 
e in manu 'u sagnaturi.

Un passu di cà, un passu di dda,
nun passu e nun possu turna',
la testa mi fa, mi gira e mi fa,
tutti cosi girari mi fa...
camminannu la strata è latina,
ogni passu chi fazzu sbirria,
passavu di cà sta matina,
ma chistu palazzu nun c'era,
la statua chi teni 'a bannera
m'ammutta 'nta chista trazzera
cascari mi fa.

Mi stricu di cà, mi 'mpilu di dda,
a casa nun pozzu turna',
mi gira la testa, s'anneglia la vista,
nun canusciu la manca e la dritta...
ripigliannu la via chianu chianu
lu pedi miporta luntanu,
ci strinciu e ci vasu la manu
a un lampiuni chi mi fa l'inchinu,
mi fermu,
mi raspu li corna,
nun tornu e aspettu chi agghiorna
e cantu...

La la la la la la
cantu canzuni suttu 'u lustru di luna
e quannu cantu lu me' cori abballa
nun mi sentu chiù abbruscia',
li mali pinsera, la sorti buttuana...
mi sentu lu vinu ca acchiana,
mi piglia la testa, cumincia la festa
e mi mettu a canta'

la la la la
cantu canzuni sutta 'u lustru di luna,
chiù nun m'addannu, m'arzu di lu funnu,
nenti chianciri mi fa,
la testa e lu cori mi s'inchi d'amuri,
la vita m'azzanna e nun sentu duluri,
iu manciu, vivu, mi ni futtu e cantu
e tiru a campa'
la la la la...

Sulu ristannu, chinu sdegnu,
stancu e schifiatu di chistu assurdu munnu...
si chista è l via, chista la bella cumpagnia...
si chista è la bona genti, nun vali nenti,
omini pizzenti, sacchi vacanti, farsi e priputenti,
sciuri fitenti, tinti guvernanti,
razza senza amuri, amanti tradituri,
banneri di milli culuri...
si chista è vita...
a stu giru passu,
pagu lu cuntu e chiuiu la partita...

La la la la la la
cantu canzuni suttu 'u lustru di luna
e quannu cantu lu me' cori abballa
nun mi sentu chiù abbruscia',
li mali pinsera, la sorti buttuana...
mi sentu lu vinu ca acchiana,
mi piglia la testa, cumincia la festa
e mi mettu a canta'

la la la la
cantu canzuni sutta 'u lustru di luna,
chiù nun m'addannu, m'arzu di lu funnu,
nenti chianciri mi fa,
la testa e lu cori mi s'inchi d'amuri,
la vita m'azzanna e nun sentu duluri,
iu manciu, vivu, mi ni futtu e cantu
e tiru a campa'
la la la la...

                                                                                                                                                                         

 

LUCE DI LUNA

Con questo vino rosso come il sangue delle mie vene

voglio brindare a tutti i falsi amici 
e i nemici sinceri,
ai padroni che coi bastoni spezzano la schiena
ed ai compagni che allegramente ti fottono alle spalle.
Bevo alla faccia dei governanti 
che divorano il nostro paese
e a noi pezzenti onorevolmente 
lasciano le briciole,
gli uomini di legge serrano le gabbie 
per gli uccelli saporiti
con una mano truccano la bilancia 
e si grattano la pancia.

Voglio cantare e bere con devozione 
come il sacerdote
che il giorno della festa sale sul pulpito 
carico di vino,
ringraziando tanto chi mi vuole bene 
e chi mi ha sempre offeso
faccio salire e scendere 
tutti i santi del paradiso.

Infin saluto l'oste, compagno sempre allerta,
in un colpo s'è svuotato la botte 
e s'è riempito le tasche.
Or che s'è fatto sera, mi aspetta mia moglie
ferma sotto casa, con le braccia aperte e col mattarello in mano.

Un passo di qua, un passo di là,
non passo e non posso tornar,
la testa mi fa, mi gira e mi fa,
tutte cose girare mi fa...
camminando è dritta la strada
ad ogni passo si curva,
da qui son passato sta mattina,
ma questo palazzo non c'era,
la statua che tiene la bandiera
mi spinge in questa stradina
e mi fa cadere.

Mi struscio di qua, mi infilo di là,
a casa non posso tornar,
mi gira la testa, mi si annebbia la vista,
non distinguo la destra dalla sinistra...
ripigliando la via piano piano
il piede mi porta lontano,
stringo e bacio la mano
ad un lampione che mi fa l'inchino
mi fermo,
mi gratto le corna,
non torno e aspetto che faccia giorno
e canto...

La la la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
e quando canto il mio cuore balla
non sento più bruciare,
i brutti pensieri, la sorte buttana...
sento il vino che sale,
mi piglia la testa, comincia la festa
e mi metto a cantar

la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
non mi dispero più, risalgo dal fondo
niente mi fa più piangere,
la testa ed il cuore si riempie d'amore,
la vita mi azzanna e non sento dolore,
mangio, bevo, me ne fotto e canto
e tiro campar
la la la la...

Rimango da solo, pieno di sdegno
stanco e schifato da questo mondo assurdo...
se è questa la via, questa la bella compagnia...
se è questa la buona gente, non vale niente,
uomini pezzenti, sacchi vuoti, falsi e prepotenti,
fiori puzzolenti, cattivi governanti,
razza senza amore, amanti traditori,
bandiere di mille colori...
se questa è vita...
a questo giro passo,
pago il conto e chiudo la partita...

La la la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
e quando canto il mio cuore balla
non sento più bruciare,
i brutti pensieri, la sorte buttana...
sento il vino che sale,
mi piglia la testa, comincia la festa
e mi metto a cantar

la la la la
canto canzoni sotto il chiaro di luna
non mi dispero più, risalgo dal fondo
niente mi fa più piangere,
la testa ed il cuore si riempie d'amore,
la vita mi azzanna e non sento dolore,
mangio, bevo, me ne fotto e canto
e tiro campar
la la la la...