GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online

CALANDRA E CALANDRA

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

CANZUNI D'AMURI 

LU MATRIMONIU TIPPI TUPPI E TAPPI

SCICCAREDDU DI LU ME CORI

SCOTULA SCOTULA

SICILIANU TIPU STRANU

TRI TRI TRI

 

http://www.youtube.com/watch?v=NhsLLCZj1TA
intervista al duo Calandra e Calandra

https://www.facebook.com/calandraecalandra
blog su Facebook dei due fratelli Calandra e Calandra

http://www.calandraecalandra.com/
sito ufficilale del duo canoro

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

CANZUNI D'AMURI

 

 

 

 

CANZUNI D'AMURI

Scrivu e cantu canzuni d'amuri
stori di terra, di mari e di suli
scrivu e cantu canzuni pi tia
scrivu... ma tu dunni si
scrivu e un sacciu picchì

Comu lu ventu chi stocca li rami
comu lu focu m'abbruscia lu cori 
comu lu sciumi chi cerca lu mari
cercu... ma tu dunni si ? 
cercu e un sacciu picchì

Scrivu e cantu canzuni d'amuri
stori di terra, di mari e di suli
scrivu e cantu canzuni pi tia
cantu... ma tu dunni si
cantu e un saciiu picchì

(parlato)

Comu lu ventu chi stocca li rami
comu lu terra cripiata di suli 
comu lu focu m'abbruscia lu cori 
comu lu sciumi chi cerca lu mari
scrivu canzuni d'amuri 
stori di terra di gioia, duluri 
scrivu canzuni e cantu pi tia.



 

CANZONE D'AMORE

 

Scrivo e canto canzoni d'amore
storie di terra, di mare e di sole
scrivo e canto canzoni per te
scrivo... e non so perchè
dcrvo e non so perchè

Come il vento che rompe i rami
come il fuoco che brucia il cuore 
come ilo fiume che cerca il mare
cerco... ma tu dove sei ?
cerco e non so perchè

Scrivo e canto canzoni d'amore
storie di terra, di mare e di sole
scrivo e canto canzoni per te
scrivo... e non so perchè
canto e non so perchè

Come il vento che rompe i rami
come il fuoco che brucia il cuore 
come ilo fiume che cerca il mare
cerco... ma tu dove sei ?
cerco e non so perchè

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

U SCICCAREDDU 

 

 

 

U SCICCAREDDU 

Avia ‘nu sciaccareddu, ma tantu sapuritu,
a mia mi l’ammazzaru, poveru sceccu miu. 
Chi bedda vuci avia, 
paria nu gran tenuri, 
sciccareddu di lu me cori, 
comu io t’haiu ‘a scurdari. 
sciccareddu di lu me cori, 
comu io t’haiu ‘a scurdari. 
E quannu cantava facia 
E quannu cantava facia
E quannu cantava facia

IL SOMARELLO

vevo un asinello, ma tanto bello 
Me lo hanno ammazzato, povero asino mio.
Che bella voce aveva,
sembrava un gran tenore,
asinello del mio cuore
come potrò mai scordarti.
E quando cantava faceva Jiiiia Jiiiia Jiiiia

Bellissima e malinconica canzone siciliane che i due fratelli Calandra e Calandra rendono al meglio delle loro qualità canore e musicali.
Veniva cantata dai carrettieri durante i loro lunghi tragitti da una città all'altra della Sicilia, o tra amici nelle feste o in trattoria.
L'asino negli anni passati rappresentava una risorsa per tutta la famiglia per l'aiuto economico che poteva dare con il suo lavoro alla famiglia ed era trattato come uno della famiglia e la sua dipartita lasciava rattristati e a volte con problemi economici gravi i padroni

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

LU MATRIMONIU TIRITUPPI E TAPPI

 

 

 

 

 LU MATRIMONIU TIRITUPPI E TAPPI

 

Tra du simani iu mi maritu 
un m'aji pruvatu ancora mancu lu vestitu 
dopu vint'anni di stari zitu 
tra dui simani forsi iu m i maritu 
Quasi cuntenti foru l'amici e parenti 
qualcunu dissi: viri dopu ti nni penti 
Menu felici fu lu zo Antoniu 
dissi: sugnu cuntrariu a stu matrimoniu. 
Cunfetti boni... e bouquet chiù di na rota
... tra spinni e spanni spennu assai sulu nnà vota
tra discussioni murmuri e lamenti 
... si presentaru quasi tutti li parenti. 

(Patri Cottone) misu a l’artari... nni rissi 
PRESTU E’ TARDU vati a maritari...?
Tra un Patri Nostru e nn’ Avi Maria 
me cumpari chiù l’aneddi un n ‘avia. 

Unn ‘attrova chiù l’aneddi lu parrinu 
s’arrabbia… l’Omelia 
e me soggira aggiannia 
la me zita mi talia e la curpa duna a mia
e cu fa a fotografia dici mi chi camurria... 
arrivau lu Saristanu e l’aneddi avia n’manu.
(Cit ..Marcia nuziale)
RIT.Senza tuppu un t’appi...
cu lu tuppu t’appi 
Senza Tuppu un t’appi 
cu lu Tuppu t’appi comu t’appi t’appi
tirituppi e tappi cu tuppu e tacchi 
tra tacchi e tuppu 

tirituppi tappi comu t’appi t’appi
menu cuntenti fu lu Zzù NITTU 
iddu mi rissi Viri di filari dittu... !

Fora la chiesa a la nisciuta…
lanciu di risu e gran battitu di manu
fotu di ritu cu tutti quanti… 
Strincìti un pocu e tu mettiti d’avanti

Chi firnicia quantu pinseri
ciuri, chiesa, orchestra sala e cammareri.
Menu cuntenti fu lu ZZu’ VITU 
iddu mi rissi: t’avii a stari ancora zitu

Lu cammareri menzu stunatu 
versà lu vinu giustu supra a (Don Tanino )
tra n’arancina e la cassata 
chistu mi voli rovinari la jurnata
la jurnata è rovinata...
Don Tanino s’arrabbia dici 
giustu giustu a mia
e me soggira aggiannia 
me mugghieri mi talia e la curpa duna a mia
e cu fa a fotografia dici mi chi camurria...
arrivau lu saristanu e li bicchiera avia n’manu
cin cin …bacio, bacio, bacio. Abballa i Sposi!

RIT.Senza tuppu un t’appi..cu lu tuppu t’appi 
Senza Tuppu un t’appi 
cu lu Tuppu t’appi comu t’appi t’appi
tirituppi e tappi cu tuppu e tacchi 
tra tacchi e tuppu tirituppi tappi comu t’appi t’appi

RIT.Senza tuppu un t’appi...
cu lu tuppu t’appi 
Senza Tuppu un t’appi cu lu Tuppu t’appi 
comu t’appi t’appi
tirituppi e tappi cu tuppu e tacchi 
tra tacchi e tuppu tirituppi tappi 
comu t’appi t’appi…
lu chiu deciso fu lu ZZù Totò.. .dissi: 
ora tutti a la casa, va si no..!

 

 

 

 

 

 

IL MATRINMONIO


Tra due settimane mi sposo 

non mi son provato ancora 
nemmeno il vestito
dopo vent'anni di stare fidanzato
tra due settimane 
forse io mi sposo
Quasi contenti sono stati gli amici e i parenti
qualcuno disse: guarda forse te ne penti
Meno felice fu lo zio Antonio

disse: sono contrario a questo matrimonio.
Confetti buoni e bouquet più grande di una ruota
... tra spendi e spandi spendo assai soltanto una volta 
tra discussioni, mormporii e lamenti
... si presentano quasi tutti i parenti.

(Patri Cottone) soèpra l'altare... ci disse:
PRESTO E' TARDI dovete sposarvi...?
Tra un Padre Nostro ed un'Ave Maria 
mio compare più gli anelli non aveva.

Non si trovano più gli anelli, 
il prete si arrabbia... nell'omelia 
e mia suocera diventa gialla (per la bile)
la mia fidanzata mi guarda e la colpa da a me
e chi fa le fotografie dice: che seccatura...
arrivò il sagrestano e gli anelli aveva in mano... 

Senza tuppo (capelli raccolti nella nuca) 
non ti ho avuta, con il tuppo ti ho avuta
senza tuppo, non ti ho avuta
con il tuppo ti ho avuta
e come ti ho avuta ti ho avuta 
tirituppi e tappi con il tuppo e i tacchi
tra tacchi e tuppo.

Tirituppi tappi come ti ho avuta ti ho avuta
meno contento du li zio Nitto
lui disse: Guarda di rigare diritto... !

Fuori della chiesa all'uscita... 
lancio di riso e gran battute di mano
foto di rito con tutti quanti...
stringiti un poco e tu mettiti davanti

Che preoccupazione, quanti pensieri
fiori, chiesa, orchestra sala e camerieri:
Meno contento fu zio Vito
lui mi disse: saresti dovuto stare ancora fidanzato. 
Il cameriere mezzo stonato
versò il vino giusto sopra a(Don Tano)
tra un'arancina e una cassata
questo mi vuole rovinare la giornata 
la giornata è rovinata...
Don Taniono s'arrabbia e dice:
giusto giusto a me (doveva capitare?)
e mia suocera diventa gialla
la mia fidanzata mi guarda e la colpa da a me
e chi fa le fotografie dice: che seccatura...
arrivò il sagrestano e gli anelli aveva in mano...
cin cin... bacio, bacio, bacio. Che gli sposi ballino!

Senza tuppo (capelli raccolti nella nuca) 
non ti ho avuta, con il tuppo ti ho avuta
senza tuppo, non ti ho avuta
con il tuppo ti ho avuta
e come ti ho avuta ti ho avuta 
tirituppi e tappi con il tuppo e i tacchi
tra tacchi e tuppo.

Senza tuppo (capelli raccolti nella nuca) 
non ti ho avuta, con il tuppo ti ho avuta
senza tuppo, non ti ho avuta
con il tuppo ti ho avuta
e come ti ho avuta ti ho avuta 
il più deciso fu lo zio Tottò... disse: 
ora tutti a casa e se non lo fate (ci sarnno guai)

Il matrimonio in tutte le civiltà è un momento di felicità e di gioia, in Sicilia è anche un momento di allegria ed i due fratelli Calandra e Calandra lo dimostrano con questa canzone che mette in risalto i vari personaggi chiamati zii, ed anche tutte le situazioni piò o meno spassose dalla cerimonia in chiesa al trattenimento al ristorante

 

 

 

 

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

SCOTULA SCOTULA

 

 

SCOTULA SCOTULA

Quannu era nicareddu 
tutti ricianu talè che beddu
Ora ca sugnu crisciutu 
nuddu mi duna 
nna manu d’aiutu

Ti parranu du munnu 
e ti cuntanu che è beddu e tunnu

Ma sacciu ca pi liggi di natura 
un si nasci cu la stessa misura

-----------------------------

Rit. C’è cu nasci beddu 
c’è cu nasci bruttu
C’è cu nasci longhu e cu curtu

C’è cu nasci riccu e cu nasci scarsu 
E c’è cu avi sempri n’manu l’assu

Musica

Quantu semu nta stu munnu 
a cuntalli quasi mi cunfunnu

C’è cu sciala a mai finiri 
C’è cu chianci e c’è cu riri

E c’è cu un po’ manciari 
e cu fa tri voti u jornu a spisa

Poi c’è cu nasci nuru 
mentri c’è cu nasci già cu la cammisa

…………………………………

Rit. C’è cu nasci biancu 
c’è cu nasci scuru
C’è cu è in cumpagnia e cu nasci sulu

C’è cu è ginirusu e cu nasci avaru
C’è cu nasci pupu e cu puparu

…………………………….....

C’è cu pisa e cu abbannia
C’è cu accatta e cu talia

C’è cu sona e c’è cu canta
E cu appatta sempri la sittanta

……………………

E c’è cu parra parra troppu spissu 
e fa finta chi un ci senti

e c’è sempri cu cala e isa la testa 
anchi si un capisci nenti

Rit. C’è cu nasci beddu 
c’è cu nasci bruttu
C’è cu nasci longhu e cu curtu

C’è cu nasci riccu e cu nasci scarsu
E c’è cu avi sempri n’manu l’assu



Scotula, Scotula, Scotula, Scotula, 
Scotula, Scotula, Scotula.

Scotula, Scotula, Scotula, Scotula, 
Scotula, Scotula, Scotula

SCUOTI SCUOTI


Quando era piccolino
tutti dicevano. guarda come è bello 
Ora che sono creciuto
nessuno mi da
una mano d'aiuto

Ti parlano del mondo 
e ti raccontano che è bello e rotondo 

Ma so che per legge di natura
non si nasce con la stessa misura

----------------------------------

C'è chi nasce bello
c'è chi nasce brutto 
C'è chi nasce lungo e chi è corto

C'è chi nasce ricco e chi nasce povero
e c'è chi nasce sempre con l'asso in mano

Quanti siamo in questo mondo
a contarli, quasi mi confondo

C'è chi si diverte a mai finire
C'è chi piange e c'è chi ride.

E c'è chi non ha di che mangiare
e chi fa trevolte al giorno la spesa.

Poi c'è chi nasce nero
mentre c'è pure chi nasce con la camicia.

......................................

C'è chi nasce bianco e chi nasce nero 
c'è chi nasce brutto
c'è chi è in compagnia e chi nasce solo.

C'è cu è generoso e chi nasce avaro
c'è chi nasce pupazzo e chi muove il pupazzo.

.................................

C'è chi pesa e chi grida la sua mercanzia
c'è chi compra e c'è chi guarda

C'è chi suona e c'è chi canta
e chi cerca di far coincidere alle carte la settanta
..............................

E c'è chi parla troppo spesso
e chi fa finta di non sentirw

e c'è sempre chi abbassa ed alza la testa
anche se non capisce niente.

C'è chi nasce bello
c'è chi nasce brutto 
C'è chi nasce lungo e chi è corto

C'è chi nasce ricco e chi nasce povero
e c'è chi nasce sempre con l'asso in mano.



Scotula, Scotula, Scotula, Scotula, 
Scotula, Scotula, Scotula.

Scotula, Scotula, Scotula, Scotula, 
Scotula, Scotula, Scotula