GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online

 

GRUPPO MUSICALE: CALANDRA & CALANDRA

 

 

 

CANZONI

 

SICILIANU TIPU 'NSTRANU

 

 

 

SICILIANU TIPU 'NSTRANU


Mi susu o un mi susu. Mi curcu susu o jusu
Tegnu l’occhiu apertu. O lu tegnu chiusu

Li robbi ncapu u lettu. Ora chi mi mettu
Li scarpi novi novi. Tantu fora un chiovi

Un corpu a li capiddi. Mi ciavuru l’asciddi
M’aggiustu li baffetti. Unn ‘attrovu li quasetti

Sicilianu tipu Stranu
mi spicchiu la simenza un ni pozzu fari senza
ogni tantu m’arrabbiu si mi scappa la pacenza


Sicilianu tipu Stranu
duminica a la missa Don Vitu mi cunfessa
pirduna lu piccatu e accumenciu arrè d’accapu


Me matri c’abbannia quannu ti pari a tia
mi lassi stari m’paci e ti nni và di mia


A tia cu ti lu rissi chi mi vogghiu maritari
Megghiu stari n’chiazza e a tutti salutari


Voscenza binirica
com’è tuttu a postu?


So figghia e ancora zita. 
Ci Piaci a bella vita
ma quannu si marita?


Taliu chiura sunnu fici un pocu i rica(FAME)
Quattru maccarruna mi manciassi cu a muddica


Mentri sugnu pi la via c’è unu c’abbannia
haju pira, haju puma

Sistema li miluna. e n’canottiera fuma


Sicilianu tipu Stranu
lu jornu un ni vogghiu la sira sfardu l’ogghiu
si mi rassi a smossa forsi fussi puru megghhiu


Sicilianu tipu Stranu
mi leggiu lu giornali la cronaca locali
sta cosa un si pò diri sta cosa un si pò fari


Gia si fici tardu. accumenciu a salutari
Sugnu troppu stancu, senza travagghiari

Sapiti chi vi ricu. m’avissi a ripusari
La tavula è cunzata, sta vita un si po fari


Allistennu di manciari. Un sacciu chiu chi ffari
Mi rapu a finistredda, e mi taliu u mari


Sicilianu tipu Stranu
me frati a la Germania. amici a Brucculinu
me patri chi travagghia a la fabbrica a Torinu


Sicilianu tipu Stranu
mi spicchiu la simenza un ni pozzu fari senza
ogni tantu m’arrabbiu si mi scappa la pacenza


Sicilianu tipu Stranu
Lu jornu un ni vogghiu la sira sfardu l’ogghiu
si mi rassi a smossa forsi fussi puru megghhiu


Sicilianu tipu Stranu
duminica a la missa Don Vitu mi cunfessa
pirduna lu piccatu e accumenciu arrè d’accapu


Sicilianu tipu stranu di lu munnu paesanu

Sicilianu tipu stranu e lu munnu tegnu manu

                                                                                                                                                                                                                    

SICILIANO TIPO STRANO

Mi alzo o non mi alzo .
Mi corico o non mi corico

Tengo l'occhio aperto,
oppure lo tengo chiuso

I vestiti sopra il letto. Ora cosa mi metto?
Le scarpe nuove nuove. Tanto fuori non piove

Un colpo ai capelli. Mi odoro le ascelle
M'aggiusto i baffetti. Non trovo le calzette

Siciliano, un tipo strano
mi spicchio la semenza non ne posso 
fare a meno, ogni tanto mi arrabbio 
se mi scappa la pazienza

Siciliano, un tipo strano
domenica Don Vito alla messa mi confessa
perdona il peccato e comincia di nuovo da capo
Mia madre che grida moltissimo
mi lasci stare in pace e te ne vai di casa?

A te chi l'ha detto che mi voglio sposare
meglio passare le giornate in piazza e salutre tutti

Vossignoria, benedica
è tutto a posto?

Sua figlia è ancora fidanzata 
le piace la bella vita
ma quando si sposa?

Guarda che ora sono, mi viene un pò di fame
mangerei quattrro maccheroni con la mollica

Mentre sono per la via c'è uno uno che grida la sua mercanzia: ho pere, ho mele

Sistema i meloni e in canottiera fuma

Siciliano, tipo strano
il giorno non voglio e la sera consumo l'olio
se mi dessi una mossa, forse sarebbe pure meglio

Siciliano, tipo strano
mi leggo il giornale e la cronaca locale
questa cosa non si può dire, quest'altra non si può fare

Già si è fatto tardi, comincia a salutare
sono troppo stanco, senza lavorare

Sapete cosa vi dico: dovrei riposarmi
la tavola è preparata, questa vita non si può fare

Finiamo di mangiare. Non so cosa fare
apro la finestrella e mi guardo il mare

Siciliano, tipo strano 
mia fratello in Germania, amici a Brooklin
mio padre che lavora alla fabbrica a Torino.

Siciliano, un tipo strano
mi spicchio la semenza non ne posso fare a meno,

ogni tanto mi arrabbio se mi scappa la pazienza

Siciliano, tipo strano
il giorno non voglio e la sera consumo l'olio
se mi dessi una mossa, forse sarebbe pure meglio


Siciliano, un tipo strano
domenica Don Vito alla messa mi confessa
perdona il peccato e comincia di nuovo da capo

Siciliano, un tipo strano, paesano del mondo

Siciliano, un tipo strano 
ed il mondo tengo in mano.

Bellissima canzone dei due fratelli Calandra e Calandra.
Siciliano, tipo strano, è il prototipo siciliano, che passa molte ore la sera in piazza, al bar con gli amici, ma come è logico pensare non tutti i siciliani sono così, anzi la gran parte lavora sodo per poter nion far mancare niente alla famiglia.
Diversi sono i proverbi nella canzone, a volte un proverbio vale più di tante parole e questo lo han capito anche i due fratelli che ne fanno abbondante uso nelle loro canzoni anche perchè chi ha deciso di cantare in siciliano lo fa perchè crede nella tradizione ed i proverbi sono la base delle tradizioni e del sapere antico dei nostri padri.