GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 51 visitatori e nessun utente online

 
 
 

 

GRUPPO MUSICALE: I DIOSCURI

 

 

 

CANZONI

NOVENA DI NATALE (A la notti di Natali - Ninu ninu lu picuraru)

 

 

 

A la notti Natali
ca nasciu lu Bambineddru 
ca nasciu mmezzu la paglia
tra lu voi e l'asineddu, 
ca nasciu mmezzu la paglia
tra lu voi e l'asineddu.

La ninna nanna ti vogliu cantar, 
la ninna nanna ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar

San Giuspizzu lu vicchiareddu 
a la Verigini Maria
ci dicia quantu era beddu
chiù lu cori si rapria,
ci dicia quantu era beddu
chiù lu cori si rapria.

La ninna nanna ti vogliu cantar, 
la ninna nanna ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar.

Figghiu la cammisedda
ti la vogghiu arraccamari
e si vo che ti l'allestu
fammi un pocu arriposari, 
e si vo che ti l'allestu
fammi un pocu arriposari.

La ninna nanna ti vogliu cantar, 
la ninna nanna ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar,
la ninna nanna, o caru Bambinu,
la ninna nanna, ti vogliu cantar.

NINU NINU LU PICURARU

Ninu Ninu lu picuraru
ciarameddi cci nnè ‘n paru,
e sunamuli tutti dui
ca Maria s’allegra cchiui.

Ha vinutu lu cacciaturi
un avia chi ci purtari,
porta un lepru e ‘n cunigghiu
‘ppi la Matri e pri lu Figghiu.

Ninu Ninu lu picuraru
ciarameddi cci nnè ‘n paru,
E sunamuli tutti dui
ca Maria s’allegra cchiui.

Ha vinutu la zingaredda
ha vinutu di li muntagni,
ci purtau ‘na cannistredda
di nuciddi e di castagni.

Ninu Ninu lu picuraru
ciarameddi cci nnè ‘n paru,
E sunamuli tutti dui
ca Maria s’allegra cchiui.

Su un su boni, cumpatiti 
e l'affettu riciviti,
cumpatiti o Matri mia
pirchì semu a la campia.

Ninu Ninu lu picuraru
ciarameddi cci nnè ‘n paru,
E sunamuli tutti dui
ca Maria s’allegra cchiui. 

                                                                                            

Nella notte di Natale 
che è nato il Bambinello
che è nato in mezzo alla paglia
tra il bue e l'asinello, 
che è nato in mezzo alla paglia
tra il bue e l'asinello,

La ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare.

San Giuseppe il vecchierello
alla Vergine Maria
gli diceva quanto era bello
più il cuore gli si apriva,
gli diceva quanto era bello
più il cuore gli si apriva.

La ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare.

Figlio la camicetta
te la voglio ricamare
e se vuoi che te la preparo
fammi un poco riposare, 
e se vuoi che te la preparo
fammi un poco riposare.

La ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare,
la ninna nanna, o caro Bambino,
la ninna nanna, ti voglio cantare.

NINO NINO IL PECORAIO

Nino, Nino, il pecoraio
cornamuse ce ne sono un paio, 
le suoniamo tutte e due
che Maria si rallegra di più.

E' venuto il cacciatore
non aveva cosa portarGli,
porta una lepre ed un coniglio
per la Madre e per il Figlio.

Nino, Nino, il pecoraio
cornamuse ce ne sono un paio, 
le suoniamo tutte e due
che Maria si rallegra di più.

E' venuta la zingarella,
è venuta dalle montagne,
Gli ha portato un canestro
di noccioline e di castagne.

Nino, Nino, il pecoraio
cornamuse ce ne sono un paio, 
le suoniamo tutte e due
che Maria si rallegra di più.

Se non sono buone, compatite
e l'affetto ricevete,
compatire o Madre mia
perchè siamo in mezzo alla campagna.

NNino, Nino, il pecoraio
cornamuse ce ne sono un paio, 
le suoniamo tutte e due
che Maria si rallegra di più.

 
 

audio tratto da: https://www.youtube.com/watch?v=DweTuVNLf4M

Antiche canzoni popolari natalizie rielaborate dai Dioscuri in modo veramente eccellente.
Ancora oggi vengono cantate nei nove giorni atecedenti il Natale, la cosiddetta Novena di Natale.

La Notti di natali è presente in tutti i libri di raccolta di canzoni siciliane. Tra questi la versione del “Corpus” del Favara è questa: “E la notti di Natali c’è la festa principali - parturiu la gran Signura nna n’afflitta manciatura -  mmenzu l’oi e l’asineddu fici a Gesù bammineddu, -  e ognirunu lu biniricia: chistu è lu fruttu chi fici Maria . Anche il il Pitrè la riporta nei "Canti siciliani" a pag. 459 al n. 988, anche Francesco Paolo Frontini la riporta col nome “Il Natale” cantato dagli orbi in “Canti siciliani, 1904, De Marchi al n 5,

Il Favara li inserisce come canti di orvi. Gli orvi erano i ciechi, che accompagnandosi con chitarra o altri strumenti come le cornamuse raccontavano prima dei cantastorie i fatti preponderanti che avevano lasciato un segno nell'immaginario collettivo e che nelle novene di Natale cantavano i canti di Natale seduti davanti alle "fiureddi" (piccole icone natalizie sui muri delle case rivestite di rami d'arance, di limoni e arance). 
Gli stessi canti vengono riportati dal Pitrè e dal Vigo.