GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

 
 
 

 

GRUPPO MUSICALE: I DIOSCURI

 

 

 

CANZONI

LU BANNU DI CESARI

 

 

 

 

Quannu Cesari ittau 
ddu gran bannu rigurusu,
San Giuseppi si truvavu
'nda la chiazza rispittusu.
San Giuseppi era cunfusu,
comu fazzu ccu Maria ?
siddu senti chistu bannu
voli veniri cu mia.

E Maria c' ha rispunnutu:
fatta sia la vuluntati!
comu Diu l'ha dispunutu
vegnu dunni mi purtati. 
San Giuseppi caminava 
' nde muntagni foschi e scuri 
San Giuseppi cu Signuri 
arridutti a li fridduri

Ed allura ci cumparsi 
dda davanti un pellegrinu; 
unni iti bona genti 
ccu sti grandi friddurati
Itivinni a ddi cuntrati 
c'è na grutta arriparata 
dda c'è paglia l'addumati 
risturati la nuttata

Sennu dda Maria arrivata
vitti un voi e na mangiatura
du armaluzzi alla scurata
pocu fenu e pagliatura
Ralligrativi pastura, 
già che è natu lu Missia
Bettilemme e li fridduri 
nascì in brazza di Maria

A quatt'uri di la notti 
San Giuseppi ci dicia
haiu fattu quantu potti
chiù nun pozzu spusa mia
E arrivaru li tri Magi
cu la stidda in cumpagnia
e li doni ci purtanu 
p'adurari lu Missia

                                                                                            

Quando Cesare divulgò
quel gran bando rigoroso
San Giuseppe si trovò
nella piazza rispettoso.
San Giuseppe era confuso,
come faccio con Maria?
se ella sente questo bando
vuole venire con me.

E Maria gli ha risposto:
fatta sia la volontà di Dio 
giacchè Dio ha così disposto
vengo dove mi portate.
San Giuseppe camminava
tra le montagne fosche e buie 
San Giuseppe col Signore
ridotti al freddo.

Ed allora gli comparve
la davanti un pellegrino;
dove andate buona gente
con questo gran freddo.
Andate in quelle contrade
c'è una grotta riparata
la c'è paglia, la bruciate 
ristorate la nottata.

Essendo la, Maria arrivata
vide un bue e una mangiatoia
due animali al buio
un pò di fieno e paglia.
Rallegratevi pastori, 
perchè è nato il Messia
Betlemme al freddo
è nato in braccia a maria

Mancavanio quattro ore dalla notte
San Giuseppe gli diceva
ho fatto quanto ho potuto
più non posso sposa mia.
E arrivarono i Re Magi
con la stella in compagnia
e i doni gli portarono
per adorare il Messia

 
 
Antica canzone popolare natalizia.
Viene riportata dal Favara tra i canti del suo libro "Corpus di musiche popolari" al n 643, 644, 645, 646 
La canzone dei Dioscuri è un misto di parole prese da varie canzoni siciliane accomunate dal fatto che il Favara li inserisce come canti di orvi. Gli orvi erano i ciechi, che accompagnandosi con chitarra o altri strumenti come le cornamuse raccontavano prima dei cantastorie i fatti preponderanti che avevano lasciato un segno nell'immaginario collettivo e che nelle novene di Natale cantavano i canti di Natale seduti davanti alle "fiureddi" (piccole icone natalizie sui muri delle case rivestite di rami d'arance, di limoni e arance). 
Gli stessi canti vengono riportati dal Pitrè e dal Vigo.