GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 124 visitatori e nessun utente online

 

MATILDE POLITI

 

 

CANZONI

MATRI TERRA

  

MATRI TERRA

Matri terra
‘nnacami nna lu to’ ventri.
Troppu tempu ha passatu ca unn’abitanu
cchiù li genti c’avianu rispettu
d’a terra e d’u munnu, d’a natura,
d’a vita e di la morti
ca s’è ‘ncazzata e nni sta taliannu cu l’occhi virdi.
E ora figghi insignamuci a priari
a ‘na manera nova
vasennò idda nni mancia, figghi,
comu ’na matri ca mancia i so’ figghi
pi non muriri.
Picchì a una matri ‘un ci po’ diri nenti
s’idda ti mancia cu li so’ renti
idda t’ha fatto, idda ti consuma
sidd’un la rispetti comu a to’ fortuna.
Rina ghianca ventu forti la trascina
a tutti banni, rina, sidd’unn’è ghianca ghiè russa
comu lu to’ sangu chi cala nna terra
e s’asciuca cu lu suli,
forti, coci lentu li carcassi d’armali sbutati,
attirrati d’a calura d’a tirra,
ca è cchiù putenti d’ognuno ‘i nuatri
ca semu figghi e am’a purtari rispetto.
Picchì a una matri ‘un ci po’ diri nenti
s’idda ti mancia cu li so’ renti
I dda t’ha fatto, idda ti consuma
sidd’un la rispetti comu a to’ fortuna.

MATRI TERRA

Madre terra
Cullami nel tuo ventre
Troppo tempo è passato da quando non abitano
più le genti che avevano rispetto
della terra, del mondo, della natura
della vita e della morte
che si è incazzata e ci sta guardando
con gli occhi verdi.
E ora figli impariamo a pregare
in una maniera nuova
Se no lei ci mangia, figli, come una madre
che mangia i suoi figli per non morire
Perché a una madre non le puoi dire niente
se ti mangia con i suoi denti
lei ti ha fatto lei ti consuma
se non la rispetti come la tua fortuna
sabbia bianca vento forte la trascina
da tutte le parti, sabbia, se non è bianca è rossa
come il tuo sangue che cola sulla terra
e si asciuga con il sole
forte, cuoce lento le carcasse di animali svuotati,
atterrati dal calore della terra,
che è più potente di ognuno di noi
che siamo figli e dobbiamo portare rispetto