Stampa
Categoria: SCHEMBRI VINCENZO
Visite: 1291

 

POESIE

LU SCIUMI

 

LU SCIUMI

Cala lu sciumi di supra a' muntagna,
chiddru ca 'ncontra cu la so' 'rrapina
si lu strascina versu la vaddrata.
Ma quannu arriva dra ni la chianura
rallenta la so' cursa e 'vva 'cchiù pianu.
L'acqua, scurrennu, ni la so caduta,
'ntona na cantalena cummuventi
ca mi tocca ni l'intimu du cori.
Dri noti lenti parinu un salutu,
un addiu sirenu e 'rrivirenti,
vilatu di na' mesta nustalgia,
d'un nostru caru ca parti luntanu.
Tutta na vota mi sentu rapitu...
nu' 'nsacciu s'iddru è sonnu o visioni... !
Pari ca l'acqua mi purtassi via
assemi a la visazza di malanni
c'annu marturiatu la me ' vita.
Mi sentu, comu u' sciumi, un pilligrinu
in un viaggiu ca nunn'à ritornu,
versu na meta cina di misteru.
A la foggia lu mari sta aspittannu,
u' 'mmari 'mmensu ca nunn'avi funnu
unni lu sciumi sbucca e si disperdi
e finisci pi 'ssempri u so caminu.

                                                                                  

IL FIUME

Scende il fiume dall'alta montagna,
quello che incontra con la sua rapina
se lo trascina verso la vallata.
Ma quando arriva là nella pianura
rallenta la sua corsa e va più piano.
L'acqua, scorrendo, nella sua caduta
intona una cantilena commovente
che mi tocca nell'intimo del cuore.
Le note lente sembrano un saluto,
un addio sereno e riverente
velato di una mesta nostalgia,
di un nostro caro che parte lontano.
All'improvviso mi sento rapito...
non so se fosse sogno o visione... !
Mi sembra l'acqua mi portasse via
assieme alla bisaccia di malanni
che hanno martoriato la mia vita.
Mi sento come il fiume, un pellegrino
in un viaggio che non ha ritorno
verso un meta piena di mistero.
Alla foce il mare sta aspettando,
un mare immenso che non ha fondo
dove il fiume sbocca e si disperde
e termina per sempre il suo cammino.