GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online

 

POESIE

L'EMIGRANTII

 

L'EMIGRANTI

A lu paisi me' nun c'è travagli
nunn'arrinesciu a'ffari mancu u' gnornu
pi 'ddari chi 'mmangiari a li me figli
partu senza sapiri quannu tornu.

Supra lu trenu m'avvinci lu sonnu...
quannu m' arrisbigliavu allampanatu
mi pigliu li valici e 'nterra scinnu
pinzannu ch'oramai fuss'arrivatu.

Capivu ca mi persi veramenti
senza sapiri 'nchì parti di munnu
m' intrufulavu 'mmenzu tanti genti
e comu u' 'mmammaluccu iva girannu.

M' avvicinavu a 'ddu' bravi pirsuni
pi 'ssapiri unn'è ca mi truvavu:
- mi lu diciti, boni cristiani
cu è stu postu unn'è ca capitavu? -

Ma ficiru li gricci di mircanti
e mi guardaru tutti diffidenza
e 'ppo s'alluntanaru conti, conti
senza 'nteressu pi la me prisenza.

Passà na bambulina allicchittata,
picciò?! Ma si faciva taliari!
ci dissi: - Signurina rivirita,
mi dici unni mi trovu, pi 'ffavuri? -

Nu 'nsacciu ch 'ccapì sta santa donna
mi talià accussì 'mpipiridruta,
ca su 'mmalluntanava a 'nnantra banna
mi vidiva anivari ' na scarpata.

Chidru ca di la vucea 'cci nisciva
vi giuru, nun lu pozzu raccuntari,
tra li paroli ca m' arrizzulava
puru finocchiu mi sintivu diri.

Rifletti un pocu - dissi a'mmia stessu -
stu fattu cosa nova nu 'mmi pari,
pur'a lu me paisi moltu spissu
nun si da cuntu a pirsuni straneri.

A mala banna capitavu veru!
chist'è paisi di genti di panza
e mmancu si li paghi a 'ppisu d'oru
ti fannu la 'cciu sciocca cumpidenza

Mi vosi allura armari di curaggiu
e mi misi a bussari in un purtuni,
pinzavu ca putiva iri peggiu
vinni ad apriri un vecciu cu varbuni.

Appena ca mi vitti dra davanti
sssai sidriatu e 'ccu 'ddispettu:
a chi 'vvinist'affari tra sti genti -
mi dissi - piccaturi 'mmalidittu?

La testa mi cumincia a 'mmacinari
quannu mi sentu diri dru sigretu.
Mi smidudrava almenu pi 'ssapiri
sta cumpidenza a 'ccu l'avissi datu.

Però, di lu parlari ca mi fici,
capivu chi' era qualchi canuscenti
certu nun mi putiva dari paci
pirchì di idru nu 'nsapiva nenti.

Ma quannu vitti ca maccichiava
tutta na vota si grapì la menti:
m'assicuravu di cu si trattava
pirchì si 'nni discurri tra li genti.

San Petru - 'cci diss'iu tuttu cumpusu -
nu 'mmi diciti pirsuna 'ntricanti!
ma chi mi trovu forsi 'mpararisu
unni 'cci sunnu sulu angili e santi?

- Trasi - mi dissi - ch'amma 'rragiunari,
supra du' pedi nenti ti prumettu.
Prima ni lu registru è 'ttaliari,
me 'ssicurari du mali ch'a fattu. -

Capivu prestu chi 'vvuliva diri
cu dri palori ne duci né ammari.
M'arriscidivu s'avia dinari
mi trovu sulu centumilaliri.

A lu ritornu s'arniccià lu nasu. -
li cosi sunnu troppu 'ngarbugliati -
mi dissi cu na'ccentu mistiriusu -
troppu pisanti su li to piccati! -

Ma comu San Pitruzzu di stu cori!
piccati gravi, gravi unn'aiu fattu,
sicuramenti 'cci sarà un erruri,
ma chi 'cci paru qualchi farabuttu?

Nun facemmu ca s'avissi sbagliatu
cu l'antru 'nnomu ca viniva appresso?
sicuru! 'Cci sgridrà sutta lu itu
e portu li piccati d'antri 'addossu.

- Ora nun fari lu lungariusu
la cosa la putemmu sistimari
mi 'cci 'nteressu iu a lu to casu,
però tu, figliu miu, m'accapiri. -
Mi detti na vasata ni la frunti
ca mi fici d'avveru ralligrari.
Mi talià cu visu surridenti
mentri du' ita cumincià a 'ffricari.

'Cci detti tuttu quantu pussidiva
e m'aspittava ca mi dessi u 'rrestu.
A quannu ma' c'ancora 'nni vuliva,
- nunn'aiu nenti 'cciù tranni di chistu

'Cci arrispunnivu tuttu cumpunnutu.
po' lu guardavu c'un pocu di risu
pinzannu ca s' avissi accuntintatu
lu purtunaru di lu Pararisu.

Appena vitti dri quattru dinari
lu Santu di li Santi di li Celi
criditimi, nun fazzu pi spallari:
divinni un furiusu timpurali.

- Levati di davanti, pizzulenti!
facci di sacchinaru arripudrutu.
Tu ti prisenti 'cca tuttu 'rridenti
cu dra facciazza brutta di strazzatu?

Cu sti pidocci accù a 'ffari scantari,
pezzu di purcinella smidudratu!
- v'accattati lu pani pi 'mmangiari
e scordati d' avirimi 'ncuntratu. -

Gridava ni dra stanza comu un pazzu,
vuliva iu pigliallu cu li boni.
appena si carmà dopp'un bel pezzu
circavu comu farimi arragiuni. -

San Petru, mi duviti pirdunari!
nun sugnu espertu di sti situazioni.
E 'ppo, cu lu putiva 'mmaginari?
'cca 'mpararisu svalutazioni!

Si mi dati travagliu 'nqualchi puntu
lu restu vi lu pagu tutt'a 'rrati.
Nun c'è bisognu di gridari tantu
cu 'nnantri criaturi spurtunati.

'Mmallittu quannu fu ca 'cci lu dissi!
s'avventa comu un toru 'nfuriatu,
mi duna na pidata ni dri cosi
e 'ccadu 'nterra menzu stramurtutu.

                                                                                    

 

L'EMIGRANTE


Al mio paese non c’è lavoro

non ne riesco a farne neanche un giorno
per dare da mangiare ai miei figli
parto senza sapere quando ritorno.

Sopra il treno mi prende il sonno
quando mi risveglio intontito
mi prendo le valige e scendo a terra
pensando che oramai fossi arrivato.

Capii che mi ero perso veramente
senza sapere in quale parte del mondo
m’intrufolai in mezzo a tanta gente
e come un mammalucco andavo girando.

M’avvicinai a due brave persone
per sapere dove mi trovassi: -
me lo dite, buoni cristiani
quale è il posto dove son capitato?

Ma fecero le orecchie da mercante
e mi guardarono con molta diffidenza
e poi s’allontanarono senza darmi conto
senza interesse per la mia presenza

Passò una bambolina ben vestita
ragazzi?! Ma si faceva guardare!
ci dissi:- Signorina riverita,
mi dice dove mi trovo, per favore?- -

Non so cosa capì questa santa donna
mi guardò così inviperita
che se non mi allontanavo da un’altra parte
mi vedevo arrivare una scarpata.

Quello che dalla bocca ci usciva
vi giuro, non lo posso raccontare,
tra le parole che mi gettò contro
pure finocchio mi sentii dire.

Rifletti un poco – dissi a me stesso –
questo fatto cosa nuova non mi pare
pure al mio paese molto spesso
non si da conto a persone straniere.

In un brutto posto son capitato davvero!
questo è un paese di gente importante
e nemmeno se le paghi a peso d’oro
ti fanno la più sciocca confidenza.

Mi armai allora di coraggio
e mi misi a bussare ad un portone,
pensavo che potesse andare peggio
venne ad aprire un vecchio col barbone

Appena che mi vide là davanti
assai infastidito e con dispetto: -
ma cosa sei venuto a fare tra queste persone –
mi disse – peccatore maledetto?

Il cervello si mise in moto
quando mi sentii dire quel segreto.
Mi scervellavo almeno per sapere
quella confidenza a chi l’avessi fatto.

Però, dal parlare che mi fece,
capivo che era qualche conoscente
certo non mi potevo dar pace
perché di lui non conoscevo niente.

Ma quando vidi che mi guardava parlando piano
tutto ad un tratto mi si aprì la mente:
m’assicurai di chi si trattava
perché se ne discute tra la gente.

San Pietro – gli dissi io tutto confuso –
non mi dite persona intrigante!
ma che mi trovo forse in paradiso
dove di sono solo angeli e santi?

- Entra – mi disse – che dobbiamo ragionare,
su due piedi niente ti prometto.
Prima debbo guardare nel registro,
mi debbo assicurare del male che hai fatto -

Capii presto quel che voleva dire
con quelle parole né dolci né amare.
Mi cercai se avessi denari
mi trovo solo cento mila lire

Al ritorno s’arricciò il naso –
le cose sono troppo ingarbugliate –
mi disse con un accento misterioso –
troppo pesanti sono i tuoi peccati! -

Ma come San Pietrino di questo cuore!
peccati gravi, gravi non ne ho fatto,
sicuramente ci sarà un errore,
ma che gli sembro qualche farabutto?

Non facciamo che si fosse si fosse sbagliato
con l’altro nome che veniva appresso?
sicuro! Gli è scivolato il dito di un rigo
e porto i peccati degli altri addosso.

- Ora non portarla alle lunghe

la cosa la possiamo sistemare
mi interesso io al tuo caso,
però tu, figlio mio, mi devi capire. –

Mi diede un bacione in fronte
che mi fece davvero rallegrare.
mi guardò con viso sorridente
mentre due dita cominciò a fregare.
(il gesto di chi chiede soldi)
Gli diede tutto quanto possedevo
e mi aspettavo che mi ritornasse il resto.
ma manco per sogno, chè ancora ce ne volevano,
- non ho niente più oltre che questo –

Gli risposi tutto confuso
poi lo guardai sorridendo un po’
pensando che s’avesse accontentato
il portinaio del paradiso.

Appena vide quei quattro soldi
il Santo dei Santi dei cieli
credetemi non faccio per sparlare:
divenne un furioso temporale.

Levati di davanti, pezzente!
marcia faccia di portasacchi.
Tu ti presenti qua tutto sorridente
con quella brutta faccia di straccione?

Con questi pidocchi chi credi di spaventare.
pezzo di pulcinella smidollato!
- vai a comprati il pane per mangiare
e dimenticati di avermi incontrato. –

Gridava in quella stanza come un pazzo,
io volevo prenderlo con le buone.
Appena si calmò dopo un bel pezzo
cercavo come farlo ragionare. -

San Pietro, mi dovete perdonare!
non sono esperto di queste situazioni.
E poi chi lo poteva immaginare?
qua in paradiso c’è pure la svalutazione!

Se mi date lavoro da qualche parte
il resto ve lo pago tutto a rate.
Non c’è bisogno di gridare tanto
con noi altri creature sfortunate.

Maledetto il momento che glielo dissi!
s’avventò come un toro infuriato,
mi diede una pedata nelle parti basse
e caddi a terra mezzo tramortito.