GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

SIDD'AMARI DI CHIU' SI PO'

 

 

SIDD'AMARI DI CHIU' SI PO'

Primurusu, di violi e rosi
paru li to' trizzi,
primaria biddizza,
madonna chiù di Vèniri.
Di finu velu blu,
di perli e filamenti d'oru,
vestu la peddi lìmpia
e cu scrùpulu m'avvicinu
a lu mprucchiatu pettu.
Senza rizzettu lassu
chi l'occhi me' lu cuntemplanu,
lu viniranu li me' labbra e
l'allavina lu riverbu
di li me' pinseri.
T'aduru picciuttedda,
senza prilùdiu, mai pruvvisòriu,
comu s'adura na santa,
e t'amu comu na matri
suspira la so criatura;
di chiù t'amu,
sidd'amari di chiù si po'.

                                                                                                  

SE AMAR DI PIU' SI PUO'

Carezzevole, di viole e rose
adorno la tua chioma,
saliente bellezza,
madonna più di Venere.
Di fine velo blu,
di perle e fili d'oro,
ricopro la pelle nitida
e con zelo m'accosto
al turgido seno.
Senza requie lascio
che i miei occhi lo contemplino,
lo venerino le mie labbra e
lo inondi il riverbero
dei miei pensieri.
T'adoro fanciulla,
senza preludio, mai effimero,
come s'adora una santa,
e t'amerò come una madre
anela la sua creatura;
di più ancora t'amerò,
se amar di più si può!