GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

 

PATTI ALESSIO

 

POESIE

BIDDIZZA VIDEO

 

 

BIDDIZZA

Biddizza ca circunni l'arma,
di tia non lu lìmpiu di la purizza pigghiai,
né lu focu di la passioni ma, di lu fruttu
di lu spirluciu e decòru divinu,
mudillata in formi dilicati di culuri nìuru e pèrsicu,
nta occhi di mari cristallinu, di celu stiddatu
e di sfumaturi tirrusi, t'accittai.

In furgiati minnuzzi gerbi e in sfruntatu pettu,
distinati ad appassionati senzi, t'arricanuscii.
E visti li to' trizzi apparàriti la testa
comu longhi fila ramati a lu suli spirlucenti.

Spanu lu còriu, di nudda vesti eri allicchitata:
la to duci peddi era comu la chiù dilicata sita.

Non visti né liniamenti, né sessu:
nta similitudini celesti avevi furma.
Mi rapisti di mia stissu appena jarzuneddu,
livannu a lu toccu chiddu chi la vardata aveva palisatu.
E lu disìu di tia mi pigghiò lu cori di la prima
vardata nnucenti a l'ultima chiù attrivita e nsullenti.

BELLEZZA

Bellezza che cingi l'anima,
non il candore della purezza ho colto di te,
né il fuoco della passione ma, dal frutto
della luce e del decoro divino,
plasmata in asciutte forme color nero e pesca,
occhi di mare cristallino, di cielo stellato
e di sfumature terrose, ti ho accettata.

In forgiati seni acerbi e in procaci mammelle,
destinati ad appassionati sensi, ti riconobbi.
E le trecce, come lunghe fila ramate, vidi
al sol rilucenti ornarti il capo.

Glabra la pelle, non eri cinta d'alcuna veste:
la carnagione ti ornava come la più preziosa seta.

Non scorsi né fisionomia, né sesso:
in similitudine celeste avevi forma.
Mi rapisti da me stesso appena giovinetto,
togliendo al tocco quel che lo sguardo aveva svelato.
E il desio di te mi ha preso il cuore dal primo
innocente sguardo all'ultimo più impavido e insolente