GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online

 

A TAVULATA

MEL VIZZI

 


 

  




“A TAVULATA”
Carmelo Vizzi

Licata è na tavula cunzata

               c’un piatticeddr’ i pasta scaudata

nu brocculu e do fogli d’inzalata

do seggi, un tozz’i pani e na cannata

‘Ntunnu c’è na fuddra affamata

s’arricampau senz’essiri ammitata.

cò vò agneddu e cò cerca i cosi duci

cò spingia, cò arrimutta e ietta vuci

‘Ntramenti (pi questioni di principiu)

quarcunu s’ammuccau u municipiu

an’nattru ( ca ci piassa a tavulata)

cc’un morsu si mangiau menza Licata

Un si po’ teniri a fuddra addannata:

scassaru i seggi e ruppiru a cannata.

Ormai a pasta è fridda...

S’induria u pani….
         e ancora si sciarriunu com’i cani!     

“LA TAVOLATA”

 

 

Licata è come una tavola imbandita,

con un piccolo piatto di pasta in bianco

un broccolo e due foglie d’insalata,

due sedie, un tozzo di pane e un boccale

Attorno c’è una folla affamata,

si è radunata senza essere invitata

Chi vuole agnello e chi cerca i dolci,

chi spinge, chi strattona e grida forte.

Nel frattempo (per questioni di principio)

qualcuno si è mangiato il municipio

un’altra persona ( compiaciuto
della tavolata) 
con un morso si è mangiato mezza Licata

Non si può fermare la folla indiavolata:

hanno scassato le sedie e rotto il boccale

Ormai la pasta è fredda...

si è indurito il pane...

ed ancora si litigano come i cani