GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 211 visitatori e nessun utente online

VIZZI CARMELO (MEL)

 

MEL VIZZI

 


 

Poesie

A minnedda da Sicilia ... video

A paci ... audio

A Sicilia ca 'un si vidi s'hà tastari ... video

A tavulata ... audio

Talenti ammucciati ... video

La natura vista dall'altra parte ... audio

Parlari d'amuri

U tempu ... (Gioia Vizzi a 10 anni) audio10 anni) audio

Canzoni

Rosa si fici spuntari i spini video

                U lamentu da ciaramedda video                                                         

Cunti

 

 




Il Cuntastorie Licatese Mel Vizzi, al secolo Carmelo Vizzi, opera da svariati anni come Poeta dialettale e Cuntastorie, in collaborazione di volta in volta con artisti e musicisti vari, locali e non, anche extra-regionali, presentando una poetica di ricerca delle origini, delle tradizioni, del senso popolare, privilegiando e valorizzando soprattutto il dialetto licatese, attraverso il quale ha raccontato cunti di vario genere, in primis quello dell'intera vita di Rosa Balistreri. Essendo egli anche artista figurativo, crea i cartelloni e le scene per i suoi cunti illustrandoli su tela di iuta e presentandoli alla maniera antica del cuntastorie, indicando gli episodi con una bacchetta. la declamazione e l'interpretazione dei testi sono un'altra sua prerogativa. Invitato a diversi incontri e raduni di poeti dialettali e canta/cuntastorie ha rappresentato degnamente Licata e la provincia di Agrigento in altre province della Sicilia, a stretto contatto con i pochi cunta/cantastorie operanti rimasti, come uno dei più giovani. L'amicizia e la collaborazione artistica col Maestro dell'Opera dei Pupi licatese Agostino Profeta, ha arricchito ancor più il bagaglio di cultura tradizionale di Mel Vizzi.

Da Settembre 2013 Il Cuntastorie Licatese Mel Vizzi ha dato vita alla "Compagnia del Cuntastorie", affiancato ora da Marco Angelo Zimmile (musicista polistrumentista e voce) e Cinzia Marotta (voce e recitazione) e in questa nuova veste ha già diverse rappresentazioni pubbliche all'attivo, riscuotendo, la Compagnia guidata da Mel Vizzi, un successo che ha già varcato i confini regionali.
Mel Vizzi intende così far interagire e sposare le diverse caratteristiche artistiche a vantaggio di un'arte purtroppo in via d'estinzione, quella del Cuntastorie, per farla rivivere attraverso uno slancio che parte da saggezza ed espressioni antiche e passa attraverso una curiosità moderna, l'intuito e la libera interpretazione dei vari artisti. Mel Vizzi con La Compagnia del Cuntastorie ha in cantiere la rivisitazione di molte sue opere, trattando egli già soggetti di ogni genere, partendo da storie e leggende millenarie di Sicilia (prediligendo Licata), passando per la biografia e le opere di autori nostrani di fama internazionale come Luigi Pirandello e Giovanni Verga, fino ad arrivare all'attualità dei giorni nostri.





 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

A PACI

MEL VIZZI

 


 

  




A PACI 'NTRO MUNNU
Carmelo Vizzi

Ogni matina ia rapru u giurnali
pirchì m'aspettu ca u munnu a cangiari
ca vena a paci supra sta terra
quannu s'astuta anchi l'urtima guerra.

Ma sta nutizia un l'anu stampatu
anzi ia leggiu ca u munnu è agitatu
vuddra di dintra… e ciò 'ssai di fora:
…guerra biologica….ppì na palora !

'Ntantu abbunnanu i marci da paci
para ca a tutti a guerra un ci piaci…
…'mmenzu i sfilati… e accordi… ia speru
ca forsi sta vota…..ci semmu daveru…

Pigliu curaggiu …e accattu u giurnali
u 'rapru e leggiu:….un c'è nenti da fari!
continua a diri c'on ci nn'è paci
intra stu munnu d'aggenti scapaci.

Spinnemmu sordi ppi farini diri
ca semmu tutti a 'rrisch'i muriri….
…chissu u sapiva:…mu iva cuntannu
senza dinari, na vota, u ma nannu.

"A paci 'ntro munnu"
'nsignavanu a scola…
…passaru trent'anni…ristau …na parola…
"A paci 'ntro munnu"
'nsi po truvari
…mancu se cerchi ni megliu giurnali.

Ogni matina or'apru u Vangelu
(se paci vera ia vogliu daveru!)
"A paci 'ntro munnu" unn'ava attra via
se personarmenti unn'ascia intr'e mia.

Giustizia, paci e veru Amuri
dicia u Vangelu ca i duna u Signuri
chista nutizia è ppù munnu interu
…ma a paci sa piglia…co a cerca daveru!                

 

 

“LA PACE NEL MONDO”

 

Ogni mattina io apro il giornale
perché m’aspetto che il mondo debba cambiare
che venga la pace sopra questa terra
quando si spegne anche l’ultima guerra.

Ma la notizia non l’hanno stampata
anzi io leggo che il mondo è agitato
bolle di dentro…e ancor di più di fuori:
…guerra biologica per una parola:

Intanto abbondano le marce della pace
sembra che a tutti la guerra non piace
in mezzo a sfilate…e accordi…io spero
che forse stavolta… ci siamo davvero.

Prendo coraggio e compro il giornale
lo apro e leggo:…non c’è niente da fare
continua a dire che non c’è pace
in questo mondo di gente impaziente.

Spendiamo soldi per farci dire
che siamo tutti a rischio di morire
questo lo sapevo: me lo raccontava
senza bisogno di soldi, una volta mio nonno.

La pace nel mondo 
insegnavano a scuola
son passati trent’anni … oggi… è solo una parola…
“La pace nel mondo” non si può trovare
neanche se cerchi sui migliori giornali

Ogni mattina ora apro il Vangelo
(se pace vera io voglio davvero!)
La pace nel mondo non ha altra via
se personalmente non nasce dentro di me

Giustizia, pace e vero Amore
dice il Vangelo che li dona il Signore
questa notizia è per il mondo intero
…ma la pace la trova…chi la cerca davvero





 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

LA NATURA VISTA DALL'ALTRA PARTE

MEL VIZZI

 


 

  




LA NATURA VISTA DALL'ALTRA PARTE 
Mel Vizzi

(Conclusioni di una pecora …
mentre sta in fila…. al macello) 

Ci aiu dat'a lana…
ci aiu dati u latti…
e a vita mia sana sana….
Aiu suppurtatu appis'o coddru 
sta campana
chi mala parti
ch'ora mi va' cummina!

Ci aiu datu u cori….
Aiu fatti u latti senza mai n'errori...
o picuraru!…..
t'aiu luvatu a fami…
e ora m'arrisurtast …
vili e 'mfami!

 

LA NATURA VISTA DALL'ALTRA PARTE

 


Gli ho dato la lana... 
gli ho dato iul latte...
e la mia vita tutta intera...
Ho sopportato al collo appesa 
questa campana
che mala parte
che ora mi stai facendo!

Gli ho dato il cuore...
Ho fatto il latte senza mai sbagliare...
o pecoraio!...
ti ho levato la fame... 
ed ora mi sei risultato...
vile ed infame





 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

A TAVULATA

MEL VIZZI

 


 

  




“A TAVULATA”
Carmelo Vizzi

Licata è na tavula cunzata

               c’un piatticeddr’ i pasta scaudata

nu brocculu e do fogli d’inzalata

do seggi, un tozz’i pani e na cannata

‘Ntunnu c’è na fuddra affamata

s’arricampau senz’essiri ammitata.

cò vò agneddu e cò cerca i cosi duci

cò spingia, cò arrimutta e ietta vuci

‘Ntramenti (pi questioni di principiu)

quarcunu s’ammuccau u municipiu

an’nattru ( ca ci piassa a tavulata)

cc’un morsu si mangiau menza Licata

Un si po’ teniri a fuddra addannata:

scassaru i seggi e ruppiru a cannata.

Ormai a pasta è fridda...

S’induria u pani….
         e ancora si sciarriunu com’i cani!     

“LA TAVOLATA”

 

 

Licata è come una tavola imbandita,

con un piccolo piatto di pasta in bianco

un broccolo e due foglie d’insalata,

due sedie, un tozzo di pane e un boccale

Attorno c’è una folla affamata,

si è radunata senza essere invitata

Chi vuole agnello e chi cerca i dolci,

chi spinge, chi strattona e grida forte.

Nel frattempo (per questioni di principio)

qualcuno si è mangiato il municipio

un’altra persona ( compiaciuto
della tavolata) 
con un morso si è mangiato mezza Licata

Non si può fermare la folla indiavolata:

hanno scassato le sedie e rotto il boccale

Ormai la pasta è fredda...

si è indurito il pane...

ed ancora si litigano come i cani





 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

U TEMPU

MEL VIZZI

 


 

  




U TEMPU
Gioia Vizzi (figlia di Mel Vizzi)

Se u tempu si vinnissa

ia n’accattassa deci uri e passa;

Se u tempu si vinnissa

un pocu n’arrialassa.

E se unn’u vulissiru, dicissa:

“ia mu pigliu… lassa”!

U tempu ti serva anchi a pinzari

a jucari, a parlari,

e anchi i pisci pigliari…

se parlammu di marinari.

U tempu serva ai picciliddri ‘ppi studiari,

…e ai maestri ‘ppi ‘nsignari.

Se unn’avissimu tempu…

…un putissimu campari.

E a nuddru a vita a putissimu spiegari.

Comu dissa Kipling: “U tempu è priziusu”

mi raccumannu: facitini bon usu.

 

IL TEMPO


Se il tempo si vendesse

io ne comprerei dieci ore e passa:

Se il tempo si vendesse

un pò ne regalerei.

E se non ne volessero, direi:

“io me lo prendo…lasciatemelo”!

Il tempo serve per pensare

per giocare, per parlare,

e anche per prendere i pesci

se parliamo di marinai.

Il tempo serve ai bambini per studiare,

…e alle maestre per insegnare.

Se non avessimo il tempo…

…non potremmo vivere.

E a nessuno potremmo spiegare la vita.

Come disse Kipling: “Il tempo è prezioso”

mi raccomando: fatene buon uso