GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

abbruzzo

 

NUN LU SAPITI

canto del repertorio di Rosa Balistreri (autore anonimo) canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



NUN LU SAPITI
(Esposito-Maglia)
Non lu sapiti l'amuri ca v'haiu
e non sapiti quantu vi disiu
non lu sapiti comu chiangiu e staiu
quann'è ca ppi mumentu non vi viu

Dintra di l'arma mia na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu
si moru 'nparadisu non ci vaiu
pirchì p'amari a vui non pensu a Diu

E vui sapennu st'amuri e sti peni
mi lassati muriri comu 'ncani
ma oggi siddu cc'è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani

Cchiù non m'amati e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù vi mannu cristiani
non mi lassati amuri 'ntra sti peni
pirchì siti ppi mia l'acqua e lu pani

 

L’AMORE CHE HO PER VOI


Voi non sapete l’amore che ho per voi
e non sapete quanto vi desidero;
non sapete 
come piango e come mi sento

quando per un solo momentonon vi vedo.

Dentro di me ho una vampa di fuoco

e il mio cuore è vostro, e non è mio;
se muoio in paradiso non ci vado
perchè per amare voi 
non penso a Dio.

E voi conoscendo questo amore e queste pene

mi lasciate morire come un cane
ma oggi se c’è chi vi trattiene
spero di convincervi domani

Più non m’ amate e più vi voglio bene
e più passa il tempo 
e più vi mando persone (1)

non mi lasciate amore in queste pene
perchè siete per me 
l’acqua e il pane.

1) per convincervi

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NICUZZA

testo e musica Franco Finestrella - canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



NICUZZA

Sutta la to finestra ci siminasti i sciuri
e dopu cincu misi garofani sbucciaru
su tutti bianchi e russi
comu la to facciuzza,
bedda tu si nicuzza comu li sciuri to

Nicuzza duci, nicuzza bedda
dunami dunami na vasatedda
amuri miu,gioia di l'arma
ni lu me cori lu focu carma
sugnu capaci pi ttia suffriri
siddu nu m'ami è megghiu muriri
siddu pi zitu tu scegli a mia
iu ti maritu quannu voi tu...

PICCOLINA

Sotto la tua finestra hai seminato fiori ;
e dopo cinque mesi garofani sbocciarono.
Son tutti bianchi e rossi
come il tuo bel viso.
Bella tu sei "Nicuzza" come i fiori tuoi.

Piccolina dolce!... piccolina bella!...
donami, donami un bacetto.
Amore mio!...gioia dell'anima,
del mio cuoreil fuoco calma.
Sono capace di soffrire per te.
Se tu non mi ami è meglio morire.
Se per fidanzato tu scegli me,
io ti marito ( sposo ) quando vuoi tu .

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CU TI LIU DISSI

canzone del repertorio di Rosa Balistreri - canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



CU TI LU DISSI (tradizionale)

Cu ti lu dissi ca t’haju a lassari - megliu la morti
e no chistu duluri
ahj ahj ahj ahj - moru moru moru moru
ciatu di lu me cori - l’amuri miu si tu.

Cu ti lu dissi a tia nicuzza - lu cori mi scricchia
a picca a picca a picca a picca - ahj ahj ahj ahj
moru moru moru moru - ciatu di lu me cori - l’amuri miu si tu.

Lu primu amuri lu fici cu tia - e tu schifiusa
ti stai scurdannu a mia
paci facemu oh nicaredda mia - ciatu di l’arma mia,
l’amuri miu si tu.

CHI TE LO HA DETTO

Chi te lo ha detto che debbo lasciarti - meglio la morte
e non questo dolore
ahj ahj ahj ahj - muoio, muoio, muoio, muoio,
anima della mia anima, l’amore mio sei tu.

Chi lo ha detto a te piccolina - il cuore mi si scricchiola
a poco a poco, a poco a poco - ahj ahj ahj ahj
muoio, muoio, muoio, muoio,
anima della mia anima, l’amore mio sei tu.

Il primo amore l’ho fatto con te - e tu schifiltosa
ti stai scordando di me - pace facciamo oh piccolina mia
anima della mia anima, l’amore mio sei tu.

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E VUI DURMITI ANCORA

testo di Giovanni Formisano - musica di Gaetano Emanuele Calì - canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



E VUI DURMITI ANCORA
musica di Gaetano Emanuele Calì

Lu suli è già spuntatu 'ntra lu mari
e vui bidduzza mia durmiti ancora,
l'aceddi sunnu stanchi di cantari
e affriddati v'aspettanu cca fora,
supra 'ssu balcuneddu su pusati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Li ciuri senza vui non ponu stari
su tutti ccu li testi a pinnuluni,
ognunu d'iddi non voli sbucciari
su prima non si grapi 'ssu balcuni,
dintra lu buttuneddu su ammucciati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca 'mmenzu ad iddi dintra sta vanedda
cci sugnu puri iù, c'aspettu a vui,
pri vidiri ssa facci accussi bedda,
passu ccà fora tutti li nuttati,
e aspettu sulu quannu v'affacciati.

E VOI DORMITE ANCORA
testo: Giovanni Formisano

Il sole è già spuntato in mezzo al mare
e voi dolcezza mia dormite ancora,
gli uccelli sono stanchi di cantare
e presi di freddo vi aspettano quà fuori,
sopra il vostro balcone sono poggiati
e aspettano quando voi vi affacciate!

I fiori senza di voi non possono stare
sono quasi tutti appassiti,
ognuno di essi non vuole sbocciare
se prima non si apre il balcone
dentro il bocciolo sono nascosti,
e aspettano quando vi affacciate !

Lasciate stare, non dormite più,
che in mezzo a loro dentro questo vicolo
ci sono pure io che vi aspetto
per vedere il vostro bellissimo viso
passo qui fuori tutte le notti
aspettando solo quando vi affacciate...

.

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CIURI D'AMURI

 canta: ELEONORA ABBRUZZO

 

 

 



CIURI D'AMURI
(musica F. Buzzurro - testo F. Giunta - arrangiamento D. Riina)

Ciuri d'amuri e pampini
sti manu a l'occhi to'
e d'accussì t'asciucu lu chiantu:
stanotti, la notti passò

Comu si fussi n'ancilu
e cu la vuci so'
cantu picchì amuri è stu cantu
e celu è lu cori to'

E nna stu celu ventu addiventi tu
ti vegnu mmrazza e nun tornu cchiù
e ciuri novi stu cori ti da'

Si nna stu celu mi fai vulari tu
nenti a lu munnu dumannu cchiù
e lu me cori jardinu si fa
ca ciuri novi ti da'

Ciuri d'amuri e pampini
li manu a st'occhi to'
grapili prestu e fammi vulari
ca celu è lu cori to'
Lu me celu è lu cori to'