GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 94 visitatori e nessun utente online

ARMETTA LINDA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LINDA ARMETTA

CANZONI

A VUCI N'ARRESTA

CU TI LU DISSI

i PIRATI A PALERMU

Linda Armetta, cantante
Ha studiato con:

Loredana Spata Scuola Musica Insieme canto jazz
Sergio Sisti canto lirico.
Watanabe Hadeko canto lirico
Rossella e Giuseppe Messina corso di canto, solfeggio
M° Agostino Gomito chitarra
Emma Dante Corso di Dizione conseguito presso Mera Film svolto dall’attrice e regista.
Norma Winston Seminario di canto Jazz 
Mark Murphy Seminario di canto Pop/Jazz 
Maria Pia De Vito Nuoro Jazz  corso di canto fonetica e respirazione .
Fiorella Bella canto lirico,  solfeggio e dizione   
Alberto La Rosa chitarra classica 
M° Vittorio Lipocelli canto, dizione, Fonetica , solfeggio, e  solfeggio cantato  
Dott.ssa Giuseppina Bonura tecniche di rilassamento e respirazione 
Anne Ducros canto Jazz
Roger Treece  improvvisione jazz (circle singing)


Ha effettuato spettacoli presso festival importanti collaborando con artisti di chiara fama: 

- Festival Jazz Terre di Collina: duo Linda Armetta e Aldo Giordano.
- Concerto BossaNova  per la stagione estiva del museo archeologico di Agrigento con Vincenzo Palermo.

Concerti con l’Associazione CulturaleTeatro del Melograno presso:

- Chiesa dell’Assunta di Palermo, il 29 dicembre 2008, per lo svolgimento dello spettacolo “Opere e Musiche
di Tradizioni Popolari Siciliane” con Katiusca Falbo, promosso dalla Provincia Regionale di Palermo;
- Narratori di Sicilia, nel Baglio Florio Cave di Cusa, Campobello di Mazara (TP);
- L’Isola che c’è, presso il Kempinski Hotel Giardino di Costanza, Mazara del Vallo (TP);
- Festival della Rinascenza, il 30 agosto 2009, a Carini (PA);
- concerto per Libera Palermo Associazioni nomi e numeri contro la mafia, in occasione dell’anniversario dell'omicidio di Peppino Impastato.
- concerto per LA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA, Giardino delle Pomelie, per conto dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo;
- concerto per LA GIORNATA MONDIALE DELLA PO ESIA, castello antico di Marineo, con l'attore Gianfranco Jannuzzo, per conto dell'Assessorato alla Cultura del comune di Marineo;
- concerto per il convegno regionale Famiglia e Giovani promosso dalla Provincia Regionale di Palermo.
- concerto presso il Castello di Carini (PA) in occasione della Settimana Azzurra, organizzato dall'Assessorato Turismo e Cultura del Comune di Carini;
- due concerti a Catania presso l’Istituto per ciechi Ardizzone Gioeni, per conto dello stesso istituto, con il
patrocinio della Regione Siciliana;
- concerti e spettacoli a Citta’ del Mare in occasione dello spettacolo Sicilia Bedda organizzato dall’Associazione Meridiano 13
- concerto in piazza, in occasione della manifestazione per Avis Carini 

 

 

LINDA ARMETTA

CANZONI

A VUCI N'ARRESTA
Testo e musica di LINDA ARMETTA

 

 

A VUCI N'ARRESTA

A sentu parrari luntana luntana
e’ cummigghiata e nun e’ na cristiana
granni o nica nun si capisci 
e’ iraniana ma pirchi patisci.
granni o nica nun si capisci 
e’ iraniara ma pirchi patisci.

Se bedda o ladia nun si sapi 
pri li cristiani nun e’ nurmali
ma idda vulissi sulu cantari
e puru parrari
ma idda vulissi sulu parrari 
e puru cantari

Nun taliati nun taliati
nun viditi ca chiama
chi fa’ si nun e’ siciliana

attintati attintati 
a so’ vuci luntana 
fimmina e’ siciliana
 o iraniana ia la la le

Terri 'nfucati
chini di chiantu
terri di turmentu
ca ponnu parrari 
nun diri nenti comu
 si fa cu li sintimienti
ponnu parrari
nun diri nenti comu
  si fa...                                                                                      
Nun taliati nun taliati
nun viditi ca chiama 
chi fa’  si nun e’ siciliana 
attintati attintati
a so’  vuci luntana
fimmina e’ siciliana o iraniana
ia la la laila………………………….

A terra nun si scorda
du ciuri ca crisci
ca quannu appassisci 
u so’ semi arrivisci

Ora a so’ carni
nun avi cchiu’ ciatu
e du so’ ciatu a vuci n’arresta
ora a so’ carni
nun avi cchiu’ ciatu
e du so’ ciatu a vuci n’arresta

nun taliati nun taliati 
nun viditi ca chiama
nun taliati nun taliati 
nun viditi ca chiama
nun taliati nun taliati 
nun viditi ca chiama
nun taliati nun taliati 
nun viditi ca……………..
 

 a vuci n’arresta

 

 

LINDA ARMETTA

CANZONI

 

CU TI LU DISSI


 

 

 

CU TI LU DISSI

Cu ti lu dissi ca t'haju a lassari,

megliu la morti e no chistu duluri.
ahj, ahj, ahj moru moru moru moru,
ciatu di lu me cori l'amuri miu si tu.

Cu ti lu dissi a tia nicuzza,
lu cori mi scricchia, a picca a picca a picca a picca.
ahj, ahj, ahj moru moru moru moru,
ciatu di lu me cori l'amuri miu si tu.

Lu primu amuri lu fici cu tia,
e tu schifiusa ti stai scurdannu a mia.
Paci facemu oh nicaredda mia,
ciatu di l'arma mia, l'amuri miu si tu.

CHI TE LO HA DETTO

Chi te l'ha detto che ti devo lasciare,

meglio la morte e no questo dolore.
Ahj ahj ahj muoio muoio muoio muoio
fiato del mio cuore, l'amore mio sei tu.

Chi te l'ha detto a te piccolina,
il cuore mio si lacera, a poco a poco.
Ahj ahj ahj muoio muoio muoio muoio,
fiato del mio cuore, l'amore mio sei tu.

Il primo amore l'ho fatto con te,
e tu ingrata ti sei scordata di me.
Pace facciamo oh piccolina mia,
fiato dell'anima mia, l'amore mio sei tu.

 

 

 

LINDA ARMETTA

CANZONI

 

I PIRATI A PALERMU

Testo e musica di LINDA ARMETTA

 

 

 

I PIRATI A PALERMU

Arrivaru li navi

Quanti navi a Palermu
Li pirati sbarcaru 
Cu li facci d’infernu

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu a lu scuru,
Chi scuru
Sicilia Chianci!

Tuttu l’oru all’aranci
Li pirati arrubbaru
Li campagni spugghiati
Cu la negghia lassaru

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu allu scuru,
chi scuru
Sicilia chianci!

Li culura do mari
N’arrubbaru chi dannu
Su’mpazzuti li pisci
Chi lamentu chi fannu

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu allu scuru,
chi scuru
Sicilia chianci!

Alli fimmini nostri
Ci scippare di l’occhi
La lustrura e lu focu
Ca addumava li specchi

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu a lu scuru,
chi scuru 
Sicilia chianci!   

I PIRATI A PALERMO

Arrivarono le navi,
quante navi a Palermo.
I pirati sbarcarono,
con le facce d’inferno.

Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio,
che buio.
Sicilia piangi!

Tutto l’oro alle arance,
i pirati rubarono.
Le campagne spogliate,
con la nebbia lasciarono.

Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio,
che buio.
Sicilia piangi!

I colori del mare,
ci rubarono, che danno.
Sono impazziti i pesci,
che lamento che fanno.

Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio,
che buio.
Sicilia piangi!

Alle femmine nostre
gli strapparono dagli occhi
il lustrore e il fuoco
che accendeva gli specchi.

Ci rubarono il sole, il sole,
restammo al buio,
che buio.
Sicilia piangi!