GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online

 

FRANCESCA CALAMAIO

 

CANZONI

UN CARUSU


 

 

UN CARUSU

Scendevano, andavano laggiù i nostri carusi,
in quell’inferno scendevano,
come vermi nella terra scavavano

Sentivano la morte in ogni attimo, in ogni istante.
Erano là i nostri figli!
Totò, Totò unni si, Totò,
jetta vuci Totò e nuddu lu senti

Era un carusu Totò,
Totò era un carusu
Semu tanti carusi ni sta fossa di focu.
Semu tanti ‘nnuccenti ni stu ‘nfernu addumatu.

Ma chistu è lu pani, pani di surfaru, 
amaru è stu pani.
Tuttim li jorna scinnu 
comu un vermi ni la terra,
tutti li jorna scavu e mi sentu affucari,
ma chistu è lu pani, pani di surfaru, 
amaru è stu pani.

Jettu vuci e nuddu mi senti, 
sugnu carusu e nun haiu nenti,
mancu la vita chiù m’apparteni,
sugnu un carusu e nun haiu nenti.

Jettu vuci Totò e nuddu lu senti, 
era un carusu ni lu zolfu

Ni sta minera di surfaru e fangu, 
tutti li jorna scinnu e mi sentu moriri, 
ma chista è la ricchizza di lu me paisi 
e nun la pozzu abbannunari, 
si mi nni vaiu, unni vaiu, unni vaiu

Tutti li jorna scavu e mi sentu affucari,
ma chistu è lu pani, pani di surfaru, 
amaru è stu pani.
Jettu vuci e nuddu mi senti, 
sugnu carusu e nun haiu nenti,
mancu la vita chiù m’apparteni,
sugnu un carusu e nun haiu nenti.