GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 140 visitatori e nessun utente online

SCHILIRO' GIUSY

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIUSY SCHILIRO'

 

CANZONI

A CURUNA

AMURI, AMURI

CU TI LU DISSI

I PIRATI A PALERMU

MI VOTU E MI RIVOTU

LU RISPETTU


 

Giusy Schilirò inizia il suo percorso musicale alla tenera età di 5 anni. Vari sono gli stili che fa propri passando dalla musica leggera italiana, alla musica brasiliana, allo swing quella che le ha dato grandi soddisfazioni. È l'amore per la sua terra, le sue origini, la storia che la fanno appassionare e la portano a studiare il canto popolare. scopre una grande donna del canto popolare siciliano Rosa Balistreri, colei che ha combattuto, con la sua voce e la sua chitarra, per dare una dignità alla sua terra e che ha lottato affinché i canti popolari siciliani non andassero perduti. Giusy Schilirò si avvicina alla musica popolare ed è la sua voce così mediterranea, potente, la sua intensa interpretazione che incuriosiscono Pino Pesce che la vuole come interprete nello spettacolo "A meroria di una Voce" ...uno spettacolo teatrale sulla vita di Rosa. Da quel momento si susseguono vari concerti, spettacoli dedicati alla sua terra e alla Balistreri. Si avvale di tre bravissimi musicisti, nascono così i SIKÈ. Riceve a Taormina il premio Rosa Balistreri dalla Fidapa di Taormina.
A Licata un riconoscimento per la musica popolare, altro premio " VitArte" ricevuto a Catania. Giuseppe Cantavenere amico di Rosa Balistreri e autore della biografia della Balistreri dice di Lei " Giusy Schilirò ha saputo interpretare in modo perfetto la Rosa che conoscevo, la quale le è simile persino nella voce. Le due voci si sono sovrapposte alle volte, senza mai notare la differenza. Due voci particolarissime, quelle della Schilirò e della Balistreri, in cui il calore cala in quelle tonalità basse e le urla di rabbia esplodono in quelle più alte. Soffocata e rauca le due voci diventano una, perché spiega Cantavenere, per saper cantare Rosa bisogna amarla con l’anima".

 

 

GIUSY SCHILIRO'

 

CANZONI

MI VOTU E MI RIVOTU

 


MI VOTU E MI RIVOTU
(tradizionale)

Mi votu e mi rivotu suspirannu
passu li notti ‘nteri senza sonnu.
E li biddizzi tò iu cuntimplannu
li passu di la notti ‘nsinu a jornu.
Pi tia nun pozzu ora
cchiù durmìri
paci nun havi cchiù
st’afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu
t’haiu a lassari:
quannu la vita mia
finisci e mori.

 

MI GIRO E MI RIGIRO


Mi giro e mi rigiro (1) sospirando
passo le notti intere senza sonno.
E contemplando le tue bellezze
le ripenso nella notte
fino a quando fa giorno.
Per te ora non posso più dormire
pace non ha più
questo afflitto cuore.
Tu lo sai quando
dovrò lasciarti:
quando la vita mia
 finisce e muore.

1) dentro il letto

 

 

 

 

GIUSY SCHILIRO'

 

CANZONI

AMURI, AMURI

Otello Profazio

 

 


AMURI, AMURI

Amuri, amuri chi m'hai fattu fari
M'hai fattu fari 'na 'ranni pazzia
Lu Patri Nostru m'hai fattu scurdari,
E la megghia parti di l'Avi Maria

Amuri, amuri...

Da quannu t'haiu vistu t'haiu amatu tantu
Cridia ca mi facisti la magia
Criscisti cumi l'erba di lu campu
Criscisti bedda per amari a mia.

Amuri amuri...

E vegnu appressu a 'ttia comu a negghia,
Comu lu cacciaturi cu la quagghia
Varda 'stu cori comu s'assuttigghia,
Comu ferru filatu a la tinagghia.

Amuri, amuri...

 

 

 

 

GIUSY SCHILIRO'

 

CANZONI

LU RISPETTU

 

 


LU RISPETTU

Mamma vi l’haju persu lu rispettu

di la finestra lu… nachiti tunni e llariulè
di la finestra lu fici acchianari.

Cu parla parla mi lu tegnu strittu
ca schetta vecchia nu… nachiti tunni e llariulè
ca schetta vecchia nun vogliu restari.

Ni nni fujemu dirittu dirittu
poi comu voli Diu… nachiti tunni e llariulè
poi comu voli Diu m’ha maritari.

IL RISPETTO


Mamma non vi ho rispettato

dalla finestra l’ho… nachiti tunni e llariulè
dalla finestra l’ho fatto entrare.

Chi parla parla me lo tengo stretto
ché vecchia zitella non… nachiti tunni e llariulè
ché vecchia zitella non voglio restare.

Ce ne fuggiamo diritto diritto
poi come vuole Dio… nachiti tunni e llariulè
poi come vuole Dio mi sposerò.

 

 

 

 

GIUSY SCHILIRO'

 

CANZONI

A CURUNA

 

 


A CURUNA

Arsira lu me beddu vinni fora 

supra un cavaddu d'oru chi vulava. 

Sutta li me finestri e li balcuna 

c'un fazzulettu nmanu e lacrimava. 
 
S'affaccianu lu re cu la rigina 
“a sta picciotta l'hamu a ncurunari“. 

Sugnu picciotta nun canciu parola 
a iddu vogliu e non vogliu curuna. 
                                                                                       


LA CORONA

Ieri sera il mio bello venne fuori 

sopra un cavallo d'oro che volava. 

Sotto le mie finestre e i miei balconi 
con un fazzoletto in mano e lacrimava. 

Si affacciano il re e la regina 
questa giovane dovrà essere incoronata. 

Sono giovane e non cambio parola 
voglio lui e non voglio corona.