GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 41 visitatori e nessun utente online

CANNATELLA GIOVANNI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

A CRUNA

A ROSA (DEDICATA A ROSA BALISTRERI)

U POETA (DEDICATA A IGNAZIO BUTTITTA)


 

Giovanni Cannatella, nato a Polizzi Generosa il 30 agosto 1952, è un cantastorie madonita.

E' uno dei fondatori del gruppo CPF insieme a Moffo Schimmenti.

Il suo repertorio include canzoni di denuncia sociale e ballate popolari e ad oggi conta la pubblicazione di 9 cd e un centinaio di canzoni edite, oltre a diverse collaborazioni.

I protagonisti dei suoi "cunti di un pìezzu i terra" sono uomini spesso al margine della società, eroi minori che non fanno la storia, ma che sono già storia.

Tra un accordo e l’altro, emerge l’uomo, umile come lo sono i suoi ricordi, con le proprie tradizioni spicciole e semplici.

E' l’uomo, anonimo per il resto del mondo, che grida il proprio disagio, la noia, la voglia di fuggire e poi riconciliarsi con un paese che ti dichiara guerra, in lotta continua alla sussistenza, pronta a riscuotere il calderone di sentimenti, tradizioni, sogni e cunti.

Il cuntastorie raccoglie ciò che già è stato seminato e lo ridistribuisce ad una comunità che rivive le piccole gesta di ognuno, rifiutandosi di cedere la propria identità al continuo spazzare via del tempo.

C’è un tìempu pi cantari,
c’è un tìempu pi sunari,
c’è un tìempu pi cuntari.

Ma c’è sempri tìempu
pi cantari, sunari e cuntari
u Tìempu

DISCOGRAFIA: La ballata del Vecchio valzer, C'era na vota, Menumali ca jè sulu un suonnu, Tra storie e memoria, Ligenna, Sciarra Musica e Chitarra, C’è genti e genti, Fumu di ciminìa, Giovanna D’Arco

LINK

http://www.cpfpolizzi.altervista.org/home.html

https://www.reverbnation.com/cpfpolizzi

https://www.youtube.com/channel/UCsMa5NftdLVnFndBeBh1Diw

http://www.cdbaby.com/Artist/GiovanniCannatella

 

 

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

A CRUNA

 

 

A CRUNA
Giovanni Cannatella
LA CORONA

Era un giovane e sembrava mio nonno,
aveva la fede più grande del mondo,
parlava con gli animali, con gli uomini
cantava a tutti la stessa canzone.

E quando lo incontravo per strada
mi sedevo con lui a parlare
e parlava, parlava, parlava
e cantava quella stessa canzone.

Le parole non le ricordo più
ma il ritornello faceva così
laralalarala...

La signora Ramonna cuciva e raccontava
"Quando è tardi chiudi la porta"
vado a coricarmi nel mio letto
con l'immagine della Madonna sopra il petto,
mentre dormo Lei veglia,
se c'è qualcosa che non va, mi risveglia". (1)

Era appoggiato ad una punta di un mobile
aveva la faccia invecchiata,
nelle sue mani strinceva la corona
e nell'aria la stessa canzone

Le parole non le ricordo più
ma il ritornello faceva così
laralalarala...

Scese Dio in persona
per ascolatre quella stessa canzone;
lui gli disse
"non ti seccare dammi una mano
perchè debbo alzarmi"
abbandonò casa e tutto
e se ne andò in paradiso

laralalarala...
Era un giuvini e paria ma nannu,
avia a fedi chiù ranni do munnu,
parrava ca armali, chi chistiani
cantava a tutti a stessa canzuna.

E quannu 'ncuntrava pi strata
m'assittava cu iddu a parrari
e parrava, parrava, parrava,
e cantava da stessa canzuna.

I paroli un ci piensu chiù
ma u riturnellu facia a cussì.
laralalarala...

A gna Ramunna cusia e cuntava
"quannu è tardi chiui a porta"
"mi va curcu 'ndu ma liettu
cu Maria supra u piettu
mentri durmu idda fa a viglia,
si c'è cosa m'arruvigghia",

Era appuiatu o un puntali
avia a facci mangiata d'armali
'nde so mani strinciva a curuna
e nill'aria da stessa a canzuna

I paroli un ci piensu chiù
ma u riturnellu facia a cussì.
larlalalla...

Scinniu Diu in pirsuna
p'ascutari da stessa canzuna;
iddu ci dissi
"un ti siddiari, dammi na manu
ca ma aisari"
si cutulau casa e cammisa
e si nni iu o paradisu.

laralarala...

 

 

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

U POETA

 

 

U POETA
omaggio a Ignazio Buttitta

“Chiddu c’ha diri
u vulissi sunari e cantari
ma haiu a vuci catarrusa,
a chitarra scurdata
Veru iè, mìegghiu cantari mali,
ca cianciri bbùonu.
Chi pùozzu fari…
mi mìettu ne manu du Signuri!”

Quannu iera sulu pinzava cosi tristi
storìi di miserìi e di mùorti ammazzati.
Passiava dda ncapu ne stiddi
cu vintimila picciriddi, (1)
visitava u funnu du mari
ncuntrava a Cola (2) e u scumpunìa.

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

Cantava a natura chi nasci e rinasci
i fatti di Bronti, u trenu du suli. (3)
Avìa l’ali e si misi a vulari
p’un ni scurdari di Cannivali. (4)
A stragi di Purtedda. a mafia,
i baruna, lu banditu Giulianu. (5)

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

S’accanìa, s’azzuffava cu tutti
quannu cuntava,
a chitarra ciancìa
quantu odiu e quantu rancuri.
Na sta terra regna lu veru 'nfìernu
sta chitarra mia perdi na corda o iùornu.

Su canti di sta Sicilia,
cùoppula e ficudinia
e volanu supra a muntagna,
toccanu u funnu du mari
e volanu, volanu ancora
e toccanu u funnu du mari.

1) Vintimila picciliddi poesia di I. Buttitta

2) Cola Pesce e la leggenda di Cola pesce

IL POETA

Quello che voglio dire,
io vorrei cantare e suonare,
ma ho la voce catarrosa,
la chitarra scordata.
Vero è, meglio cantare male
che piangere assai.
Che posso fare...
mi metto nelle mani del Signore.

Quando ero solo, pensavo cose tristi,
storie di miserie e di morti ammazzati.
Passeggiava la, sopra le stelle
con ventimila bambini
visitavo il fondo del mare
incontrava Cola Pesce e parlava con lui.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

Cantava la natura che nasce e rinasce
i fatti di Bronte, il treno del sole.
Aveva le ali e si mise a volare
per non dimenticarci di Carnevale.
La strage di Portella della Ginestra, la mafia,
i baroni, il bandito Giuliano.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

S'accaniva, s'azzuffava con tutti
quando raccontava storie,
la chitarra piangeva,
quanto odio e quanto rancore.
In questa terra regna il vero inferno
e questa chitarra mia
perde una corda al giorno.

Sono canti di questa Sicilia,
coppola e ficodindia
e volano sopra la montagna,
toccano il fondo del mare
e volano e volano ancora
e toccano il fondo del cuore.

3) Il treno del Sole poesia di I. Buttitta

4) Salvatore Carnevale poesia di I. Buttitta

5) Il bandito Giuliano

 

 

 

GIOVANNI CANNATELLA

 

CANZONI

A ROSA

 

 

A ROSA
omaggio a Rosa Balistreri

Ti canuscìiu appuiata a un carrettu
ieravi nica e mala vistuta.
Era di mmìernu, cadìa a nivi
na sta terra chi stava e sta mali.

Ci pìenzi, Rosa, "Signuri chiuviti"
"Cummari Nina, Cummari Vicenza".
Tu na vota i cantavi a mmia
sta canzuna a cantu pi ttìa!

Rosa, vuci di sta Sicilia
chjna di rabbia e di spiranza.
E gridava ancora cchiù forti
contru a mafia e i cosi tùorti.

Cci pìenzi, Rosa, "Ddiu vi la manna",
"La ciaramedda", "A notti i Natali"
Tu na vota i cantavi a mmia
sta canzuna a scrissi pi ttìa!

E vulari, vulari, vulari,
vola tuttu e vola ancora
e vulari, vulari, vulari,
dunni a terra ridi ancora.

Ci pìenzi, Rosa, "Signuri chiuviti"
"Cummari Nina Cummari Vicenza".
Tu na vota i cantavi a mmia
iò sta canzuna ia a cuntu pi ttìa!

Na Rosa gialla nun mori mai!

Cci pìenzi Rosa "Ddiu vi la manna",
"La ciaramedda", "A notti i Natali".
Tu na vota i cantavi a mmia
sta canzuna... a cantai pi ttìa.
                                                                    

A ROSA

Ti conosco appoggiata ad un carretto
eri piccolina e mal vestita.
Era d'inverno, cadeva la neve
in questa terra che stava e che sta male.

Ci pensi, Rosa, "Chiuviti chiuviti" (1)
"Cummari Nina, Cummari Vicenza" (1) .
Tu una volta li cantavi a me
questa canzone la canto per te!

Rosa, voce di questa Sicilia
piena di rabbia e di speranza.
E gridava ancora più forte
contro la mafia e le cose storte.

Ci pensi, Rosa, "Ddiu vi la manna", (1)
"La ciaramedda", "A notti i Natali" (1)
Tu una volta li cantavi a me
questa canzone l'ho scritta per te!

E poi volare, volare, volare
vola tutto e vola ancora
e volare, volare, volare
dove la terra ride ancora.

Ci pensi, Rosa, "Chiuviti chiuviti"
"Cummari Nina Cummari Vicenza".
Tu una volta li cantavi a me
questa canzone la racconto per te!

Una Rosa gialla non muore mai!

Ci pensi, Rosa, "Ddiu vi la manna",
"La ciaramedda", "A notti i Natali"
Tu una volta li cantavi a me
questa canzone... l'ho cantata per te!

1) canti del repertorio di Rosa Balistreri