GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

MIRABILE ROSSELLA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROSSELLA MIRABILE

 

CANZONI

A PANILLARA (DARRÈ LA PORTA DI SANTA CATARINA)

A MARSALISA


 

Rossella Mirabile, è laureata in giurisprudenza ed esercita la professione di avvocato.
Studia al conservatorio A. Scontrino di Trapani canto lirico ed ha conseguito l'ottavo anno di pianoforte.
E' la presidente del Museo Mirabile di Marsala e direttrice del coro del Santuario Maria SS. Addolorata di Marsala.
Ha fatto parte dei cori folkloristici: Piccoli cantori di Petrosino, Gruppo folklorico torre Sibiliana e Gruppo folklorico Marsala Antica.
Impegnata nella cultura e nell'arte in generale, si diletta nel canto ed in particolare di canzoni siciliane.

 

 

 

 

ROSSELLA MIRABILE

 

CANZONI

A MARSALISA


 

A MARSALISA.

(Parole e musica di Totò Mirabile)

A fimmina marsalisa è d’antica biddizza
u simbulu di bontàti e sprindenti ricchizza.

A fimmina marsalisa è pi tutti bidduna
biddizza di la chiana e di la marina.

A fimmina marsalisa è fruttu di vinnigna
biddizza chi veru ‘mmiaca a l’omu c’à ‘ncugna.

E canta e balla a marsalisa
gioia e dilizia di ogni casa.
E l’omu arresta affascinatu
di la marsalisa s’annamuratu.

E balla e canta a marsalisa
gioia e dilizia di ogni casa.
E l’omu arresta affascinatu
di la marsalisa s’annamuratu.

E canta e balla a marsalisa
gioia e dilizia … di ogni casa…
di ogni casa.

A fimmina marsalisa è ‘na ranni riggina
di terra Lilybitana la cchiù bedda e fina.

A fimmina marsalisa è ‘na rosa baggiana
profumu du stagnuni e ventu di salina.

A fimmina marsalisa di sta terra è vantu
e l’omini ci cantanu stu ran cantu.

E canta e balla a marsalisa
gioia e dilizia di ogni casa.
E l’omu arresta affascinatu
di la marsalisa s’annamuratu.

E balla e canta a marsalisa
gioia e dilizia di ogni casa.
E l’omu arresta affascinatu
di la marsalisa s’annamuratu.

E canta e balla a marsalisa
gioia e dilizia … di ogni casa…
di ogni casa.

 

 

 

 

ROSSELLA MIRABILE

 

CANZONI

DARRE' LA PORTA DI SANTA CATARINA


 

 

Brano raccolto e rielaborato da Totò Mirabile; 
autore Piddru Mirabile

la-                                  mi+ 
Darre' la porta ri santa Catarina 
                                    la- 
ci sta na picciuttedda panillara 
                             mi+  
si la viriti di quanteni fina 
                                 la- 
ca fa ncantari cu li mossi so. 
la-                                 mi+ 
Lu so pittuzzu tantu sapuritu 
                                       la- 
la so vuccuza comu un granatu 
                                         mi+ 
cu va mmangiari dda nesci stunatu 
                                              la+ 
e dda putiedda nun si la scorda cchiu'.

la+                                   mi+         
E mi ci mettu sempri a tu pi tu 
                                      la- 
na vasatedda un mi la vosi da', 
         re-                          la- 
mi dici sempri: " arrassati di cca',  
            mi+                                  la- 
avva si nno panelli nun tinni vinnu cchiu'".

la-                                      mi+ 
La vitti un munacheddu na iurnata, 
                                    la- 
ci rissi: "si cu mia ci voi viniri, 
                                          mi+ 
la tonaca la eccu mmezzu a strata". 
                                    la-  
ma idda un timpuluni ci vuto'. 
la-                                  mi+ 
Un ghiornu chi paria nzuccarata 
                                 la- 
ci rissi: lassa stari a pariddata
la-                                 mi+ 
l'aneddu ti l'accattu sta iurnata 
                              la+ 
e idda tutta russa rissi si.

la+                                        mi+   
E propriu sta iurnata mi rissi si pi si 
                                                   la-
e doppu tantu stentu mi resi un vasuneddu 
            re-                      la- 
pero' mi rissi: " va rillu a me patri, 
                    mi+                             la+ 
a vva si nno vasuna nun ti nni rugnu cchiu'.