GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 101 visitatori e nessun utente online

GAGLIO TANINO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TANINO GAGLIO

 

CANZONI

A TERRA E' COMU 'NA MATRI

U PISCATURI (di Marettimu)

USTICA


 

Tanino Gaglio nasce a Partinico l’1 Febbraio 1956, vive ad Alcamo con la moglie Marinella e i due figli Fabrizio e Clelia.
A dieci anni inizia a studiare chitarra a plettro col maestro palermitano Pietro Scrimenti,per cinque anni.
Dopo le prime esperienze di musica leggera ma soprattutto di musica rock ( suona diversi anni col batterista Pino Amoroso e col bassista , cugino fraterno, Cesare Gaglio) incontra, nel 1970, il cantautore FIFO COSTANZO e il cantante folk BRUNO BONADONNA , entrambi di Partinico.
FIFO COSTANZO lo introduce nel mondo della musica folk presentandolo a ROSA BALISTRERI, insuperata voce della canzone folk siciliana.

Dal 1972 al 1978 fa diversi spettacoli in Sicilia col gruppo vocale-strumentale “ Le case le strade la gente” ( ideato e coordinato dal direttore artistico ENZO BARBARINO ) e una tournèe in alcune città del nord ITALIA : SANREMO, TORINO, MILANO, VERONA e BRESCIA.

Nel 1977 fa da “ spalla “ a FABRIZIO DE ANDRE’ in una indimenticabile serata al teatro “Ambasciatori” di CATANIA, suonando con FIFO e CESARE le canzoni di FIFO ( purtroppo venuto a mancare nel 2007 ).

Nel 1978 conosce il grande poeta dialettale IGNAZIO BUTTITTA del quale, in poche settimane, musica alcune poesie ( ‘U servu – ‘A capitali – ‘A cursa di negghi – ‘ U Testamentu – e tante altre) e scrive per lui la sua prima canzone in siciliano: “Eu cantu di un pueta”.

Nel 1983 e 1984 partecipa ad alcune trasmissioni televisive nazionali come “Discoring” di “Domenica in”, e in questi anni incide due “45 giri “ a Milano col gruppo rock “BLACK MIST “, prodotti dal carinese Pino Caravello.

Nel 1981 e 1982 partecipa a “Città del Mare “ alla “ Rassegna di canti e musica popolare” dedicata al famoso etnologo siciliano ANTONINO UCCELLO.

Nel 1986 alla “SETTIMANA INTERNAZIONALE PER LA PACE “, a Palermo, canta “ IL FIGLIUOL PRODIGO “, dal VANGELO, dopo averlo tradotto in siciliano e musicato.

Nel 1988 a Ventimiglia di Sicilia, partecipa alla “RASSEGNA di INTERPRETI e CANTAUTORI SICILIANI “ ( presenti anche ROSA BALISTRERI e il famosissimo cantastorie CICCIO BUSACCA ) .

Nello stesso anno 1988 suona con ROSA BALISTRERI in concerto a Cerda.

Nel 1990 partecipa al “ 1° MEMORIAL ROSA BALISTRERI “ a Santa Margherita Belice.

Dal 1995 ad oggi ha partecipato a tutte le edizioni del “ MEMORIAL CESARE GAGLIO “ a Partinico.

Nel 2006 a PARTINICO , per la festa di SAN LEONARDO , esegue “ LA VITA DI SAN LEONARDO “ , in siciliano, con testi e musica di sua composizione.

Nel 2007 partecipa a Licata al concorso “ VII° MEMORIAL ROSA BALISTRERI” classificandosi al V° posto con la sua canzone “ SIRA D’ESTATI “.

NEL 2008 partecipa a Licata al concorso “ VIII° MEMORIAL ROSA BALISTRERI” classificandosi al V° posto con la canzone “ PRIMA RINGRAZI A DIU “, testo di ROSA BALISTRERI.

Nel Luglio del 2009 alla Real Cantina Borbonica a Partinico , partecipa alla manifestazione “ RICORDANDO FIFO “ , suo amico fraterno e di cui ha arrangiato molte canzoni.

Nel Luglio del 2010 partecipa alla seconda edizione di “ RICORDANDO FIFO “ e canta “ Prima ringraziu a Diu “ e “ Amuri Amuri “.
In questa occasione è presente anche il cantautore tamburellista siciliano ALFIO ANTICO col quale TANINO suona fondendo le note della sua chitarra ai prorompenti e originali tocchi del fenomeno di Lentini.

Nell' Agosto del 2011 canta la canzone “ INNO A MARIA SS DEL PONTE” nella CHIESA MADRE di Partinico in occasione del 150° anniversario della “INCORONAZIONE DI MARIA SS DEL PONTE “ ( avvenuta il 15 Agosto 1861 ) da lui composta con versi estratti dalla poesia del poeta-contadino d Partinico Antonino Oliveri inteso “Giuranedda” “VERSI SACRI DELLA INCORONAZIONE DI MARIA SS DEL PONTE “.

Dal 2011 al 2013 partecipa a numerose manifestazioni culturali sopratutto di musica e poesia.

Nel 2013 lo scrittore partinicese Giuseppe Di Trapani lo inserisce nel suo libro-intervista dal titolo “ PARTINICO : Talento, Creatività e Passione “ pubblicato a Novembre dello stesso anno.

IL 18 Maggio 2014 partecipa come chitarrista e poeta “ READING POETICO PABLO NERUDA “.

Il 23 Maggio 2014 partecipa cantando alcune sue canzoni ( “ U Rusariu “ e “ 'A terra è comu 'na matri! “ -vedi YouTube : Tanino Gaglio ) alla “Manifetazione per la Legalità in memoria delle vittime di mafia “ e riceve il “ PREMIO : La Settimana Della Pace “ offerto dalle SCUOLE di PARTINICO, con la seguente motivazione :
" A TANINO GAGLIO per l'impegno civile profuso attraverso la musica Folk ".

Il 2 Agosto 2014 è protagonista a Partinico nello spettacolo musicale per lui organizzato
dall'Associazione “Cento per l'arte e la cultura” “SERATA D'AUTORE CON TANINO GAGLIO”
cantando alcune delle sue canzoni, nella suggestiva cornice dell'importante complesso monumentale “REAL CANTINA BORBONICA”.

L' 8 Marzo 2015 col “ TRIO DEL SOLE “ si esibisce a Partinico al “ TEATRO L. GIANI' “ nell'originale spettacolo musicale “ 'NA ROSA DI...LICATA “ con canzoni della grande cantante folk licatese ROSA BALISTRERI, al cospetto di un pubblico numeroso che ha seguito il recitalcon molta attenzione ed entusiasmo.

 

 

 

TANINO GAGLIO

 

 

CANZONI

A TERRA E' COMU 'NA MATRI

 

 

A TERRA E' COMU 'NA MATRI

Nui chi semu 'nnamurati di la nostra terra
la taliamu cu occhi di passioni e d'amuri,
comu fa un picciottu cu la so picciotta,
comu un maritu fa cu so mugghieri.

Nui chi semu 'nnamurati di la nostra terra
ristamu incantati di li so biddizzi,
chiddi chi ci retti Diu quannu la fici
pi farini campari chiù felici.

A terra è comu na matri si ama e basta,
pirchì comu na matri duna vita
e a cu è chi duna vita s'anna dari
i chiù ranni sintimenti d'amuri e di rispettu.

A terra è comu na matri si ama e basta,
pirchì comu na matri duna vita,
ma c'è genti chi un l'ama e la carpista
è genti ca un canusci nè amuri e nè rispettu;
è genti chi si vinni la so terra
e la riduci a fimmina di strata
picchi li soi biddizzi un li capisci
e si la vinni a cui chiossà ci la paga,
ma tu, o terra mia, non ti scantari,
arriverà lu jornu di cangiari
pirchì ormai su lenti li catini
chi t'hannu 'mprigiunatu finu ad ora
e nun sarai chiù schiava, terra mia,
a libirtà chi meriti l'avrai
la genti chi ti ama voli chistu
pirchì lu voli Diu, lu voli Cristu.

E nun sarai chiù schiava, terra mia,
a libirtà chi meriti l'avrai.
                                                                                                             

 

LA TERRA E' COME UNA MADRE

Noi che siamo innamorati della nostra terra
la guardiamo con occhi pieni di passione e d'amore,
come fa un ragazzo con la sua ragazza,
come un marito fa con sua moglie.

Noi che siamo innamorati della nostra terra
restiamo incantanti delle sue bellezze,
quelle che le diede Dio quando la creò
per farci vivere più felici.

La terra è come una madre si ama e basta,
perchè come una madre da la vita
e a chi ci da la vita si debbono dare
i più grandi sentimenti d'amore e di rispetto.

La terra è come una madre si ama e basta,
perchè come una madre da la vita,
ma c'è gente che non l'ama e la calpesta
son persone che non conoscono
nè amore e nè rispetto;
sono persone che vendono la propria terra
e la riducono a femmina di strada
perchè non capiscono le sue bellezze
e la vendono a chi di più gliela paga,
ma tu, o terra mia, non aver paura,
arriverà il giorno di cambiare
perchè ormai sono allentate le catene
che ti hanno imprigionato fino ad ora
e non sarai più schiava, terra mia,
la libertà che meriti l'avrai
la gente che ti ama vuole questo
perchè lo vuole Dio, lo vuole Cristo
e non sarai più schiava, terra mia,
la libertà che meriti l'avrai

 

 

TANINO GAGLIO

 

 

CANZONI

USTICA

USTICA

Stamatina ca cielu e mari si toccanu,
stamatina ca cielu e mari si vasanu,
poi talianu versu di tia
e ti dicinu sti paroli:

Quantu si bedda, Ustica,
ma quantu è bedda st'isula.

Capiddi scuri comu a petra lavica tu ti nascisti
e occhi azzurri comu l'acqua du mari chi ti vagna
e arrifrisca la to peddi caura
mentri lu suli ti cauria.

Quantu si bedda Ustica,
ma quantu è bedda st'isula.

E la to genti è fiera di stari cu tia
e 'nnamurata, ti ama, è pazza di tia,
poi quannu arriva lu jornu du misi d'austu
si fa gran festa pi lu patruni San Bartulumeu
e in procissioni gli usticisi e turisti 'ncantati
tra bancareddi, turruni e picciliddi scappati,
è divina dda notti di gran devozioni
e alla fini i spari e lu jocu di focu.

Quantu si bedda Ustica,
ma quantu è bedda st'isula

USTICA

Stamattina, che cielo e mare si toccano,
stamattina, che cielo e mare si baciano,
poi guardano verso di te
e ti dicono queste parole:

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

Capelli scuri come la pietra lavica tu sei nata
e occhi azzurri come l'acqua del mare che ti bagna,
e rinfresca la tua pelle calda
mentre il sole ti riscalda.

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

E la tua gente è fiera di stare con te
è innamorata, ti ama, è pazza di te,
poi quando arriva il giorno del mese d'agosto
si fa gran festa per il patrono San Bartolomeo
e in processione gli usticesi e i turisti incantati
tra bancarelle, torrone, e bambini perduti,
è divina quella notte di gran devozione
e alla fne gli spari e i fuochi d'artificio.

Quanto sei bella, Ustica,
ma quando è bella st'isola.

                                

 

 

TANINO GAGLIO

 

 

CANZONI

'U PISCATURI (DI MARETTIMU)

 

 

'U PISCATURI (DI MARETTIMU) (1)

Sulu, assittatu cu na petra pi seggia,
senza nuddu pinzeri
e taliari mariggiati chi passanu,
fazzuletti bianchi di suli chi l'avvampa,
comu parpagghiuni chi s'assicutanu.

U ventu canta e rufulia 'nterra
sbrizzi di mari supra balachi
vruca e marvuni
mentri luntanu viu a furmicula
Levanzu e Favignana
comu a tri criaturi natari
supra l'acqua chi l'annaca.

Chi maravigghia,
chi maravigghia,
chi maravigghia.

Si fussi pitturi ci la dassi na bedda pinziddiata
si l'avissinu miritatu.
E comu piscaturi, di luntanu Marettimu,
tira a rizza chi sempri teni... abbrazzati

Chi maravigghia,
Chi maravigghia,
Chi maravigghia.

1) una delle tre isole davanti Trapani (isole Egadi)

                                                                                                             

 

IL PESCATORE (DI MARETTIMO)

Solo, seduto su una pietra per sedia.
senza nessun pensiero
e guardare mareggiate che passano,
fazzoletti bianchi di sole che l'avvampa,
come farfalle che si inseguono.

Il vento canta e spruzza verso terra
sbrizzi di mare sopra scogli
tamarigi e .....
mentre lontano vedo come una formichina
Levanzo e Favignana
come tre creature che nuotano
sopra l'acqua che li dondola.

Che meraviglia,
che meraviglia,
che meraviglia.

Se fossi un pittore darei una bella pennellata
se lo meritano davvero.
E come un pescatore, di lontano Marettimo,
tira la rezza che sempre tiene... abbracciati

Che meraviglia,
che meraviglia,
che meraviglia.