GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online

CAMINITI CINZIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CINZIA CAMINITI

 

CANZONI

A CURUNA

CANZUNA DI LI CARRITTERI - AHI PARTU E SU CUSTRITTU

MALATU D'AMURI

MI LASSASTI IN ABBANNUNU

QUANTU NI PATU


 

Cinzia Caminiti è nata e vive a Catania, è coniugata dal ’95 con Gianni Nicotra, musicista e autore di musiche per teatro; dall’unione, nel ’99, nasce Nicoletta. Sin da giovanissima è avviata allo studio del canto e della musica, sotto la guida del M° Franco Greco, e della danza e sin dalla più tenera età partecipa ad importanti concorsi televisivi nazionali ed internazionali e all’incisione di alcuni LP. Dopo la pausa dedicata agli studi, in seguito ai quali ha conseguito il Diploma di maturità nonché un Diploma di Qualifica per Addetti agli Uffici Turistici, ha ripreso ad interessarsi di musica e teatro; dapprima all’interno di formazioni catanesi che operano nel settore artistico e culturale, quindi partecipando a corsi di perfezionamento per attori, mimi, danzatori, clowns, nonché a vari stages allo scopo di affinare specifiche tecniche di recitazione. Nel 1986, con l’intento di promuovere e divulgare la cultura popolare siciliana, costituisce assieme ad alcuni colleghi l’Associazione Culturale Schizzi d’Arte della quale, dal 1991, è Presidente. Poliedrica la sua attività che la vede impegnata ormai da anni sia come cantante, attrice ed autrice di testi teatrali; che, più specificatamente, come Animatrice. In detto settore ha maturato nel corso degli anni una particolare esperienza sia organizzativa sia di gestione di gruppi di animazione, operando per conto dell’Associazione Culturale Schizzi d’Arte e sotto il patrocinio del Comune di Catania - Ass.ti alla Pubblica Istruzione, Cultura e Servizi Sociali, per la realizzazione di Laboratori di Animazione Teatrale e Musicale presso numerose Scuole Statali, e non, del catanese, l’Istituto Penale per Minorenni e Giovani Adulti di Bicocca nonché varie strutture per anziani, handicappati e soggetti a rischio. Attualmente è impegnata nella realizzazione di un progetto dedicato ai bambini ed alle bambine delle scuole materne sulla Cultura popolare Siciliana. Fondamentale, infatti, la sua opera di ricercatrice in ambito etnoantropologico da cui trae materiale ed argomenti per la scrittura di copioni e brani di matrice popolare, nonché per la progettazione e lom studio di attività rivolte alla scoperta e alla valorizzazione delle Tradizioni orali e musicali della Terra di Sicilia. Attualmente è impegnata nella scrittura di un libro dal titolo “il pane fritto e altre storie” e nella realizzazione del suo ultimo spettacolo teatrale “storie di Giufà.

ATTIVITA’ PROFESSIONALE SPETTACOLI TEATRALI di cui è stata autrice, regista e interprete · Fatti e Misfatti di Furbi e Furbastri - Schizzid’Arte · Voce di popolo: Voce di Favola - Schizzid’Arte · Tra... mille e una notte - Schizzid’Arte · Filò - Schizzi d’Arte · Jòcura, carnascialate - Schizzid’Arte · Atturna, da N. Martoglio - Schizzid’Arte · Le cose di ogni giorno - Schizzid’Arte · Sacro Canto - Schizzid’Arte · ...Di tutti li culuri.... di tutti i mutuperii – Schizzid’Arte · Cose nostre: cose di Sicilia – Schizzid’Arte · Lu cuntu non porta tempu – Schizzid’Arte · Vangelu secunnu – Schizzid’arte · Le storie di Giufà – Schizzid’Arte SPETTACOLI TEATRALI cui ha preso parte come attrice – cantante · Tempo di Vespri - Teatro Magma - regia S. Nicotra · Il Contra (N. Martoglio) - La terra del sole - regia S. Nicotra · Febronia – regia A. Garrubba · Aspettando - Teatro Magma - regia N. Blancato · La locandiera (C. Goldoni) - Teatro Gamma - regia G. Scuto, con Enzo Cerusico · Libertà - Teatro Gamma – regia G. Scuto · Si cunta, si canta e si raccunta – Teatro Gamma – regia N. Laganà · La lupa (G. Verga) – Teatro Gamma - regia G. Scuto · Fuochi (M. Yourcenar) – Teatro Gamma - regia G. Scuto · Concerto in due - Teatro Gamma – regia G. Scuto, con Enzo Cerusico · Pirandello: due atti unici (L. Pirandello) - Teatro Gamma – regia G. Scuto, con Enzo Cerusico · Il Raccontafavole – Teatro Gamma – regia G. Scuto · Oggi lu luni, dumani lu marti... – Teatro degli Specchi – regia A. Lo Castro · L’arte di Giufà - Teatro degli Specchi – regia A. Lo Castro · L’Altalena – Teatro Principe di Giovanni - regia T. Scalia · Musco – Teatro Stabile – regia T. Giordano · Un seculu di storia... – Coop. T.A.P. - regia M. Gennaro · Festa del Grano – 2°, 3° e 4° Edizione – regia P. Russo · Il cortile degli Aragonesi – Nuove Maschere – regia A. Faicchia · Lu Cuntu di Natali – Nuovo Teatro – regia S. Di Mauro · Lu Cuntu di la Simana Santa - Nuovo Teatro – regia S. Di Mauro · Prima che ci uccidano (G. Fava) – I Siciliani – regia E. Gimbo · Via Castellina, interno 7 – La Proposta – regia N. Blancato · Donne, streghe, donne – La Proposta – regia N. Blancato · Agatuzza – Zig Zag – regia F. Aricò · Gargantua e Pantagruele – Teatro E. Piscator – regia L. Catarraso · L’ultima Stagione (L. Pirandello) – Teatro del Canovaccio – regia S. Minardi, con Piero Sammataro · Cunfidenzi di Martoglio (E. Esposito) – Teatro del Canovaccio – regia E. Gimbo · Cattigghi e cuttigghi (E. Esposito da Nino Martoglio) Teatro del Canovaccio regia E. Gimbo LABORATORI TEATRALI NELLE SCUOLE – REGIE · Cantari ppi cuntari · Memorie · Arti e mestieri · Presepio · Jocura · La leggenda di Sicilia · Zumpallalleru · Favola vera · Fiaba futura · Casba · Terre sorelle · Il lungo Cammino · cose di Sicilia · Amica natura · ESPERIENZE TELEVISIVE · “Chi l’ha visto” – RAITRE (ricostruzione) CONCERTI · Jocuratiringattu - Schizzid’Arte · Sirinata, la Canzone d’Autore Catanese di fine ‘800 e primo ‘900 - Schizzid’Arte · Luna lunedda, i canti popolari siciliani - Schizzid’Arte · Dormi figghiu e fai la vò – Schizzid’Arte · ... Evviva Gèsu Bamminu ! - Schizzid’Arte · Il canto di una terra tra il mare - Schizzid’Arte DISCOGRAFIA · “La canzone Catanese tra ‘800 e ‘900” – 1996 · “I canti della mietitura in Sicilia – 1998 · “Dormi figghiu e fai la vò” – 1998 · “’A Nuvena” – 1999 · “Canti e giochi fanciulleschi”- 2000 

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. facebook : Cinzia Caminiti Nicotra

 

 

CINZIA CAMINITI

 

CANZONI

A CURUNA

Cinzia Caminiti voce,
Gianni Nicotra mandolino e mandoloncello,
Paolo Capodanno mandolino,

Massimo Genovese chitarra,
Michele Gagliano chitarra,
Rosalba Sinesio voce

 

A CURUNA
(tradizionale)

Arsira lu me beddu vinni fora
supra un cavaddu d’oru
chi vulava.
Sutta li me finestri e li barcuna
c’un fazzulettu ‘nmanu
e lacrimava.
S’affaccianu lu re cu la rigina
a sta picciotta l’hamu
a ‘ncurunari.
Su picciridda
e nun canciu parola
a iddu vogliu
e non vogliu curuna

LA CORONA

Ieri sera il mio amore è uscito
volando
sopra un cavallo d’oro.
Sotto le mie finestre e i balconi
lacrimando
con un fazzoletto in mano.
Si affacciano il re e la regina
questa ragazza
dobbiamo incoronare.
Sono piccolina
e non cambio parola
solo lui voglio
e non voglio la corona

 

Canto d’amore, sicuramente cantato per le serenate alla fidanzata; s’intrecciano ricordi fantastici dell’infanzia, “re e regina”, cavallo d’oro che vola” , “l’incoronazione” con parole d’amore. Strutturalmente la canzone è formata da endecasillabi con accenti forti sulle sillabe 6/8/10; Tempo musicale 4/4 con tonalità minore

Nicolò La Perna

 

 

 

CINZIA CAMINITI

 

CANZONI

CANZUNA DI LI CARRITTERI
AHI PARTU E SU CUSTRITTU DI PARTIRI.

Cinzia Caminiti voce,
Gianni Nicotra mandolino e mandoloncello,
Paolo Capodanno mandolino,

Massimo Genovese chitarra,
Michele Gagliano chitarra,
Rosalba Sinesio voce

 

CANZUNA DI LI CARRITTERI
AHI PARTU E SU CUSTRITTU DI PARTIRI.

Ahi! partu e su custrittu di partiri,
ciatu ti lassu stu cori custanti.
Ahi partu e su custrittu di partiri,
ciatu ti lassu stu cori custanti
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Ahi! ti lu lassu e nun mi l’ha tradiri,
un fari ca lu figghiu ha n’autru amanti.
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Di nottetempu ti vegnu a vidiri
ti staiu comu n’ummira davanti
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Si senti ventu su li mé suspiri
L’acqua ca vivirai su li mé chianti
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

AHI PARTO E SON
COSTRETTOA PARTIRE.

Ahi parto e son costretto a partire,
anima mia, ti lascio questo cuore costante.
Ahi parto e son costretto a partire,
anima mia, ti lascio questo cuore costante.
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Ahi ti lascio e non me lo devi tradire,
non fare che il figlio ha un altro amante.
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Di notte ti vengo a vedere
ti sto come un’ombra davanti
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

Se senti il vento sono i miei sospiri
l’acqua che berrai sono i miei pianti
ohi nella tò noh! ohi nella tò nah! na

 

Ritroviamo questa canzone nel vinile “Ci ragiono e canto” cantata da Rosa Balistreri.
In “Eco di Sicilia” il Frontini
scrive la partitura.

 

Fa parte delle canzoni di emigrazioni dove si denota la tristezza
comune a chi deve lasciare l’amata, i suoi figli e la sua casa.

interpretazione di altri cantanti
http://lnx.culturasiciliana.it/20-rosa-balistreri/le-canzoni-inedite/80-ahi-partu
Rosa Balistreri

https://www.youtube.com/watch?v=ZypC0Rku8So
Antonio Sparatore

 

 

 

CINZIA CAMINITI

 

CANZONI

MALATU D'AMURI 

Cinzia Caminiti voce,
Gianni Nicotra mandolino e mandoloncello,
Paolo Capodanno mandolino,

Massimo Genovese chitarra,
Michele Gagliano chitarra,
Rosalba Sinesio voce

 

MALATU D'AMURI 
anonimo
Taliannu a tia lu spissu 
sugnu tuttu ammaraggiatu,
lu me sangu unn'è lu stissu
comu un gelu è divintatu.
Cu sti ucchiuzzi ti taliu
moru, spasimu e diliru,
iu mi sentu 'ntra lu cori
na mancanza di rispiru.

Vinni u medicu a sarvari
li me affanni e li me peni,
iu mi misi a raccuntari
la ragiuni dunni veni
e lu medicu mi dissi: 
figghiu, lassa sta partita,
si sta donna tu non lassi
pocu dura la to vita.

Iu, sintennu stu parrari
c'arrispusi a duci forti:
a sta donna un pozzu lassari
non mi scantu di la morti,
idda, afflitta, tu pò diri
se è sinceru lu me amuri
m'accuntentu di muriri
e un chiamarmi tradituri. 

                                                                      

MALATU D'AMURI 

Guardandoti spesso
sono tutto amareggiato
il mio sangue non è lo stesso
come gelo è diventato.
Con questi occhietti ti guardo
muoio, spasimo e deliro
io mi sento dentro al cuore
una mancanza di respiro.

E' venuto il medico a salvare
i miei affanni e le mie pene,
io mi misi a raccontare
la ragione da dove viene
ed il medico mi disse:
figlio, lascia questa partita,
se questa donna tu non lasci
poco dura la tua vita.

Io, sentendo questo parlare,
gli risposi a voce forte:
questa donna non posso lasciare
non mi spavento della morte,
lei, afflitta, te lo può dire
se è sincero il mio amore
m'accontento di morire
e non chiamarmi traditore. 

altre interpretazioni della stessa canzone

https://www.youtube.com/watch?v=MVpHVtRxNEAS. Messina  

 

 

CINZIA CAMINITI

 

CANZONI

MI LASSASTI IN ABBANNUNU

Cinzia Caminiti voce,
Gianni Nicotra mandolino e mandoloncello,
Paolo Capodanno mandolino,

Massimo Genovese chitarra,
Michele Gagliano chitarra,
Rosalba Sinesio voce

 

MI LASSASTI IN ABBANNUNU

Mi lassasti in abbannunu
cori crudu, cori crudu, cori 'ngratu
e l'avirmi abbannunatu
fu na granni, fu na granni crudiltà.

Qual'è statu, qual'è statu lu me tortu
Nici ingrata, Nici dimmi almenu
Nun ti curi si iu penu.
la tò vuci, la tò vuci un sentu chiù.

Prima tu mi scuncirtasti
dd'arma 'n pettu chi tinia,
ed intantu, Nici mia
ora canci, ora canci e 'un m'ami chiù.

Forsi, teni, forsi teni n'autru amanti,
e di mia e di mia tu ti scurdasti?...
prestu, spiegati, 'ncustanti,
si tu m'ami, si tu m'ami si o no.

Mi lassasti 'ntra l'affanni,
e pacienza e pacienza chiù nun haiu,
ma, di ccà nun mi ni vaiu
si tu prima, si tu prima 'un dici si.

Sta to facci, sta to facci mi dimustra
c'hai pietà, c'hai pietà di lu me cori,
ma dimmillu in dui paroli
si tu m'ami, si tu m'ami un parru chiù.

           

MI LASCIASTI IN ABBANDONO

Mi lasciasti in abbandono
cuore crudo, cuore crudo, cuore ingrato.
quell'avermi abbandonato.
fu una grande, fu una grande crudeltà.

Qual'è stato, qual'è stato il mio gran torto
Nice ingrata, Nice ingrata ah... dimmi almeno
Non ti curi se io peno...
ne parlar, nè parlar ti sento più.

Pria quell'alma che tenea
semplicetta entro 'l mio petto
tu spargesti d'ogni affetto,
Nice, ed or, Nice ed or non m'ami più.

Forse, forse me dimenticasti,
perchè tieni, perchè tieni un altro amante?...
presto, spiegati, incostante,
se tu m'ami, se tu m'ami o si o no.

Mi lasciasti negli affanni,
non ho più pazienza al core,
di qua non mi tragge amore
se tu pria, se tu prima non dici si.

La tua faccia a me dimostra
che scontento non mi vuole,
Ah! tu dillo in due parole...
m'ami? m'ami ed io non parlo più.

da "Eco di Sicilia 50 canti popolari siciliani"
Francesco Paolo Frontini, ed. Ricordi 1883

 

altre interpretazioni della stessa canzone

https://www.youtube.com/watch?v=0sQ-DnCaKOc

Salvo Messina