Stampa
Categoria: PETRONCIANA ENZO
Visite: 364

 

ENZO PETRONCIANA

 

 

 SPATI DI FOCU

 

  

 

 

SPATI DI FOCU

Quista e' na storia che vi vogghiu raccuntari,
quannu scinneru l'angili che spartirunu lu mari,
che ad unu ad unu, adasciu, scinneru ccu li spati,
scinneru ccu l'arduri ppi vuliri du Signuri.
Ppi salvari u sensu da lu mali ingannu.
E vinnuru ni stu tempu e vinnuru munnu,
tagliaru ccu li ali lu ventu, u celu e u suli,
purtannu la sintinza di lu Patri alla terra.

Scinniti che nell'aria di stu celu
lu Spiritu si imbianca comu u rispiru,
viniti a purtari lu sintieru di luci
e di ragiuni, fati sintiri...
i vostri spati, spati di focu,
spianati i spati di focu.

Luvati ccu pruntizza, lu marciu e l'arruganza,
ghiornu che addduma pianu,
schiara lu sensu umanu
anticu sacramentu, luci di puisia...
spartiti u mari...
Viniti, viniti chi vostri spati di focu.

SPADE DI FUOCO

Questa รจ una storia che vi voglio raccontare,
quando sono scesi gli angeli che han diviso il mare,
e che ad uno ad uno, adagio, scesero con le spade,
scesero con ardore per volere del Signore.
Per salvare il senso dal male inganno.
E vennero in questo tempo e vennero nel mondo, 
tagliarono con le ali il vento, il cielo ed il sole,
portando la sentenza del Padre alla terra.

Scendete che nell'aria di questo cielo
lo Spirito si imbianca come il respiro,
venite a portare il sentiero di luce
e di ragione, fate sentire...
le vostre spade, spade di fuoco,
spianate le spade di fuoco.

Levate con prontezza, il marcio e l'arroganza,
giorno che si illumina piano.
schiara il senzo umano
antico sacramento, luce di poesia...
dividete il mare...
Venite, venite con le vostre spade di fuoco.