GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 618 visitatori e nessun utente online

PETRONCIANA ENZO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ENZO PETRONCIANA

 

 

 

E' NATALI

 

  

 

 

E' NATALI

Na luci di luntanu...
arriva u Bambineddu
e tocca a tutti l'arma,
da paci ni lu sensu.
E notti di travagghiu
pi lu Spiritu du celu
e luntanu un cantu duci,
lu biancu amuri so maternu.
E sentu lu cantu di na Matri...
Oi oi oh...
ma chi beddu bimbu chi haiu
Oi oi oh...
è Natali e fai la vò

Pi strati di trizzeri intra sta cauda terra
si intrizza la spiranza ccu lu sciauru
che ha n'ibbrezza.
È notti uni si stinna lu tappitu a lu Signuri,
unni u munnu duna u cori, canti e soni di l'amuri.
E' granni lu beni di la Matri
Oi oi oh...
ma chi beddu bimbu chi haiu
Oi oi oh...
è Natali e fai la vò

Ninna oh, ninna oh, ninna oh!
è Natali e fai la và

 

E' NATALE

Una luce di lontano
arriva il Bambinello
e tocca a tutti l'anima,
da pace nella mente.
E' notte di lavoro
per lo Spirito del cielo
e lontano un canto dolce,
il bianco amore suo materno.
Esento il canto di una Madre...
Oi oi oh...
ma che bel bimbo che ho,
Oi oi oh...
è Natali e fai la ninna nanna.

Per strade di campagne
dentro questa calda terra

si mescola la speranza con l'odore
che ci da ebbrezza.
E' notte dove si stende il tappeto al Signore,
dove il mondo da il cuore, canti e suoni d'amore.
E' grande il bene della Madre
Oi oi oh...
ma che bel bimbo che ho,
Oi oi oh...
è Natali e fai la ninna nanna.

Ninna oh, ninna oh, ninna oh!
è Natali e fai la ninna nanna.

 

 

 

ENZO PETRONCIANA

 

 

 PRIERA ALLU SIGNURI

 

  

 

 

PRIERA ALLU SIGNURI

Acqua ca si jietta 'nda li rocci,
culuri e sonu di musichi putenti,
se tu hai suffirenza, lamenti
rivolgiti o Signuri, ca nun ti fa pinari.

Prega a Cristu, Cristu Santu,
canti di cristiani suspirati,
canzuni di criaturi di spiranza.
U Verbu santu, Verbu chi avi cantu di spiranza,
cantu di putenza.

Scinni, Signuri, fallu pi vera ragiuni
Raggi di suli, la to potenza d'amuri,
Signuri, Signuri, un Cristu in cruci, Cristu Santu
Cristu vidi, Cristu veni do celu
togli i sintimenti;
geniri anticu
tu che hai putiri, scinni e salva stu munnu
Tu che veni in centu
Raggi si duli, la to putenza d'amuri
Signuri, Signuri, Signuri,

 

PREGHIERA AL SIGNORE

Acqua che si butta dalle rocce,
colori e suoni di musiche potenti,
se tu hai sofferenze, lamenti
rivolgiti al Signore che non ti fa penare.

Prega a Cristo Santo,
canti sospirati di cristiani,
canzoni di speranza di bambini,
Verbo santo, Verbo che ha canto di speranza,
canto di potenza.

Scendi Signore, fallo per vera ragione,
Raggi di sole è la tua potenza d'amore,
Signore, Signore, Cristo in croce, Cristo Santo
Cristo vedi, Cristo scendi dal cielo,
togli i sentimenti;
genere antico
tu che hai potere, scendi e salva il mondo
Tu che vieni in cento
Raggi di sole è la tua potenza d'amore,,
Signore, Signore, Signore

 

 

 

ENZO PETRONCIANA

 

 

 

NU CANTU A SANT'AGATA

 

  

 

 

NU CANTU A SANT'AGATA
Enzo Petronciana

Ni stu 'mmensu munnu
un celu senza suli
ni l'omini u putiri
di salvarlu dalla sorti,
lumi addumati e prijeri
scappisanu la serpi.
Putissa cangiari la faccia di sta terra
trizzeri 'nturcinati
che strazzanu la vita,
ogni piccatu nostru
'raccia ni la cuscienza.
Ci fussa paci pi tutti l'omini
che intra u Spiritu putissa imprimiri
ti preju Sant'Agata pi chistu cantu.

Nenti chiù guerri e nenti chiù fami
che lu beni nu munnu fussa immurtali
ti preju Sant'Agata pi chistu cantu.

Un ghiornu e n'autru ghiornu,
un tempu pi giuiri di tuttu l'amuri
che è granni quantu u mari,
misiru è lu putiri,
mischinu di climenza
e c'è chiù forza ni stu sintimentu,
che u niuru e u mali vannu rittu a funnu,
ti preju Sant'Agata cu chistu cantu.

Nenti chiù guerri e nenti chiù fami
che lu beni nu munnu fussa immurtali
ti preju Sant'Agata pi chistu cantu.

ti preju Sant'Agata pi chistu cantu,
o to cuspettu,
pi chistu cantu
o to cuspettu.

UN CANTO A SANT'AGATA

In questo immenso mondo
un celo senza sole
negli uomini al potere
capaci di salvarlo dalla sorte,
candele accese e preghiere
pestano la serpe.
Potessi cambiare la faccia di questa terra
stradine contorte
che stracciano la vita.
ogni nostro peccato
graffia la nostra coscienza.
Che ci possa essere pace per tutti gli uomini
e che lo Spirito possa imprimerci dentro
ti prego Sant'Agata per questo canto.

Niente più guerre e niente più fame
che il bene del mondo possa essere immortalei,
ti prego Sant'Agata per questo canto.

Un giorno ed un altro giorno,
un tempo per gioire di tutto l'amore
che è grande quanto il mare,
misero è il potere,
parco di clemenza
e c'è più forza in questo sentimento,
che il brutto e il male vanno diritto in fondo.
ti prego Sant'Agata con questo canto.

Niente più guerre e niente più fame
che il bene del mondo possa essere immortale,
ti prego Sant'Agata per questo canto.

ti prego Sant'Agata per questo canto,
al tuo cospetto,
per questo canto
al tuo cospetto.

 

 

 

ENZO PETRONCIANA

 

 

 SPATI DI FOCU

 

  

 

 

SPATI DI FOCU

Quista e' na storia che vi vogghiu raccuntari,
quannu scinneru l'angili che spartirunu lu mari,
che ad unu ad unu, adasciu, scinneru ccu li spati,
scinneru ccu l'arduri ppi vuliri du Signuri.
Ppi salvari u sensu da lu mali ingannu.
E vinnuru ni stu tempu e vinnuru munnu,
tagliaru ccu li ali lu ventu, u celu e u suli,
purtannu la sintinza di lu Patri alla terra.

Scinniti che nell'aria di stu celu
lu Spiritu si imbianca comu u rispiru,
viniti a purtari lu sintieru di luci
e di ragiuni, fati sintiri...
i vostri spati, spati di focu,
spianati i spati di focu.

Luvati ccu pruntizza, lu marciu e l'arruganza,
ghiornu che addduma pianu,
schiara lu sensu umanu
anticu sacramentu, luci di puisia...
spartiti u mari...
Viniti, viniti chi vostri spati di focu.

SPADE DI FUOCO

Questa è una storia che vi voglio raccontare,
quando sono scesi gli angeli che han diviso il mare,
e che ad uno ad uno, adagio, scesero con le spade,
scesero con ardore per volere del Signore.
Per salvare il senso dal male inganno.
E vennero in questo tempo e vennero nel mondo, 
tagliarono con le ali il vento, il cielo ed il sole,
portando la sentenza del Padre alla terra.

Scendete che nell'aria di questo cielo
lo Spirito si imbianca come il respiro,
venite a portare il sentiero di luce
e di ragione, fate sentire...
le vostre spade, spade di fuoco,
spianate le spade di fuoco.

Levate con prontezza, il marcio e l'arroganza,
giorno che si illumina piano.
schiara il senzo umano
antico sacramento, luce di poesia...
dividete il mare...
Venite, venite con le vostre spade di fuoco.