GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 101 visitatori e nessun utente online

 

 

 

IRENE IENTILE

 

E SIGNURUZZU MIA, FACITI BON TEMPU
da " Canti della terra e del mare di Sicilia"
di Alberto Favara
canta Irene Ientile - 
al pianoforte Ornella Cerniglia

 

 

 

E SIGNURUZZU MIA, FACITI BON TEMPU

E Signuruzzu mia, faciti bon tempu
haiu l'amanti miu mmenzu lu mari,
l'arvuli d'oru e li 'ntinni d'argentu,
la Marunnuzza mi l'avi ajutari.

Chi pozzanu arrivari 'nsarvamentu!
comu arriva 'na littra m'ha fari,
ci ha' mittiri du' duci paroli,
comu ti l'ha passatu mai, mari?

Assira nna ddu lettu era curcata,
e Pippinedda chi cuntava l'uri,
e l'acqua ca chiuvia era jilata
comu ti lì'ha passatu amuri amuri?

E si pi sorti la scontri pi strata
"Ssa benedica", signa', matri mia,
"Ssa benedica, signa', matri mia,
la figghia è vostra e l'avi a dari a mia.

EH MIO SIGNORE FATE BUON TEMPO

E Mio Signore, fate buon tempo,
ho il mio amante in mezzo al mare, 
gli alberi d'oro e le antenne d'argento,
La Madonnina me lo deve aiutare.

Che possano arrivare in salvamento!
come arriva, una letter debbo scrivere,
debbo metterci due dolci parole,
come hai tascorso la vita per mare?
Ieri sera in quel letto ero coricata,
e Peppinella, che contava le ore,
e l'acqua che cadeva dal cielo era gelata
come hai passato la giornata, amore, amore?

E se per sorte la incontri per strada
"Mi benedica, signora, madre mia,
"Mi benedica, signora, madre mia,
la figlia è vostra e la dovete dare a me