GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online

PALMA MIRIAM

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MIRIAM PALMA

 

CANZONI

A LA VÒ (BINIDITTU LU JORNU)

AMURI

LA CURUNA

LA VIRRINEDDA

L'AMURI CA V'HAIU

LI PIRATI A PALERMU

LU FOCU DI LA PAGLIA

MI VOTU E MI RIVOTU

'NTRA VIDDI E VADDI

VITTI DU' ROSI

 

Miriam Palma è nota per le sue ricerche vocali nel campo della musica contemporanea e di tradizione e per le collaborazioni con celebri esponenti della avanguardia europea. Da quindici anni a Palermo ha fondato un centro laboratoriale permanente dove insegna vocalità, canto e teatro.
Ha portato in giro lo spettacolo "Viaggio in Sicilia" che si muove all'interno di una raccolta personalissima di canti, piccole storie, musiche interpretati da Miriam Palma che coniuga la ricerca alla tradizione vocale siciliana.
sito internet: www.miriampalma.it

 

 

MIRIAM PALMA

 

CANZONI

A LA VÒ (BINIDITTU LU JORNU)

 

ALAVO' - BINIDITTU LU JORNU E LU MUMENTU
(ninna nanna)
testo: F. Impellizzeri
musica: G. Emanuele Calì

Binidittu lu jornu e lu mumentu
quannu tò matri, a latu ti truvò;
dopu di novi misi, ccu grandi stentu
mamma facisti e ‘nfrunti ti vasò.

Dormi nicuzza ccu l’angiuli tò...
dormi e riposa, ti cantu la vò...
vò, vo, vo... tutti dorminu e tu no.

Si di lu celu calassi na vara,
un lu putissi fari 'stu splinduri
lu stai facennu tu, bidduzza amata,
'nda sta nacuzza di rosi e di xiuri.

Dormi nicuzza ccu l’angiuli tò...
dormi e riposa, ti cantu la vò...
vò, vo, vo... tutti dorminu e tu no.

dormi, dormi, angiliddu beddu,
dormi

Miriam Palma (voce, tamburo e oggetti sonori); Maurizio Norrito (chitarra classica);
Miki Guccione (contrabbasso); Emanuele Buzi (mandolino e mandola);
Nino Giannotta(mandolino).

 

 

 

 

MIRIAM PALMA

 

CANZONI

A CURUNA

 

A CURUNA (tradizionale)

Arsira lu me beddu vinni fora
supra un cavaddu d’oru
chi vulava.
Sutta li me finestri e li barcuna
c’un fazzulettu ‘nmanu
e lacrimava.
Su picciridda
e nun canciu parola
a iddu vogliu
e non vogliu curuna

LA CORONA

Ieri sera il mio amore è uscito
volando
sopra un cavallo d’oro.
Sotto le mie finestre e i balconi
lacrimando
con un fazzoletto in mano.
Sono piccolina
e non cambio parola
solo lui voglio
e non voglio la corona

Miriam Palma (voce, tamburo e oggetti sonori); Maurizio Norrito (chitarra classica);
Miki Guccione (contrabbasso); Emanuele Buzi (mandolino e mandola); Nino Giannotta(mandolino).

 

 

 

 

MIRIAM PALMA

 

CANZONI

AMURI CA DI NOTTI VA CANTANNU

 

AMURI

Amuri ca di notte vai cantannu
ju era a menzu sonnu e ti sintìja,
ju era a menzu sonnu e ti sintìja

Vutai li spaddi a me’ maritu caru
ccu li lacrimi all’occhi, ca chiancìja,
ccu li lacrimi all’occhi, ca chiancìja.

Si n’autra vota amuri vai cantannu
morta mi trovi di malinconia,
morta mi trovi di malinconia.

Amore che di notte vai cantando
io ero in dormiveglia e ti sentivo.

Voltai le spalle a mio marito allora
con le lacrime agli occhi, piangendo.

Se un’altra volta amore vai cantando
mi trovi morta di struggimento.

Tra le canzoni siciliane un posto di particolare rilievo è occupato da "Amuri ca di notti".
Non solo perché la musica del primo verso richiama quella di Funesta ca lucive, §
attribuita a Vincenzo Bellini, ma, soprattutto, per la bellezza del testo.
Non a caso è stata incisa da molti interpreti del canto popolare siciliano tra cui Miriam Palma.

Miriam Palma (voce, tamburo e oggetti sonori); Maurizio Norrito (chitarra classica);
Miki Guccione (contrabbasso); Emanuele Buzi (mandolino e mandola); Nino Giannotta(mandolino).

 

 

 

 

MIRIAM PALMA

 

CANZONI

A VIRRINEDDA

 

A VIRRINEDDA
(tradizionale)

Accattari vurria na virrinedda
di notte la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu sì bedda
quannu ti spogli prima di curcari!
E temu ca tu fussi cussi bedda
ca l'occhi nun m'avissiru a nurvari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d'ammuri ni vinni a purtari
ridìanu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di lu mari.
Binidittu lu Diu chi ti manteni
ca cussi bedda ti vosi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni
l'ariu tribulatu fa sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
‘ntesta si miritava na curuna
‘nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.
Catina ca mi teni ‘ncatinatu
catina chi ‘ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia

 

Miriam Palma (voce, tamburo e oggetti sonori);
Maurizio Norrito (chitarra classica);

Miki Guccione (contrabbasso);
Emanuele Buzi (mandolino e mandola);
Nino Giannotta(mandolino).

LA VERRINA (1)

Vorrei comprare una verrina
e di notte bucare la tua porta
per vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti spogli prima di coricarti.
E temo che tu possa essere così bella
che gli occhi mi potrebbero accecare
lascia la porta un po’ aperta
che questa notte ti vengo a trovare.

E una barchetta con tante bandiere
questa dea d'amore venne a portare
ridevano tutte le celesti sfere
tremavano tutti gli specchi del mare.
Benedetto Dio che ti mantiene
e che così bella volle formarti!
dove tu vai fioriscono i fiori
l'aria tempestosa fai rasserenare.
Aveva le trecce di Maddalena (2)
in testa portava una corona
nella tua casa non c’è lume
la luce la emani tu, stella Diana.
Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così credo che tu voglia bene a me.
1) trapano a mano
2) la peccatrice del Vangelo
e non voglio la corona