GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 124 visitatori e nessun utente online

LAFACE ADELE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ADELE LAFACE (AdeLa)

 

CANZONI

AMURI SENZA AMURI

BRUCIA LA TERRA

CHE DUCI STU FIGGHIU

L'AMURI CA V'HAIU

MARRANZANU

MATRIMONIU TARANTELLATU

ORA CHI TORNU

SICILIA ANTICA

U CUNIGGHIU

Adela (Adele Laface) è cantante, attrice e scrittrice calabrese.
Figlia d’arte, comincia a sette anni a far parte dello show che il padre Enzo porta in giro per il mondo. Vanta numerose tournée estere e nazionali e lavora in studi di registrazione come speaker per sketch comici e documentari televisivi.
Nel 2011 scopre una vena poetica che viene molto apprezzata sui social network da un pubblico variegato e sempre più numeroso. Poesie, pensieri e aforismi ottengono un successo che spinge Adela a raccoglierli in un libro in maniera sistematica. Nasce così “Accarezzarmi l’anima”, per il quale l’autrice si fa anche attrice posando per le foto che illustrano il percorso di un’anima attraverso le varie esperienze della vita (amore, dolore, speranza…). aiuto regista nel film Buonanotte Australia, brava cantante. 

 

 

 

ADELE LAFACE (AdeLa)

 

CANZONI

AMURI SENZA AMURI

 

 

CHI VOLI DIRI AMURI
SENZA AMURI

Chi voli diri amuri senza amuri
vulari senza ali ‘ncontru o suli
scurà na gioventù cusennu tila
na vita ca è un pocu di cannila.
E va facinnu sempri na filagna,
stu suli nun ti coci e nun ti vagna
acqua nun ci nn’è a mari ‘pi l’arsura
siti d’amuri sinu ca vivi cura
Chi voli diri amuri si lu senti
d’un cori cummattutu cu la menti
comu lu Mungibeddu sempri vivi
dintra c’hai lu focu, fora la nivi.
Ti dissi di lu celu si la luna,
di li risurrezioni idda s’adduna,
comu contenta pi la to prisenza
stu viaggiu ca inchìu un’esistenza.
Chi voli diri amuri ora si sapi
pigliari u ciuri ciuri comu l’api,
rutti su li catini e li tinagli,
finiu lu tempu ca p’amuri squagli.
Pirdisti la firmizza ca ti staglia,
vistutu e niuru è, l’arma di paglia,
sulu la morti sciogli li turturi
quannu si viri amuri, senza amuri.
Pirdisti la firmizza ca ti staglia
vistutu e niuru è, l’arma di paglia
sulu la morti sciogli li turturi
quannu si viri amuri, senza amuri.

                                                                                                                                                                                                           

COSA VUOL DIRE
AMORE SENZA AMORE

Cosa vuol dire amore senza amore
volare senza ali incontro al sole
è trascorsa una gioventù cucendo tela
una vita che sa un pò di candela
E fai sempre un filare (1)
questo sole non ti brucia e nemmeno ti bagna, acqua non c'è ne a mare per gli assetati,
sete d'amore che cura fin quando vivi.
Cosa vuol dire amore se senti
il cuore in contrasto con la mente

vivi sempre come l'Etna
dentro hai il fuoco, fuori la neve.
Ti dissi del cielo tu sei la luna,
le stagioni essa scopre
come contenta per la tua presenza
questo viaggio che ha riempito l'esistenza.
Cosa vuol dire amore ora si conosce
prendere il fior fiore come le api,
rotte son le catene e le tenaglie

è finito il tempo che per l'amore squagli.
Hai perso la fermezza che ti connota,
il vestito è nero, l'anima di paglia,
solo la morte scioglie le torture

quando si vede amore senza amore.
Hai perso la fermezza che ti connota
il vestito è nero, l'anima di paglia
solo la morte scioglie le torture
quando si vede amore senza amore.

1) filare di alberi: in senso figurato “vai sempre diritto per la tua strada senza curarti di niente”

 

 

 

 

ADELE LAFACE (AdeLa)

 

CANZONI

CHE DUCI STU FIGGHIU

 

 

 

CH'E DUCI STU FIGGHIU 
Francesco Arena

E' natu u Signuri, Gesù Nazzarenu
nisciu 'nti na stadda di pagghia e di fenu,
viniti, viditi massari e pasturi
chi occhi lucenti, chi mani d'amuri

Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
chi stidda lucenti stasira chi c'è.
Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
stanotti è vinutu daveru lu Re.

Cui t'amu di tutti
priamo cantandu
finiu di cianciri
portati frumentu,
stu chiantu facimu, circannu perdunu 
pi tutti i piccati, cca fimu ognunu.

Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
chi stidda lucenti stasira chi c'è.
Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
stanotti è vinutu daveru lu re.

Sta genti pirduta chi stava aspittandu,
tu porti la paci, Signuri, priandu,
stu mundu era oscuru, senza na luci
mo vidi lu jornu e senti na vuci.

Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
chi stidda lucenti stasira chi c'è.
Ch'è duci stu figghiu, 
ch'è bella sta mamma,
stanotti è vinutu daveru lu re.

                                                                                                                                                                                                           



COM'E' DOLCE QUESTO FIGLIO


E' nato il Signore, Gesù Nazzareno
è nato in una stalla di paglia e di fieno,
venite vedete contadini e pastori,
che occhi lucenti, che mani d'amore. 

Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
che stella lucente che c'è questa sera.
Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
questa notte è venuto davvero il Re.

A chi t'ama fra tutti 
preghiamo cantando 
ha finito di piangere,
portate frumento,
piangiamo, cercando perdono
per tutti i peccati, che abbiamo fatto ognuno.

Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
che stella lucente che c'è questa sera.
Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
questa notte è venuto davvero il Re.

Per questa gente perduta che stava aspettando,
tu porti la pace, Signore, pregando,
questo mondo era oscuro, senza una luce
ora vede il giorno e sente una voce.

Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
che stella lucente che c'è questa sera.
Com'è dolce questo figlio,
com'è bella questa mamma,
questa notte è venuto davvero il Re

                                                                                                                                                                                                       

 

 

 

 

ADELE LAFACE (AdeLa)

 

CANZONI

BRUCIA LA TERRA
Colonna sonora del Padrino parte III

 

 

BRUCIA LA TERRA 
testo: Nino Rota - 
musica: Kaballà (Giuseppe Rinaldi)

Brucia la luna n'cielu
e ju bruciu d'amuri,
focu ca si consuma
comu lu me cori

L'anima chianci
addulurata,
non si da paci
e cchi mala nuttata.

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

Brucia la terra mia
e abbrucia lu me cori
cchi siti d'acqua idda
e ju siti d'amuri

A cu la cantu
la me canzuni
si no c'e nuddu
ca s'a affaccia
a lu barcuni 

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

Brucia la terra mia
e abbrucia lu me cori
cchi siti d'acqua idda
e ju siti d'amuri

A cu la cantu
la me canzuni
si no c'e nuddu
ca s'a affaccia
a lu barcuni 

                                                                                                                                                                                                           

 

 

 

 

ADELE LAFACE (AdeLa)

 

CANZONI

L'AMURI CA V'HAIU

 

 

L’AMURI CA V’HAIU
Esposito-Maglia

Non lu sapiti l’amuri ca v’haiu
e nun sapiti quantu vi disiu;
nun lu sapiti
comu chiangiu e staiu
quann’è ca ppi mumentu
non vi viu.
Dintra di l’arma mia
na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu;
si moru ‘nparadisu non ci vaiu
pirchì p’amari a vui
non pensu a Diu.
E vui sapennu st’amuri e sti peni
mi lassati muriri comu ‘n cani
ma oggi siddu cc’è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani.
Cchiù non m’amati
e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù
vi mannu cristiani
non mi lassati amuri ‘ntra sti peni
pirchì siti ppi mia
l’acqua e lu pani.

                                                                                                                                                                                                           

L’AMORE CHE HO PER VOI

Voi non sapete l’amore che ho per voi
e non sapete quanto vi desidero;
non sapete
come piango e come mi sento
quando per un solo momento
non vi vedo.
Dentro di me
ho una vampa di fuoco
e il mio cuore è vostro, e non è mio;
se muoio in paradiso non ci vado
perchè per amare voi
non penso a Dio.
E voi conoscendo
questo amore e queste pene
mi lasciate morire come un cane
ma oggi se c’è chi vi trattiene
spero di convincervi domani
Più non m’ amate e più vi voglio bene
e più passa il tempo
e più vi mando persone (1)
non mi lasciate amore in queste pene
perchè siete per me
l’acqua e il pane.

1) per convincervi