GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

 

GERA BERTOLONE

 

CANZONI

A VIRRINEDDA

 

 

A VIRRINEDDA
(tradizionale)

Accattari vurria na virrinedda
di notte la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu sì bedda
quannu ti spogli prima di curcari!
E temu ca tu fussi cussi bedda
ca l'occhi nun m'avissiru a nurvari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d'ammuri ni vinni a purtari
ridìanu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di lu mari.
Binidittu lu Diu chi ti manteni
ca cussi bedda ti vosi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni
l'ariu tribulatu fa sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
‘ntesta si miritava na curuna
‘nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.
Catina ca mi teni ‘ncatinatu
catina chi ‘ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia

                                                     

LA VERRINA (1)

 

Vorrei comprare una verrina
e di notte bucare la tua porta
per vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti spogli prima di coricarti.
E temo che tu possa essere così bella
che gli occhi mi potrebbero accecare
lascia la porta un po’ aperta
che questa notte ti vengo a trovare.

E una barchetta con tante bandiere
questa dea d'amore venne a portare
ridevano tutte le celesti sfere
tremavano tutti gli specchi del mare.
Benedetto Dio che ti mantiene
e che così bella volle formarti!
dove tu vai fioriscono i fiori
l'aria tempestosa fai rasserenare.
Aveva le trecce di Maddalena (2)
in testa portava una corona
nella tua casa non c’è lume
la luce la emani tu, stella Diana.
Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così credo che tu voglia bene a me.
1) trapano a mano
2) la peccatrice del Vangelo

 

Antichissima canzone siciliana riportata da molti studiosi della canzone siciliana. Briosa la melodia, scanzonato il testo nel quale l’amante vorrebbe fare un buco nella porta della stanza dell’amata per ammirare le sue bellezze; le da anche un buon consiglio: lasciare la porta socchiusa per poterla andare a trovare di notte. E’ una serenata che molti gruppi folkloristici mettono nel loro repertorio perché autenticamente siciliana e perché il ritmo si presta ai balletti siciliani in modo eccellente.
Endecasillabi sono i versi, ritmo di tarantella con tonalità di La minore.