GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 119 visitatori e nessun utente online

GERA BERTOLONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GERA BERTOLONE

 

CANZONI

LA SICILIENNE OH NICI, OH NICI

CU TI LU DISSI

A VIRRINEDDA

Ecco come si presenta ai visitatori del sito Gera Bertolone

Sono nata nel 1983 a Mussomeli, una piccola cittadina sita nel cuore della Sicilia. Molto presto mi sono avvicinata alla musica e, all'età di 7 anni, ho iniziato a studiare solfeggio e suonare il clarinetto nella banda locale.
La musica tradizionale è entrata definitivamente nella mia vita negli anni dell’Università, dove ho frequentato i corsi di Musicologia ed Etnomusicologia a Palermo e ho fatto parte del Laboratorio di Etnomusicologia "Aglaia" diretto dall’etnomusicologo Gigi Garofalo.
Allo stesso tempo, sono stata invitata a far parte di un progetto tributo a Rosa Balistreri ideato da Francesco Giunta, veterano della cultura musicale siciliana, esibendomi in posti di grande prestigio, come il Teatro Antico di Segesta, il Teatro Montevergini, il Palazzo Bonagia, al fianco di artisti come Mario Incudine, Lucilla Galeazzi, Fausta Vetere, Clara Murtas, Egle Mazzamuto, Massimo La Guardia, e tanti altri..
Nel 2006, insieme ad un collega e amico, Francesco Piras, e a Giuseppe Arganello, uno dei cantori storici della tradizione, ho ripristinato la tradizione della Novena di Natale di Mussomeli, il mio paese natio, ormai in disuso da quasi 20 anni. Grazie a questo progetto, frutto di nostalgici ricordi, questa tradizione ha ripreso vita e fa parte del patrimonio culturale siciliano.
Nel 2009 mi sono trasferita a Parigi per continuare gli studi di Ricerca in Etnomusicologia presso l'Università di Parigi VIII Vincennes - Saint-Denis.
In seguito, mi sono specializzata nel Management Artistico nella prestigiosa scuola IC'COM di Parigi e nel 2014 ho fondato Sonora Artist Management, un’agenzia di management artistico e produzione di spettacoli consacrata al sostegno e all’evoluzione della carriera di musicisti di fama internazionale.
Dopo qualche anno di silenzio, dedicato agli studi professionali, oggi elaboro e propongo un repertorio composto da antiche melodie, ma anche ispirato alla discografia di Rosa Balistreri, cercando di mettere in evidenza il potenziale espressivo della musica siciliana, rispettando lo stile originale e servendomi di arrangiamenti dai colori vivi, che pennellano minuziosamente ogni melodia come se si trattasse di un quadro impressionistico.
Questo perché, vivendo all’estero, mi sono accorta che il pubblico che ascoltava le mie interpretazioni non comprendeva le parole e si concentrava immediatamente sulla qualità della sola musica.
Così, abbiamo lavorato principalmente al perfezionamento degli arrangiamenti e del discorso musicale vero e proprio, per raggiungere un livello espressivo e musicale più vicino al pubblico internazionale dei teatri, dei festival e sale da concerto, codificando anche gli usi e costumi nella teatralità dei gesti.
Manifestazioni dove ho partecipato con il Laboratorio di Etnomusicologia “Aglaia”: "Musica Antica fra colto e popolare", "Giornate Studio per Elsa Guggino”, "Funduq, héritage, recherche et création" (Palermo e Tunisia), "Mediterraneo Padre. Il senso del paterno nella cultura mediterranea", Premio "Ignazio Buttitta", Festino di Santa Rosalia (Palermo), etc...
Luoghi in cui mi sono esibita : Università di Palermo, Teatro Montevergini, Teatro Antico di Segesta, Palazzo Bonagia, Palais Ennejma Ezzahra (Sidi Bou Said, Tunisia), Teatro Comunale Salvatore Cicero (Cefalù), Villa Cattolica (Bagheria), Auditorium RAI di Palermo, etc..

 

 

 

GERA BERTOLONE

 

CANZONI

LA SICILIENNE (OH NICI, OH NICI)

 

 

OH! NICI NICI

Oh! Nici, Oh! Nici, comu fazzu
Oh! Nici comu fazzu
ca iu nu ti viu cchiu.

Ruoppù o ruoppù ri tanti lacrimi
Ruoppù ri tanti lacrimi
e la Nici aiù pirdu'.
e mi rugnu a Diu a li smanii
e piensu quannu cantavi.

Dda vuci o dda vuci tinnirisima
dda vuci tinnirissima
e lu cori mi strappau.

Chi vita angustiata
chi fazzu ma iù pi ttia.
Almeno o almeno un segnu runami
almeno currispunnimi
e ss' amuri puorta a mmia.

O cielu o cielu bbinignissimu
o cielu o cielu binnignissimu
e quantu ti prego un po'.

Ri nuovo o ri nuovo fammi unciri
ri nuovo fammi unciri
e cu lu mè stessu amu'.

E a llacrimi ri sangu
e figghia chi t'aiu a ddiri.

te ccà o te ccà u cutieddu ammazzami
te ccà u cutieddu e scannami
con te voglio morì

                                                                                                                                                                

OH! NICI NICI

Oh! Nici, Oh! Nici, come faccio
Oh! Nici, come faccio
percè io non non ti vedrò più.

Dopo, dopo tante lacrime
dopo tante lacrime
e la Nici ho perduto
e mi raccomando a Dio e alle smanie
e penso quanto tu cantavi

Quella voce, quella voce tenerissima
quella vode tenerissima
il cuore mi ha strappato.

Che vita angustiata
che faccio per te.
Almeno o almeno un segno dammi
almeno corrispondimi
e quest'amore riporta a me.

O cielo, cielo benignissimo
o cieol, cielo benignissimo
quanto ti prego un poco

Un'altra volta oh! un'altra volta fammi riunire, un'altra volta fammi riunire
col mio stesso amore.

E con lacrime di sangue
oh figlia cosa debbo dirti.

Prendi, oh! prendi il coltello ammazzam,i prendi il coltello scannami
con te voglio morire

interpretazione funebre siciliana

 

 

GERA BERTOLONE

 

CANZONI

CU TI LU DISSI

 

 

CU TI LU DISSI (tradizionale)

Cu ti lu dissi ca t’haju a lassari
megliu la morti
e no chistu duluri
ahj ahj ahj ahj
moru moru moru moru
ciatu di lu me cori
l’amuri miu si tu.

Cu ti lu dissi a tia nicuzza
lu cori mi scricchia
a picca a picca a picca a picca
ahj ahj ahj ahj
moru moru moru moru
ciatu di lu me cori
l’amuri miu si tu.

Lu primu amuri lu fici cu tia
e tu schifiusa
ti stai scurdannu a mia
paci facemu oh nicaredda mia
ciatu di l’arma mia,
 l’amuri miu si tu.                

CHI TE LO HA DETTO

Chi te lo ha detto che debbo lasciarti
meglio la morte
e non questo dolore
ahj ahj ahj ahj
muoio, muoio, muoio, muoio,
anima della mia anima,
l’amore mio sei tu.

Chi lo ha detto a te piccolina
il cuore mi si scricchiola
a poco a poco, a poco a poco
ahj ahj ahj ahj
muoio, muoio, muoio, muoio,
anima della mia anima,
l’amore mio sei tu.

Il primo amore l’ho fatto con te
- e tu schifiltosa
ti stai scordando di me
pace facciamo oh piccolina mia
anima della mia anima,
l’amore mio sei tu.

 

 

GERA BERTOLONE

 

CANZONI

A VIRRINEDDA

 

 

A VIRRINEDDA
(tradizionale)

Accattari vurria na virrinedda
di notte la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu sì bedda
quannu ti spogli prima di curcari!
E temu ca tu fussi cussi bedda
ca l'occhi nun m'avissiru a nurvari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d'ammuri ni vinni a purtari
ridìanu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di lu mari.
Binidittu lu Diu chi ti manteni
ca cussi bedda ti vosi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni
l'ariu tribulatu fa sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
‘ntesta si miritava na curuna
‘nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.
Catina ca mi teni ‘ncatinatu
catina chi ‘ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia

                                                     

LA VERRINA (1)

 

Vorrei comprare una verrina
e di notte bucare la tua porta
per vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti spogli prima di coricarti.
E temo che tu possa essere così bella
che gli occhi mi potrebbero accecare
lascia la porta un po’ aperta
che questa notte ti vengo a trovare.

E una barchetta con tante bandiere
questa dea d'amore venne a portare
ridevano tutte le celesti sfere
tremavano tutti gli specchi del mare.
Benedetto Dio che ti mantiene
e che così bella volle formarti!
dove tu vai fioriscono i fiori
l'aria tempestosa fai rasserenare.
Aveva le trecce di Maddalena (2)
in testa portava una corona
nella tua casa non c’è lume
la luce la emani tu, stella Diana.
Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così credo che tu voglia bene a me.
1) trapano a mano
2) la peccatrice del Vangelo

 

Antichissima canzone siciliana riportata da molti studiosi della canzone siciliana. Briosa la melodia, scanzonato il testo nel quale l’amante vorrebbe fare un buco nella porta della stanza dell’amata per ammirare le sue bellezze; le da anche un buon consiglio: lasciare la porta socchiusa per poterla andare a trovare di notte. E’ una serenata che molti gruppi folkloristici mettono nel loro repertorio perché autenticamente siciliana e perché il ritmo si presta ai balletti siciliani in modo eccellente.
Endecasillabi sono i versi, ritmo di tarantella con tonalità di La minore.