GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online

GIANA GUAIANA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIANA GUAIANA

 

CANZONI

A GIOSTRA

SIGNURUZZU FACITI BON TEMPU

IL VOLO

FAI LA NINNA, FAI LA VÒ

LA SICILIA AVI UN PATRUNI

LU PRINCIPI PUPARU

LU PRUGRESSU

MI VOTU E MI RIVOTU

SOCCU VONNU

 

GIANA GUAIANA Cantante di origini trapanesi, palermitana d’adozione. Inizia nel 1995 una lunga formazione nell'ambito del teatro di ricerca che privilegia il lavoro con il canto, nell'ambito del para-teatro e della danza (laboratori e performances con Miriam Palma, Luca Mingarelli, Nelly Quette, Saad Ismail, Anne Denis, Ewa Benesz, Santo Pace, I Wayan Puspayadi, Sayoko Onishi, Grant Mc Daniel, Gary Brackett-Living Theatre, Reghunath Manet, Julian Vargas, Carlos Riboty, Workcenter Grotowsky, Teresa Dal Pero-Teatro de Los Andes). Lo specifico interesse per il canto, coltivato sin da piccola, si indirizza sempre più verso il canto di tradizione orale e la composizione originale.Nell'ambito prettamente vocale, hanno soprattutto lasciato il segno i laboratori di improvvisazione vocale diretti da Miriam Palma, i laboratori di Luca Mingarelli, il laboratorio di arte della parola (scuola antroposofica) condotto da Maurizio Li Vigni, lo stage di canto armonico (Tuva) diretto da Andrea De Luca, i seminari di nada yoga (yoga del suono) a cura di Maytilli Devi, le sessioni di canto polifonico dirette da Letizia Manzella, i seminari sui canti di tradizione orale condotti da Giovanna Marini e Xavier Rebut, la partecipazione alla scuola di canto corale "Cantosospeso" direttaa Milano da Martinho Lutero, i seminari sul canto dhrupad (India del nord) condotti da Amelia Cuni.Grazie alle ricerche etnomusicologiche svolte presso il Folkstudio di Palermo, presso la Nastroteca della Regione Siciliana e direttamente sul campo, ha raccolto un repertorio di canti di varie terre del mediterraneo, in particolare della Sicilia e ne ha fatto degli arrangiamenti per voce e chitarra, rimanendo nel solco della tradizione.Dal 2002 porta in giro i suoi canti, sui quali così si è espressa la musicista, cantautrice e interprete di canti popolari Giovanna Marini:“la voce è bella, i pezzi pure, tutto molto piacevole... mi piacciono gli  arrangiamenti così sobri, senza mai sovraccaricare, ma lasciando libera la voce perchè quella è la parte importante del pezzo popolare..”Sempre dal 2002 si esibisce con l'attrice agrigentina Lia Rocco in concerti-recitals:“Le figure femminili nella letteratura siciliana” e “E divenne una statua di sale” sulle presenze femminili nelle tre religioni monoteiste.Nel 2005 collabora con il “Museo delle Marionette Antonio Pasqualino” nel recupero delle linee melodiche di due romanze dell'Opera dei Pupi catanese.Dal 2006 collabora con Bruna Perraro, formando il duo “Todo Cambia” che propone  un repertorio di canti regionali italiani, canti latino-americani e composizioni originali in lingua italiana.Nel 2007 partecipa alla seconda edizione di “Vucciria Festival” a Palermo (www.vucciria.org), alla terza edizione di “Borgoinfesta – ritmi e canti dal  Mediterraneo”- a Borgagne (Le), alla quarta edizione di “Amor Mediterranei”  a Caltabellotta (Ag).Dalla fine del 2007 collabora a Milano con Rocco Pollina e i Mondorchestra, con Toti Pumpo e Christian Sgarella producendo diversi spettacoli eseguiti a Milano presso le associazioni “Arcimetromondo”, “Arci Metissage”, “La Scighera”, “Casa Morigi” e presso il comune di Pero.Nel 2008 partecipa al “Progetto Ritratti d'artista”, in particolare al documentario dedicato al puparo Ignazio Puglisi componendone la colonna sonora, il canto “Lu principi puparu”.Viene coinvolta dal musicista Alessandro Orlando Graziano nel progetto di un cd-tributo ad Angelo Branduardi, “Cogli la seconda mela”, proponendo una rielaborazione in dialetto del brano “La giostra”.Partecipa alla quarta edizione di '”Borgoinfesta Festival'” a Borgagne (Le), alla quinta edizione del “Premio Pino Veneziano” a Selinunte, alla quinta edizione di “Amor Mediterranei” a Caltabellotta.Nel  2009 produce il disco “'A giostra”, partecipa alla quinta edizione di Borgoinfesta Festival a Borgagne, iniziando a collaborare con il cantastorie,foggiano Nicola Briuolo, collabora con l'editore trapanese Salvatore Coppola, partecipa alla terza edizione di “Natale è tradizioni” diretta da Enzo Mancuso presso il Teatro Carlo Magno a Palermo.Nel 2010 compone il brano “Il volo”, edito dalla casa discografica romanaZone Di Musica, collaborando con il violoncellista Ramashanty Cappello;viene invitata a fare un tour in Svezia dove inizia a collaborare con i jazzisti Anders Pettersson e Sten Rönbeck, partecipa alla quinta edizione di Borgoinfesta Festival (Le), partecipa al “ Rito della Luce” organizzato da Antonio Presti presso la Fiumara D'arte (Me), viene invitata da Angelo Branduardi a cantare " 'A giostra" durante una tappa del suo tour in Sicilia, torna a cantare nel Salento per la comunità di Nardò, partecipa a Castellammare del Golfo (Tp) alla terza edizione del Plas, a Licata (Ag)all'evento “Ricordando Rosa Balistreri” ricevendo una targa, a Palermo alla quarta edizione di “Natale è tradizioni” con gli spettacoli “I vuci ri Palermu” e “A Barunissa di Carini” assieme al cuntastorie Gaetano Celano.Nel  2011 partecipa alla terza edizione di “Musikarte” (Me); riceve a Foggia il Premio Matteo Salvatore, patrocinato, fra gli altri, dal Club Tenco Sanremo, partecipa alla settima edizione di Borgoinfesta Festival (Le).Nel novembre del 2011 viene invitata a Catania al V memorial dedicato ad Angelo D'Arrigo dividendo il palco del teatro Metropolitan con Angelo Branduardi, I Lautari e la Compagnia Marionettistica dei fratelli Napoli. Nel 2012 collabora con la Piccola Orchestra Malarazza e partecipa alla settima edizione di “Amor  Mediterranei” nel suggestivo teatro di pietra ”Andromeda” presso la Fattoria dell'Arte in contrada Rocca a Santo Stefano Quisquina.Dal 2013 si esibisce in duo con Pippo Barrile (voce dei Kunsertu) proponendo un repertorio di canti  dialettali antichi e moderni, tradizionali e autografi; consolida la lunga collaborazione con Bruna Perraro  nel duo Todo Cambia, continua ad esibirsi da sola con il repertorio di canti siciliani e di altre terre del mediterraneo.
Collaborazioni: Mondorchestra, Toti Pumpo, Christian Sgarella,Malapizzica, Nicola Briuolo, Specimen Teatro, Nando Citarella, Lia Rocco, Andrea Zulini, Bruna Perraro, Ramashanty Cappello, Salvatore Coppola, Gaetano Celano, Alessandro Orlando Graziano, Anders Pettersson, Sten Rönbeck, Claudio Prima, Antonio Presti, Jamal Ousseini, Arcidonna Palermo. Compagnia Marionettistica Fratelli Napoli, Giovanni Costantino, Piccola Orchestra Malarazza, Pippo Barrile, Nati a Sud.

 

 

 

GIANA GUAIANA

CANZONI

A GIOSTRA

 

A GIOSTRA
(Angelo Branduardi, 
da “Cercando l'oro”, 1983)
                                                        

   Nta 'a chiazza nti 'i jorna di suli
  vistuta a festa la genti passia,
si scialanu li picciliddi,
dda' nfunnu 'a giostra firria.
Li vecchi chi stannu assittati  
s'appinnicanu spissu 
a lu cauru du suli,   
la banna accumincia a sunari
canzuna antichi d'amuri...

E passanu jorna e staciuni,
nta 'a chiazza la genti passia,
cuntinua a sunari la banna,
dda' nfunnu 'a giostra firria.

Nta 'a chiazza nti 'i jorna di suli
vistuta a festa la genti passia,
la banna accumincia a sunari,
dda' nfunnu 'a giostra firria.
Dormunu li vicchiareddi
jocanu e ridinu li picciliddi,
la banna cuntinua a sunari
canzuna antichi d'amuri...


E passanu jorna e ..

l parco nei giorni di sole vestita a festa la gente cammina,
bambini che ridono forte,
là in fondo gira la giostra.
I vecchi che siedono soli si addormentano a volte al calore del sole,    
inizia a suonare la banda vecchie canzoni d'amore... 
E passano giorni e stagioni, 
nel parco la gente cammina, 
la banda continua a suonare,
là in fondo gira la giostra.   
Al parco nei giorni di sole
  vestita a festa la gente cammina, 
inizia a suonare la banda,
là in fondo gira la giostra. 
I vecchi che dormono al sole, bambini che giocano e
ridono forte, 
la banda continua a suonare
  vecchie canzoni d'amore...
E passano giorni e stagioni, 
nel parco la gente cammina,
la banda continua a suonare, là in fondo gira la giostra.

 

GIANA GUAIANA

CANZONI

IL VOLO  

 

   
 

 

IL VOLO  
(G.Guaiana)
dedicato ad Angelo D'Arrigo 

Cantu  la  storia  d'un  omu  'ccillenti
chi  comu  aceddu  supra mari  e  munti
passau  lu megghiu  tempu  d'a  so' vita
bruciannu  di  na  passioni  nfinita.
Vulari  e  poi  vulari  ntunnu  ntunnu
Scopririnni  i  segreti  finu  nfunnu,
pi  chistu  s'industriau  a  farisi  amici
aquile,  condor,  aceddi  rapaci.
Rit.  E  comu  e  comu  spariu  di  sta  terra  spariu
E  comu  e  comu  vulau  di  sta  terra  vulau..
Essennu  amanti  di  natura  e  scienza
detti  a  serviziu  la  so'  conoscenza
e  ci  piaciu  nsignari  a  ogni  pirsuna
che di  stu  munnu  'un  semu  li  patruna.
Di  accussì  granni  impresi  paladinu
chianci  la  genti  'u  so'  tristi  distinu,
doppu  chi  tantu  autu  avia  vulatu
d'un  nicu  aereo  cadiu  sfracillatu.
Rit.  E  comu  e  comu  spariu  di  sta  terra  spariu
E  comu  e  comu  vulau  di  sta  terra  vulau..
Aquila  chi  d'argentu  porti  l'ali
ferma  quantu  ti  dicu  dui  paroli:
“Va'  e  portaci  stu  cantu  nparadisu
sperannu  lu  accittassi  a  letu  visu”.
Rit.  E  comu  e  comu  spariu  di  sta  terra  spariu
E  comu  e  comu  vulau  di  sta  terra  vulau..

IL VOLO

 

Canto la storia d'un uomo eccellente
che come un uccello su mari e monti
trascorse il miglior tempo della sua vita
bruciando di una passione infinita.
Volare e poi volare intorno intorno
scoprirne i segreti fino in fondo,
per questo s'industriò a farsi amici
aquile, condor, uccelli rapaci.
Rit. E come e come è sparito da questa terra è sparito
E come e come è volato da questa terra è volato..
Essendo amante della natura e della scienza
mise a servizio la sua conoscenza
e gli piacque insegnare ad ogni persona
che di questo mondo non siamo i padroni.
Di così grandi imprese paladino
piange la gente il suo triste destino,
dopo che tanto alto aveva volato
da un piccolo aereo cadde sfracellato.
Rit. E come e come è sparito da questa terra è sparito
e come è volato da questa terra è volato..
Aquila che d'argento hai le ali
fermati che ti dico due parole:
“Vai e portagli questo canto in paradiso
sperando che lo accolga con lieto viso”.
Rit. E come e come  è sparito da questa terra è sparito
e come e come è volato da questa terra è volato..

 

GIANA GUAIANA

CANZONI

SIGNURUZZU FACITI BON TEMPU

 

 

SIGNURUZZU FACITI BON TEMPU
Giana Guaiana (LIVE)
canto tradizionale


E Signuruzzu miu faciti bon tempu, 
haiu l’amanti miu ‘mmenzu di lu mari, 
l’arvuli d’oru e li ‘ntinni d’argentu, 
la Marunnuzza mi l’havi a jutari. 

Chi pozzanu arrivari ‘nsarvamentu! 
Comu arriva ‘na littra m’ha’ fari, 
ci ha’ mettiri du’ duci paroli, 
comu ti l’ha passatu mari mari. 

Assira nna ddu lettu era curcata, 
e Pippinedda chi cuntava l’uri. 
E l’acqua chi chiuvia era jlata. 
Comu ti la passasti, amuri amuri?

Signore concedeteci il bel tempo,
il mio amato è in mezzo al mare;
l’albero maestro è d’oro e i pennoni d’argento,
la Madonna lo deve aiutare
perché possa giungere in salvo.
E se arriva una lettera
che contenga due parole dolci
e mi dicano come stai in mare, in mare.)

 

GIANA GUAIANA

CANZONI

SIGNURUZZU FACITI BON TEMPU

 

 

SIGNURUZZU FACITI BON TEMPU
Giana Guaiana (LIVE)
canto tradizionale


E Signuruzzu miu faciti bon tempu, 
haiu l’amanti miu ‘mmenzu di lu mari, 
l’arvuli d’oru e li ‘ntinni d’argentu, 
la Marunnuzza mi l’havi a jutari. 

Chi pozzanu arrivari ‘nsarvamentu! 
Comu arriva ‘na littra m’ha’ fari, 
ci ha’ mettiri du’ duci paroli, 
comu ti l’ha passatu mari mari. 

Assira nna ddu lettu era curcata, 
e Pippinedda chi cuntava l’uri. 
E l’acqua chi chiuvia era jlata. 
Comu ti la passasti, amuri amuri?

Signore concedeteci il bel tempo,
il mio amato è in mezzo al mare;
l’albero maestro è d’oro e i pennoni d’argento,
la Madonna lo deve aiutare
perché possa giungere in salvo.
E se arriva una lettera
che contenga due parole dolci
e mi dicano come stai in mare, in mare.)