GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

 

NINNA NANNA DI LA GUERRA

Oriana Civile (alla chitarra Ciccio Piras

 

NINNA NANNA DI LA GUERRA

(Giuseppe Ganduscio)

Ed alavo ' sunnuzzu viniti

ca iu l'annacu e vui l'addummiscitì,

ed alavo' figliuzzu ammannatu

suliddi semu, to'patri è surdatu.

Ed alavo 'figliuzzu di Diu

ca tu' nascisti e to' patri murìu

muri a la guerra, un ti potti vidiri,

suliddi semu, suliddi a patiri.

Oh oh oh

dormi figliu e fai la vo'.

Oh oh oh

dormi figliu e fai la vo',

dormi figliu e fai la vo'.

NINNA NANNA DELLA GUERRA

Fai la ninna oh, sonno venite

che io lo cullo e voi l’addormentate,

fai la ninna figlio mandato (1)

soli siamo, tuo padre è a fare il soldato.

Fai la ninna, figlio di Dio,

che tu sei nato e tuo padre è morto

morì alla guerra, non ti poté conoscere

siamo soli, soli per patire

Oh, oh, oh

dormi figlio e fai la nanna.

Oh, oh, oh

dormi figlio e fai la nanna,

dormi figlio e fai la nanna.

1) dal cielo



 

 

È una ninna nanna di Giuseppe Ganduscio (Ribera, 6 gennaio 1925 - Firenze, 7 settembre 1963) poeta italiano ed illustre personaggio siciliano, si occupò moltissimo di musica popolare e insegnò a Rosa a Firenze i canti prelevati dal “Corpus” del Favara. Interessante ninna nanna, nella quale la madre addormenta il bambino ricordandogli il padre morto in guerra;
ninna nanna e guerra non collimano, la prima è l’espressione della dolcezza della mamma che culla il bimbo per addormentarlo, la seconda è l’espressione più brutale di un essere umano costretto ad ammazzare altri uomini spesso per litigi tra i potenti; in questa ninna nanna la dolcezza della voce di Oriana Civile contrasta con la bruttezza della guerra e della morte.
Questa canzone è stata cantata in occasione del 90° della nascita di Rosa Balistreri al teatro "Re Grillo" a Licata il 21 marzo 2017
Nicolò La Perna