GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 92 visitatori e nessun utente online

 

ORIANA CIVILE - MAURIZIO CURCIO

 

CANZONI

A LA FIMMINISCA

 

 

 

 

 

A LA FIMMINISCA

E Signuruzzu miu, faciti bon tempu
aiu l'amanti mia 'nmenzu a lu mari
l'arvuli d'oru e li 'ntinni d'argentu, 
la Maronnuzza m'ava aiutari. 
Chi pozzanu arrivari 'nsarvamentu
e comu arriva na littra m'ha fari
ci ha mittiri du duci paroli,
comu ti l'ha passatu mari mari?
E arsira 'nda ddu lettu era curcata
e Pippinedda chi cuntava l'uri
e l'acqua chi chiuvia chi era ilata 
comu ti l'ha passatu amuri amuri?

                                                                                                                                                                                                                         

A MODO DELLA DONNA

Eh! mio Signore, fate buon tempo
perchè ho l'amante in mezzo al mare
l'albero d'oro e le antenne d'argento,
la Madonnina deve aiutarmi.
Che possano arrivare in salvamento
e come arriva una lettera devo rispondere, debbo mettere due dolci parole. Come stai in mezzo al mare?
E ieri sera in quel letto ero coricata
e Peppinella che contava le ore
e l'acqua che pioveva, come era gelata
Come stai amore amore?

 

Voce: Oriana Civile
Strumenti musicali: stick ,percussioni, baglama, orchestra d'archi, tamburi e loop machine: Curcio Maurizio 
Romanza dalla raccolta "Canti d'amore e di sdegno, romanze e stornelli della provincia di Messina Origine Caronia (Me)

 

 

 

il canto "A la fimminisca" lo ritroviamo in Alberto Favara, grandissimo etnomusicologo siciliano nel suo Corpus di Musiche Popolari Siciliane al n 222, indica il modo di cantare delle donne dei marinai di Trapani che, pregando, aspettavano trepidanti i propri mariti andati per mare;

Ecco cosa dice il Favara in merito a questo canto:
Un'altra tonazione di Trapani è il canto col quale le stesse fimminazzi, indurite dalle asprezze della miseria, esprimono i sentimenti più gentili ed affettuosi, le ansie, i palpiti, per i loro uomini, che stanno in mare fra i pericoli e gli stenti