GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 310 visitatori e nessun utente online

MANZI ANNA MARIA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MANZI ANNA MARIA

 

CANZONI

A VIRRINEDDA

BUTTANA DI TO MÀ

CURRI CAVADDU MIU

E NUN DURMIRI

LI 7 SPIRITI

 

Anna Maria MANZI si avvicina alla musica a 19 anni, partecipando ad una formazione corale polifonica diretta dal M° Amedeo Scudiero. In seguito approfondisce lo studio del canto con la cantante lirica Carmen Petrocelli e, nel corso degli anni, prende parte a seminari tematici sulla tecnica attoriale applicata al canto (con Mary Setrakian, prestigiosa insegnante a Brodway), sul metodo Estill Voicecraft (con Elisa Turlà) e sugli stili e le figure ritmiche della Musica Popolare Brasiliana (con Claudia Marss) Si dedica allo studio del pianoforte sotto la guida della Maestra Milena Giannoni, presso l’Accademia Interamnense di Roma. Esordisce nel 1996, grazie all’incontro con l’interprete argentina Liliana Gimenez. Insieme fondano il gruppo “Gitano Express”, che si esibisce in Italia e all’estero con un repertorio che unisce stili musicali diversi, dalla rumba flamenca al latin-jazz e alla bossa nova. Dal 1998 si dedica con passione alla musica popolare brasiliana, determinante in tal senso è l’incontro con musicisti virtuosi del samba e della bossa-nova quali i chitarristi e compositori brasiliani Chico Miceli e Josè Moacyr Marillotta (con il quale avvia nel 2000 una collaborazione che culmina nella creazione del “Trio de Janeiro”) e con il pianista Roger Carrer, musico-terapeuta con il quale, tra il 2010 e il 2011 reinterpreta i classici della bossa nova nel concerto-racconto “Brasil pra nós”. Alla fine del 2011 con il chitarrista Fabio Pignatelli, forma il duo Alma Errante, che propone in modo originale e creativo brani dello scenario musicale etno-world, percorrendo idealmente un itinerario attraverso i luoghi del Sud del mondo. Nel corso del 2012 elabora, con il talentuoso chitarrista Francesco Mascio, il progetto “Manipura” basato sull’interpretazione dei mantra della tradizione devozionale indiana in chiave moderna e ricca di suggestioni. Dal 2009 si dedica con passione allo studio della musica popolare siciliana e si esibisce nella capitale in recital dedicati alla musica e al personaggio della grande Rosa Balistreri.

 

MANZI ANNA MARIA

 

CANZONI

A VIRRINEDDA

A VIRRINEDDA
(tradizionale)

Accattari vurria na virrinedda
di notte la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu sì bedda
quannu ti spogli prima di curcari!
E temu ca tu fussi cussi bedda
ca l'occhi nun m'avissiru a nurvari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d'ammuri ni vinni a purtari
ridìanu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di lu mari.
Binidittu lu Diu chi ti manteni
ca cussi bedda ti vosi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni
l'ariu tribulatu fa sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
‘ntesta si miritava na curuna
‘nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.
Catina ca mi teni ‘ncatinatu
catina chi ‘ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia.

LA VERRINA (1)


Vorrei comprare una verrina 
e di notte bucare la tua porta
per vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti spogli prima di coricarti.
E temo che tu possa essere così bella
che gli occhi mi potrebbero accecare
lascia la porta un po’ aperta
che questa notte ti vengo a trovare.

E una barchetta con tante bandiere
questa dea d'amore venne a portare
ridevano tutte le celesti sfere
tremavano tutti gli specchi del mare.
Benedetto Dio che ti mantiene
e che così bella volle formarti!
dove tu vai fioriscono i fiori
l'aria tempestosa fai rasserenare.
Aveva le trecce di Maddalena (2)
in testa portava una corona
nella tua casa non c’è lume
la luce la emani tu, stella Diana.
Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così credo che tu voglia bene a me.
1) trapano a mano  
2) la peccatrice del Vangelo

 

 

 

 

 

MANZI ANNA MARIA

 

CANZONI

E NUN DURMIRI

E NUN DURMIRI
testo e musica Carmelo Ambra

E nun durmiri no! nun durmiri 
ca l'occhi to mi servunu pi gioiri
Diu criau lu scuru dintra la luci
e poi e poi s'ammucciò
dicennu: circati, circati, circati.
E sona, sona, sona, e canta, canta, canta
e lassiti furiari, ca tantu nenti tu po fari
ca tantu nenti tu po fari.


E nun durmiri no! nun durmiri 
ca la vuci to mi senvi pi sintiri
Diu unni si, Diu si ci si, 
dicennu: circati, circati, circati.
E sona, sona, sona, e canta, canta, canta
e lassiti furiari, ca tantu nenti tu po fari
ca tantu nenti tu po fari.

E nun durmiri no! nun durmiri 
ca li to pinzeri mi servunu pi sugnari,
Diu quanti curi, Diu quanti sapuri, 
dicennu: circati, circati, circati.
E sona, sona, sona, e canta, canta, canta
e lassiti furiari, ca tantu nenti tu po fari
ca tantu nenti tu po fari.

E sona, sona, sona, e canta, canta, canta
e lassiti furiari, ca tantu nenti tu po fari
ca tantu nenti tu po fari.

 

 

 

 

 

MANZI ANNA MARIA

 

CANZONI

BUTTANA DI TO MA’

BUTTANA DI TO MA’
(tradizionale)

Buttana di to mà, ngalera sugnu
ah senza fari un milèsimu di dannu
Tutti li amici me' cuntenti foru
ah quannu ncarzareteddu
mi purtaru
Ah tutti li amici me' 
nfami e carogna
ah chiddu ca si mangiàu la castagna(1)
ah quannu arristaru a mia 
era ‘nnucenti.
Ah era lu jornu di tutti li santi 
e nun sugnu mortu no, su' viv'ancora,
ogghiu cci nn'è nta la lampa 
e ancora adduma (2)
Ah si voli Diu e nesciu di sta tana
a risposta cc'aiu a dari 
a l'impamuna, ann'a finiri sti vintinov'anni
ùnnici misi e vintinovi jorna,
ùnnici misi e vintinovi jorna

 

 

PUTTANA DI TUA MADRE

Puttana di tua madre, in galera sono
ah! senza fare un millesimo di danno
ah! tutti i miei amici son rimasti contenti
ah! quando in carcere 
mi portarono
ah! tutti i miei amici, 
infami e carogna
ah! maledetto il delatore
ah! quanto mi hanno arrestato, 
io ero innocente.
Ah! era il giorno di ognissanti
e non sono morto no! 
sono ancora vivo,
olio ce n’è in questa lampada 
ed ancora accende
ah! se vuole Dio ed esco da questa tana
una risposta debbo dare agli infami,
debbon finire questi venti nove anni
undici mesi e ventinove giorni,
undici mesi e ventinove giorni

1) mangiare la castagna è sinonimo di 
delazione alle forze dell’ordine
2) ho ancora molti anni da vivere

 

 

 

 

 

MANZI ANNA MARIA

 

CANZONI

LI 7 SPIRITI

LI 7 SPIRITI
testo e musica di Carmelo Ambra

Li 7 spiriti calaru e di 'ncelu s'avvicinaru 
sintennu li to paroli, sintennu la vuci to.
Mi nni vaiu, mi nni vaiu.
Quannu ti ti nni vai, stringimi li manu
ca li to carizzi, mi fannu beni.
Quannu ti nni vai, stringimi chiù forti
ca li to carizzi, mi fanu beni,
ca li toc arizzi, mi fannu beni.

E lu ventu calava, cu li spiriti discuteva
ognunu pinsava, ognunu diceva
resta cca, resta ancora.
Quannu ti ti nni vai, stringimi li manu
ca li to carizzi, mi fannu beni.
Quannu ti nni vai, stringimi chiù forti
ca li to carizzi, mi fanu beni,
ca li toc arizzi, mi fannu beni.